Daniel Roth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniel Roth alla console dell'organo della chiesa di Saint-Sulpice di Parigi.

Daniel François Roth (Mulhouse, 31 ottobre 1942) è un organista, compositore e pedagogo francese. È l'attuale organista della chiesa di Saint Sulpice a Parigi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Roth iniziò il proprio percorso musicale frequentando il conservatorio della sua città natale, Mulhouse. Nel 1960 fece il proprio ingresso al conservatorio di Parigi dove ottenne il diploma con cinque primi premi in organo e improvvisazione (1963, classe di Rolande Falcinelli), armonia (1962, classe di Maurice Duruflé), contrappunto e fuga (1963, classe di Marcel Bitsch), e accompagnamento al pianoforte (1970, classe di Henriette Puit-Roget). Egli studiò inoltre organo con Marie-Claire Alain.

Daniel Roth è inoltre padre del direttore e flautista Francois-Xavier Roth[1] e del violinista Vincent Roth.

La carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1963, Daniel Roth divenne il sostituto di Rolande Falcinelli al grand'organo della Basilica del Sacro Cuore di Parigi dove le succedette nel 1973 come organista titolare, posizione che mantenne sino al 1985 quando venne nominato organista titolare della chiesa di Saint Sulpice sempre a Parigi, sede ove già avevano suonato grandi organisti francesi come Charles-Marie Widor, Marcel Dupré e Jean-Jacques Grunenwald.

Daniel Roth aveva inoltre già vinto molte prestigiose competizioni organistiche come quella "Amis de l'orgue" ed il gran premio organistico e d'improvvisazione al concorso di Chartres del 1971.[1]

Dal 1974 al 1976, Daniel Roth fu residente alla National Shrine of the Immaculate Conception e professore di organo alla Catholic University di Washington, D.C.. Egli ricoprì inoltre la cattedra di insegnante d'organo presso le università di Marsiglia (1974-1979), Strasburgo (1979-1988) e Saarbrücken (1988-1995). Dal 1995 al 2007 ha insegnato organo e improvvisazione all'Università Musicale di Francoforte ed è stato inoltre consulente per il nuovo organo acquistato dalla Luxembourg Philharmony.

Daniel Roth è cavaliere dell'Ordine della Legion d'Onore, nonché Ufficiale de Ordre des Arts et des Lettres e "Honorary Fellow of the Royal College of Organists". Nel 2006 ha ricevuto il premio europeo per la musica sacra allo Schwäbisch Gmünd Festival (Germania).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Legion d'onore
Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Assolo di organo[modifica | modifica wikitesto]

  • Cinq Versets sur Veni Creator (In: L'organiste liturgique n°53. Paris: Éditions Schola Cantorum)
  • Évocation de la Pentecôte (composto nel 1979. Paris: Leduc, 1979/revised 1996, inédit)
  • Final Te Deum (composto nel 1981. Kassel: Bärenreiter, 1993)
  • Joie, Douleur et Gloire de Marie (composto nel 1990. London: Novello, 1990)
  • Hommage à César Franck (composto nel 1990. Paris: Leduc, 1993)
  • Après une Lecture... (composto nel 1993. In: 1er recueil d'œuvres pour orgue. Paris: Éditions Billaudot, 1993)
  • Pour la nuit de Noël (composto nel 1993. Paris: Leduc, 1993):
  • Triptyque - Hommage à Pierre Cochereau (composto nel 1995 Paris: Leduc, 1996):
    • Prélude
    • Andante
    • Toccata
  • Introduction et Canzona (composto nel 1977-1990. Leutkirch/Allgäu: Pro Organo, 1992)
  • Artizarra - Fantaisie sur un chant populaire basque, pour la fête de I'Epiphanie (composto nel 1999. Mainz: Schott, 2002)
  • Petite Rhapsodie sur une chanson alsacienne (In: Elsässische Orgelmusik aus vier Jahrhunderten. Mainz: Schott, 1998)
  • Livre d'orgue pour le Magnificat, Hommage au Facteur d'orgues Aristide Cavaillé-Coll:
    • Vol. 1 (Paris: Éditions Association Boëllmann-Gigout, 2007):
      • 1a. Magnificat
      • 1b. Et exsultavit
      • 2. Quia respexit
      • 3. Quia fecit
      • 4. Et misericordia
      • 5. Fecit potentiam
    • Vol. 2 (unpublished):
      • 6. Deposuit
      • 7. Esurientes
      • 8. Suscepit
      • 9. Sicut locutus est
      • 10. Gloria Patri
  • Fantaisie fuguée sur Regina Caeli (Mainz: Schott, 2007)

Pezzi per organo a quattro mani[modifica | modifica wikitesto]

  • Diptyque (2009, non pubblicato):
    • Andante
    • Allegro giocoso

Musica da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • Aïn Karim; Fantasia per flauto e organo (Mainz: Schott, 1998)
  • Légende per oboe e piano (Paris: Éditions Billaudot)

Lavori vocali[modifica | modifica wikitesto]

  • Ave Maria per quattro voci eguali (Sampzon: Delatour France)
  • In manus tuas Domine per SATB (St. Augustin: Butz-Verlag)
  • Regina Caeli per voci miste (Sampzon: Delatour France)
  • Reine du ciel a cappella (Strasbourg: Éditions Caecilia, 1977)
  • Notre Père a cappella (Strasbourg: Éditions Caecilia, 1977)
  • Messe brève - Missa Brevis per SATB coro e organo (Mainz: Schott, 2001):
    • Kyrie
    • Gloria
    • Sanctus
    • Agnus Dei
  • In manus tuas per SATB coro e organo e accompagnamento ad libitum (St. Augustin: Butz-Verlag)
  • Ego sum panis per SATB coro e organo (St. Augustin: Butz-Verlag)
  • Missa de archangelis per SATB coro e organo (Sampzon: Delatour France):
    • Kyrie
    • Sanctus
    • Benedictus
    • Agnus Dei
  • Dignare me o Jesu per solista, coro e organo (Sampzon: Delatour France)
  • Gebt Zeugnis! per solista, coro e organo (Mainz: Schott)

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

  • Licht im Dunkel per organo, pianoforte e orchestra:
    • I. L'Espérance (poema per orchestra) (Mainz: Schott, 2005)
    • II. L'Amour (per organo, pianoforte e orchestra) (unpublished)
    • III. La Joie (Fantaisie for organ, piano and orchestra) (Mainz: Schott, 2007)

Trascrizioni per organo[modifica | modifica wikitesto]

  • César Franck: Interlude symphonique dall'oratorio "Rédemption" (Kassel: Bärenreiter, 1996)
  • Camille Saint-Saëns: Scherzo da Six Duos op. 8 for harmonium e pianoforte (Paris: Éditions Jobert)
  • César Franck: Symphony (non pubblicata)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roth, Daniel. Le Grand-Orgue A. Cavaillé-Coll, Mutin de la basilique du Sacré-Cœur de Montmartre à Paris. La Flûte harmonique : Publication de l'association A. Cavaillé-Coll, Numéro spécial 1985.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Afternoon on 3 / BBC National Orchestra of Wales - BBC Radio 3 program of 23 February 2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Organista titolare della Chiesa di Saint-Sulpice Successore Organ of Saint-Sulpice in Paris.jpg
Jean-Jacques Grunenwald 1985-oggi in carica

Controllo di autorità VIAF: 103990650 LCCN: n81004703