Cimego

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cimego
comune
Cimego – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Carlo Bertini (lista civica) dal 09/05/2005
Territorio
Coordinate 45°55′00″N 10°37′00″E / 45.916667°N 10.616667°E45.916667; 10.616667 (Cimego)Coordinate: 45°55′00″N 10°37′00″E / 45.916667°N 10.616667°E45.916667; 10.616667 (Cimego)
Altitudine 557 m s.l.m.
Superficie 10 km²
Abitanti 413[1] (31-12-2010)
Densità 41,3 ab./km²
Comuni confinanti Castel Condino, Condino, Daone, Ledro, Pieve di Bono
Altre informazioni
Cod. postale 38082
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022057
Cod. catastale C694
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti cimeghesi
Patrono san Martino
Giorno festivo 11 novembre
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cimego
Sito istituzionale

Cimego (Cìmek in dialetto trentino[2][3][4]) è un comune di 417 abitanti della provincia di Trento in Trentino-Alto Adige.

L'impianto del paese è diviso storicamente in due zone: la località la Villa e la parte di Quartinago. Quartinago è sopravvissuto in buona parte al trascorrere dei secoli e si mostra ai giorni nostri nella sua veste di borgo medievale. La parte alta del paese subì invece forti rivisitazioni a seguito dei bombardamenti della Prima guerra mondiale.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Ponte sospeso sul rio Caino

Persone legate a Cimego[modifica | modifica sorgente]

Margherita fu arsa viva sulle rive del torrente Cervo, dove la tradizione identifica ancora una sorta di isolotto detto appunto "di Margherita". Altro dolciniano fu Alberto da Cimego.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 207.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 243.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]