Chiesa di San Fiorenzo (Bastia Mondovì)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°26′23.06″N 7°54′13.36″E / 44.43974°N 7.90371°E44.43974; 7.90371[1]

Chiesa di San Fiorenzo
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Località Bastia Mondovì
Religione cattolica
Titolare San Fiorenzo
Diocesi Mondovì
Stile architettonico gotico

La chiesa di San Fiorenzo, è una chiesa di Bastia Mondovì in provincia di Cuneo. È il risultato di diverse ristrutturazioni e rimaneggiamenti, avvenute nei corso dei secoli.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Prima dell'anno 1000 era una piccola cappella, successivamente ingrandita. Venne affrescata ai primi del Trecento.

Nel XIV-XV secolo venne edificata una grande navata gotica, trasformando in presbiterio la capella precedente. Nel 1472, su committenza del signore di Carassone, Bonificio della Torre, l'interno della chiesa venne decorato con un ciclo di affreschi che copre 326 m². e illustra gli episodi più importanti del Nuovo Testamento, delle vite di san Fiorenzo e di sant'Antonio abate.

Affreschi quattrocenteschi[modifica | modifica sorgente]

Particolare degli affreschi della Chiesa
Particolare degli affreschi della Chiesa

I grandi riquadri occupano tutti gli spazi delle pareti, come in una sacra rappresentazione medioevale. Negli episodi della Vita di san Fiorenzo il santo è raffigurato come un martire della Legione Tebea ed evangelizzatore.

Nel Paradiso, o Gerusalemme celeste, accanto alla Vergine incoronata vengono accolte le anime di quanti compiono sulla terra le prescritte sette opere di misericordia e perseguono la strada della virtù. L'Inferno è raffigurato in modo realistico, con la serie dei vizi inghiottita dalla bocca del drago infernale.

Dodici riquadri mostrano scene della Vita di sant'Antonio abate. Nell'ultimo riquadro è presente la scritta in caratteri gotici: "MCCCCLXXII die XXIII MENSIS iunii hoc opus fecit fieri facius turrinus"[2]

Sulla controfacciata sono raffigurati episodi dell'Infanzia di Gesù, prendendo spunto anche dai Vangeli Apocrifi; sulla parete laterale sinistra, in ventidue riquadri appare la Passione, morte e resurrezione di Gesù Cristo, la cui immagine è il punto di riferimento determinante di tutta la narrazione; sulla parete dell'altare situata nel presbiterio, spicca la Crocefissione, con sottostanti figure di Santi e affreschi risalente ai primi del Trecento: sulla parete destra è raffigurato San Giorgio che uccide il drago, sulla volta il Cristo benedicente e i quattro evangelisti ; dalla parete sinistra si accede ad una cappella laterale in stile barocco dove si presuppone siano conservate le spoglie di San Fiorenzo, come testimonia un'antica lapide che recita: "D.o.m hac iacent in hara osa d.flor m.ex leg. teb"[3]

Diversi artisti sono gli autori del ciclo pittorico di San Fiorenzo, tra i quali troviamo il Mazuchus; questi hanno caratterizzato le loro opere nello stile gotico internazionale, non solo nel Sud del Piemonte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV.. Il Piemonte paese per paese, Firenze, Ed. Bonechi, 1993

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Coordinate prese da OpenStreetMap.
  2. ^ 23 giugno 1472, quest'opera fu realizzata da Bonifacio della Torre
  3. ^ A Dio il più buono, il più grande qui giace nel chiuso di una tomba un martire della legione tebea