Commercy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Commercy
comune
Commercy – Stemma
il Castello di Commercy, di Germain Boffrand.
il Castello di Commercy, di Germain Boffrand.
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason Lorraine.svg Lorena
Dipartimento Blason département fr Meuse.svg Mosa
Arrondissement Commercy
Cantone Commercy
Territorio
Coordinate 48°45′N 5°35′E / 48.75°N 5.583333°E48.75; 5.583333 (Commercy)Coordinate: 48°45′N 5°35′E / 48.75°N 5.583333°E48.75; 5.583333 (Commercy)
Altitudine 227-280 m s.l.m.
Superficie 35,38 km²
Abitanti 6 670[1] (2009)
Densità 188,52 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 55200
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 55122
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Commercy
Sito istituzionale

Commercy (tedesco: Commarchen) è un comune francese di 6.670 abitanti situato nel dipartimento della Mosa nella regione della Lorena.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Commercy è situata nella valle della Mosa e sta a metà strada fra Bar-le-Duc ad ovest e Nancy. È attraversata dalla strada dipartimentale n. 964 che la collega alla strada statale (Route Nazionale) n. 4 che passa a circa 9 km a sud della città. È sede di stazione ferroviaria sulla linea per Toul e Nancy, quale ramo collegato alla tratta ferroviaria ParigiStrasburgo nella stazione di smistamento di Lérouville, 9 km a nord della città.


Storia[modifica | modifica sorgente]

La zona fu occupata dall’uomo fin dal paleolitico. Vi sono poche tracce della città che risalgano ad un periodo anteriore al IX secolo. Il nome della città è mutato più volte: le denominazioni più significative furono “Commarchia” (che significa: “sulla marca” cioè alla frontiera) e “Commercium” (denominazione medioevale). Giovanni di Sarrebrück concesse alla città nel 1324 la sua “carta di affrancamento” nella quale è inserito il motto della città stessa: “Qui mesure, dure” (Chi si limita, dura). Il Cardinale di Retz, Gian Francesco Paolo di Gondi ricevette in eredità la signoria di Commercy nel 1640 e vendette i suoi diritti di sovranità feudale ad Anna di Lorena, principessa di Lillebonne nel 1679. La principessa trasmise a sua volta i relativi diritti al fratello Carlo Enrico di Lorena, principe di Vaudémont nel 1708. Morto quest’ultimo nel 1723 la signoria tornò ai duchi di Lorena nella persona di Leopoldo I di Lorena. La duchessa vedova Elisabetta Carlotta, partito il figlio Francesco Stefano III di Lorena per la Toscana, della quale era divenuto granduca a seguito degli accordi che conclusero la Guerra di successione polacca, ricevette la signoria come una concessione di esiliata. Alla sua morte Stanislao Leszczyński, nuovo duca di Lorena e di Bar, si stabilì temporaneamente a Commercy abbellendola di splendidi giardini.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Le autentiche madeleine di Commercy

L’Economia della città si basa sulla siderurgia e sulla metallurgia nonché sulla produzione alimentare. Le famose madeleine (o madeleinette) sono una specialità di Commercy.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia