Congiunzioni latine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella grammatica latina, la congiunzione (dal latino coniungo, «congiungere», «unire») è una parte invariabile del discorso che serve a congiungere una proposizione con un'altra o ad unire tra loro parti di una stessa proposizione. Così come in italiano, in latino le congiunzioni sono coordinanti quando uniscono due proposizioni della stessa natura, mentre sono subordinanti quando uniscono una proposizione subordinata ad un'altra che ne è la reggente.

Tipi di congiunzioni[modifica | modifica wikitesto]

Congiunzioni coordinanti[modifica | modifica wikitesto]

Le congiunzioni coordinanti si distinguono, in base alla funzione che svolgono, in:

  1. copulative:
  • et, atque, ac (davanti a consonante), -que (enclitica, aggiunta alla fine della parola che segue) → «e»;
  • etiam, quoque (posposta alla parola a cui si riferisce) → «anche»;
  • neque, nec → «né», «e non»;
  • ne...quidem → «nemmeno», «neppure».
  1. disgiuntive:
  • aut (contrapposizione tra due termini) → «o»;
  • vel (scelta fra due termini) → «o»;
  • sive, seu → «ovvero», «o piuttosto».
  1. avversative:
  • sed, verum → «ma», «al contrario»;
  • at, atqui → «ma», «eppure»;
  • vero, autem (posposte ad una o più parole) → «ma», «invece», «però», «tuttavia».
  1. causali-dichiarative:
  • nam, namque, etenim (in principio di proposizione) → «infatti»;
  • enim (posposto ad una o più parole) → «infatti».
  1. conclusive:
  • itaque, ergo, igitur (posposta) → «dunque», «pertanto», «perciò»;
  • ideo, idcirco, propterea → «perciò», «pertanto»;
  • quāre (o qua re), quamobrem, quocirca → «per la qual cosa».
  1. limitative:
  • quidem (posposta) → «almeno», «invero», «certamente»;
  • equidem (di solito con il verbo alla 1ª persona singolare) → «senza dubbio», «certamente», «per parte mia».
  1. correttive:
  • quin, quin etiam → «che anzi», «anzi»;
  • immo, immo vero → «anzi», «all'opposto»;
  • quamquam → «sebbene», «per quanto», «del resto», «d'altra parte».
  1. correlative:
  • et...et → «e...e», «sia...sia»;
  • nec...nec, neque...neque → «né...né»;
  • cum...tum → «sia...sia», «non solo...ma anche»;
  • nunc...nunc, tum...tum, modo...modo → «ora...ora»;
  • non solum...sed (etiam) → «non solo...ma (anche)»;
  • non modo...sed (etiam) → «non solo...ma (anche)»;
  • non tantum...sed (etiam) → «non solo...ma (anche)».

Congiunzioni subordinanti[modifica | modifica wikitesto]

Le congiunzioni subordinanti si distinguono, secondo il tipo di subordinazione che instaurano con la reggente, in:

  1. finali:
  • ut → «affinché»;
  • quo (in proposizione con un comparativo) → «affinché» (da «affinché con ciò»);
  • ne → «affinché non»;
  • neve, neu → «e affinché non».
  1. consecutive:
  • ut → «che» (esplicito), «da» (implicito);
  • ut non → «che non» (esplicito), «da non» (implicito);
  • sic, ita, tam → «così»;
  • tantus → «così...tanto»;
  • adeo → «a tal punto».
  1. causali:
  • quod, quia, quoniam → «poiché», «perché»;
  • quando, quandoquidem → «dal momento che»;
  • cum → «poiché» (cum narrativo).
  1. temporali:
  • dum, donec, quoad → «finché», «fin tanto che»;
  • ubi, ubi primum, ut, ut primum → «appena che», «non appena»;
  • simul, simul ac, simul atque → «appena che», «non appena»;
  • antequam, priusquam → «prima che», «prima di»;
  • postquam → «dopo che»;
  • cum → «quando», «allorché» (cum narrativo).
  1. condizionali:
  • si → «se»;
  • nisi, , si non → «se non»;
  • sin, sin autem, si minus → «se però», «se no»;
  • nisi forte, nisi vero → «tranne che», «a meno che»;
  • dummodo, dum modo → «purché»;
  • dummodo ne, dum ne → «purché non».
  1. concessive:
  • quamquam, quamvis, licet → «sebbene», «quantunque», «benché»;
  • etsi, etiamsi, tametsi → «anche se», «se anche»;
  • cum, ut → «benché», «sebbene».
  1. comparative:
  • ut, sicut, velut, tamquam → «come», «siccome»;
  • tamquam si, quasi, proinde → «come se»;
  • ut si, velut si, proinde (perinde) ac si → «come se».

Osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Alcuni termini solitamente usati come congiunzioni possono assumere funzione avverbiale: è il caso di et ed etiam con valore di «persino», quamvis con aggettivi di grado positivo, vel come rafforzativo dei superlativi. Un esempio:
«Fas est et ab hoste docēri.»
«Si può imparare persino da un nemico.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina