David Norris (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

David Patrick Bernard Norris (1 luglio 1944) è un politico irlandese.

Oltre a essere un famoso intellettuale, è un senatore indipendente e attivista dei diritti civili e diritti LGBT. A livello internazionale, a Norris viene riconosciuto il merito di aver gestito ed essere riuscito a far abolire la legge anti-omosessualità che portò alla caduta di Oscar Wilde.

Ha conseguito questo successo politico nel 1988, dopo una campagna di quattordici anni. Gli è stato riconosciuto, inoltre, di essere il solo responsabile per la riabilitazione di James Joyce, scrittore e poeta disapprovato dal pubblico irlandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ex professore universitario, dal 1987 è membro del Seanad Éireann, la camera alta del Parlamento irlandese. È stata la prima persona omosessuale a essere eletta a una carica pubblica in Irlanda. Oltre a essere stato l'iniziatore della campagna per la riforma della legge omosessuale, è anche un membro di spicco della chiesa irlandese.

È stato candidato alla Presidenza dell'Irlanda nelle elezioni presidenziali del 2011[1]. La candidatura di Norris fu approvata dall'attore e scrittore britannico Stephen Fry, che disse "L'Irlanda non potrebbe avere un presidente più intelligente, appassionato e dedicato di Norris"[2]. Superò numerosi sondaggi di opinione e fu uno dei candidati preferiti dell'elettorato irlandese ma si ritirò dalla competizione mesi prima delle elezioni, facendovi ritorno nel mese di settembre del 2011.

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • Borsa di studio del Consiglio d'Europa per i Viaggi
  • Premio Walter Wormser Harris
  • Borsa di studio della Fondazione di letteratura inglese e della lingua
  • Premio europeo per i diritti umani (nomina)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) David Norris wins Irish presidency nomination, The Guardian, 28 settembre 2011. URL consultato il 5 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Norris’ Áras bid gets celebrity backing, TheJournal.ie, 29 giugno 2011. URL consultato il 5 settembre 2012.

Controllo di autorità VIAF: 119395219 LCCN: n87833981