Cotyledon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cotyledon
Cotyledon tomentosa ssp. ladysmithensis.jpg
Cotyledon tomentosa ssp. ladysmithensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Saxifragales
Famiglia Crassulaceae
Genere Cotyledon
Specie

Cotyledon, genere di piante succulente sempreverdi appartenenti alla famiglia delle crassulaceae, è originario del Sudafrica. Il suo nome deriva dal greco kòtile (cavità) per via delle sue foglie a forma incava. Le Cotyledon sono piante semiarbustive, che possono assumere svariate forme; le foglie sono carnose ed i fiori, penduli in quasi tutte le specie, hanno colorazioni che vanno dal rosso al giallo.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Le Cotyledon necessitano di terreno poroso composto da terra concimata e sabbia molto grossolana; la loro esposizione deve essere in pieno sole, con annaffiature regolari in estate e quasi nulle in inverno.

Pur sopportando il freddo, non gradiscono il gelo; quindi in inverno andranno esposte ad una temperatura che non sia inferiore ai 4 °C ma in posizione molto luminosa.

La riproduzione avviene per talea, messa a radicare in sabbia sempre dopo che il taglio sia ben asciutto, ma anche per seme (che andrà depositato, non interrato, in un letto di sabbia leggermente umida a una temperatura di circa 21 °C).

Alcune specie coltivate[modifica | modifica wikitesto]

  • Cotyledon decussata: ha foglie disposte a rosetta all'apice delle ramificazioni di forma spatulare di colore verde e bordate di rosso, i fiori sono gialli striati di rosso.
  • Cotyledon macrantha: ha grossi steli ramificati, foglie carnose marginate di rosso e fiori rosso-arancio
  • Cotyledon orbiculata: di piccole dimensioni ha grandi foglie carnose con riflessi argentei e bordi rossastri ha fiori rosso-giallo
  • Cotyledon umbilicus-veneris: detta anche ombelico di Venere, scodellina e capecchiolo, possiede foglie basilari, carnose, umbilicate al centro, che formano una sorta di scodellina con picciolo; è una delle pochissime specie di succulente italiane.
  • Cotyledon undulata: raggiunge fino a 70 cm di altezza il fusto è molto robusto e le sue foglie biancastre assumono una forma quasi triangolare ondulate al margine; i fiori sono giallo-arancio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfredo Moreschi, L'Ombelico di Venere seduce la Pigna, "Il Regesto", Sanremo, a. 1, n. 3 (luglio/settembre 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica