Crisma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Un vasetto di olio consacrato

Nella Chiesa cattolica il crisma è l'olio misto a profumo che viene utilizzato nei sacramenti del Battesimo, della Confermazione e dell'Ordine. In modo simile il crisma viene usato nelle Chiese ortodosse e nella Chiesa assira, nella Comunione anglicana e dai luterani.

Il termine crisma deriva dal greco χρῖσμα, poi χρίσμα e significa unguento od unzione. Proprio perché nel sacramento della confermazione viene usato quest'olio il sacramento stesso viene anche chiamato cresima.

Nel Cattolicesimo[modifica | modifica sorgente]

Il crisma viene consacrato in ogni diocesi una volta all'anno il Giovedì Santo dal vescovo durante la messa crismale, durante la quale vengono benedetti l'olio dei catecumeni e l'olio degli infermi. Questa messa viene detta crismale proprio perché viene consacrato quest'olio, il quale è ritenuto il più importante tra i tre oli usati nei sacramenti cristiani. Dopo la messa crismale viene distribuito ad ogni parrocchia.

Nella preghiera di consacrazione di questo olio il vescovo chiede che Dio lo benedica e lo consacri e così «infonda in esso la forza dello Spirito Santo con la quale hai unto i sacerdoti, i re, i profeti e i martiri». [1]

Utilizzo del Crisma[modifica | modifica sorgente]

  • nel battesimo si unge con il crisma il capo del battezzato per significare la sua incorporazione al sacerdozio di Cristo [1]. Nella Chiesa cattolica quest'unzione prefigura ma non sostituisce l'unzione della Confermazione, mentre nella Chiesa ortodossa costituisce il sacramento della Confermazione.
  • nella confermazione si traccia una croce sulla fronte del cresimando per significare la donazione dello Spirito Santo come forza per dare testimonianza a Cristo nella vita.
  • nell'ordinazione il crisma si usa per ungere le palme delle mani dei presbiteri e le fronti dei vescovi.
  • nella dedicazione di una chiesa viene utilizzato per ungere le pareti e gli altari.

In passato era utilizzato per la benedizione del calice e della patena. L'unzione arriva dapprima in forma di croce e poi il crisma veniva spalmato fino a ricoprire gli oggetti da consacrare.

Nelle parrocchie viene comunemente custodito insieme agli altri due oli santi, in un'apposita sede chiamata "tabernacolo degli oli santi".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b José Aldazabal, Dizionario sintetico di liturgia, Roma 2001 ISBN 88-209-7129-1

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]