Chiesa di Santo Stefano in Walbrook

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa di Santo Stefano in Walbrook
Saint Stephen Walbrook
Esterno
Esterno
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Grande Londra
Località Londra
Religione Cristiana anglicana
Diocesi Diocesi di Londra
Architetto Christopher Wren
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1672
Completamento 1680
Sito web Sito ufficiale
Interno

La chiesa di Santo Stefano in Walbrook (in inglese: St Stephen Walbrook) è un luogo di culto anglicano situato al centro della City di Londra, vicino al Monument ed al palazzo della Banca d'Inghilterra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'attuale chiesa, costruita su progetto di Sir Christopher Wren negli anni 1672-80, sorge sul sito dell'antica chiesa omonima del XV secolo, distrutta dal Grande Incendio del 1666. Prima ancora della chiesa medioevale ce n'era una omonima (del VII secolo) sulle rive del Tamigi. Nel 1987 fu installato al centro della chiesa un moderno altare in pietra, opera di Henry Moore.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di Santo Stefano è riconoscibile all'esterno dalla cupola coperta la lastre di rame e dall'alto campanile con guglia piramidale. L'edificio è privo di una facciata vera e propria, e il portale d'ingresso è situato in un basso corpo di fabbrica alla destra della torre campanaria.

L'interno della chiesa è a cinque navate divise da colonne marmoree sormontate da capitelli corinzi e sorreggenti architravi.

Le tre navate centrali si interrompono dopo la seconda campata e si uniscono in un unico grande spazio coperto con cupola semisferica cassettonata priva di tamburo e con articolare decorazioni in stucco. Al centro di questo ambiente, si trova il moderno altare marmoreo, realizzato nel 1987 da Henry Moore. A ridosso della parete fondale, sotto un grande finestrone ad arco, si trova il precedente altare, cinto da una balaustra lignea. Alla sua destra, il pregevole pulpito barocco con copertura a cipolla.

Alle pareti si trovano delle lapidi che ricordano personaggi inglesi defunti, alcuni dei quali sono sepolti nella chiesa (alcune lapidi provengono dalla cripta del tempio quattrocentesco).

Organo a canne[modifica | modifica sorgente]

Sulla cantoria in controfacciata, si trova l'organo a canne, costruito nel 1765 e più volte modificato ed ampliato; l'ultimo intervento è stato condotto nel 1987 dalla ditta organaria Hill & Son & Norman & Beard.

Lo strumento attuale conserva la pregevole cassa lignea settecentesca, decorata con sculture. Il sistema di trasmissione è elettronica e la consolle ha tre tastiere di 56 note ciascuna ed una pedaliera di 30 note; i registri sono in totale 38.

Di seguito, la disposizione fonica dell'organo:

Prima tastiera - Choir
Dulciana 8'
Lieblich Gedackt 8'
Flauto traverso 4'
Flautino 2'
Larigot 1.1/3'
Orchestral Oboe 8'
Tromba 8'
Clarion 4'
Seconda tastiera - Great Organ
Double Open Diapason 16'
Open Diapason 8'
Hohl Flute 8'
Octave 4'
Harmonic Flute 4'
Fifteenth 2'
Mixture III
Trumpet 8'
Clairon 4'
Terza tastiera - Swell
Open Diapason 8'
Rohr Flute 8'
Salicional 8'
Vox Angelica 8'
Octave 4'
Suabe Flote 4'
Fifteenth 2'
Mixture III
Contra Trombone 16'
Horn 8'
Oboe 8'
Clarion 4'
Pedal
Sub Bourdon 32'
Open Diapason 16'
Violone 16'
Bourdon 16'
Violoncello 8'
Bass Flute 8'
Trombone 16'
Trumpet 8'
Clarion 4'

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]