Charles Lennox, II duca di Richmond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronet of a British Duke.svg
Charles Lennox, II duca di Richmond
Ritartto di Charles Lennox, II duca di Richmond, in una stampa d'epoca
Ritartto di Charles Lennox, II duca di Richmond, in una stampa d'epoca
Duca di Richmond
Stemma
In carica 1723 –
1750
Predecessore Charles Lennox, I duca di Richmond
Successore Charles Lennox, III duca di Richmond
Nascita Goodwood, 18 maggio 1701
Morte Godalming, 8 agosto 1750
Dinastia Lennox
Padre Charles Lennox, I duca di Richmond
Madre Anne Brudenell
Consorte Sarah Cadogan

Charles Lennox, II duca di Richmond, II duca di Lennox e II duca di Aubigny (Goodwood, 18 maggio 1701Godalming, 8 agosto 1750) , era figlio di Charles Lennox, I duca di Richmond, nonché nipote di re Carlo II d'Inghilterra.

Egli ebbe numerosi incarichi per via dei suoi legami di parentela coi reali inglesi, ma è meglio conosciuto per il patronato generoso che decise di devolvere allo sport del cricket ed è descritto come uno dei più importanti fautori dello sport inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Charles Lennox ottenne il titolo di conte di March dalla sua nascita nel 1701 come erede del ducato paterno.[1] Egli era infatti figlio di Charles Lennox, I duca di Richmond e di sua moglie, Anne Brudenell. Egli ereditò dal padre, oltre ai titoli, anche l'amore per gli sport, in particolare per il cricket.[2] All'età di 12 anni la sua vita fu messa a repentaglio da una caduta da cavallo, dalla quale però si riprese fortunatamente molto presto.[3]

Il conte di March iniziò ad interessarsi agli affari matrimoniali appena diciottenne, nel dicembre del 1719, quando egli sposò la tredicenne lady Sarah Cadogan. La coppia si sposò a Le Hague durante l'esilio degli Stuart dall'Inghilterra dopo la venuta degli Hannover.[4]

Nel 1722, il conte di March fece ritorno in madrepatria e divenne membro del parlamento per Chichester come primo membro assieme a sir Thomas Miller come secondo. Egli rinunciò al proprio incarico politico alla morte del padre nel maggio del 1723 per succedergli al titolo di II duca di Richmond. Durante questo primo periodo politico, fondamentale fu il ruolo della moglie Sarah ed il loro matrimonio fu molto felice.

L'interesse per il cricket e il patronato sullo sport[modifica | modifica wikitesto]

The Duke of Richmond's XI[modifica | modifica wikitesto]

Il II duca di Richmond venne descritto già dai contemporanei come uno tra i maggiori patroni dello sport del cricket.[5] Anche se egli aveva praticato il cricket sin da ragazzo, il suo coinvolgimento serio nello sport avvenne dopo la sua successione al ducato paterno.[6] Egli capitanò la propria squadra, "The Duke of Richmond's XI" che includeva alcuni tra i primi giocatori professionisti come Thomas Waymark, per poi patrocinare lo Slindon Cricket Club, ed associarsi ai fratelli Newland. Uno dei primi match registrati è quello contro i Sir William Gage's XI il 20 luglio 1725, che viene menzionato anche in una lettera inviata dallo stesso Sir William al duca.[7][8]

Gli archivi ci hanno tramandato altri quattro incontri con protagonista la squadra di Richmond nella sola stagione del 1727. Due contro i Gage's XI e due contro un XI del Surrey patrocinati da Alan Brodrick.[9] Queste due ultime partite furono altamente significative dal momento che il duca di Richmond e Brodrick scrissero a quattro mani gli Articles of Agreement che ancora oggi determinano le regole del gioco, sintetizzate in sedici punti.[10] Si ritiene che questa fosse la prima volta che le regole (o parte di esse in questo caso), vennero formalmente trascritte, anche se altre regole più specifiche vennero definite in seguito. La prima vera e propria codificazione delle Laws of Cricket venne realizzata nel 1744. Nei primi scontri, le regole erano tramandate oralmente ed erano soggette a variazioni locali. Tale stesura delle regole si rese necessaria non solo per sedare le dispute che potevano sorgere internamente per la concessione di punti o penalità, ma anche per la rendere universale la disposizione del gioco del cricket.[11]

Nel 1728, i Richmond's Sussex giocarono ancora due volte contro i Kent di Edward Stead e persero entrambe le partite, coi Kent che videro assegnarsi il titolo della Champion County.[12]

Nel 1730, la squadra del duca di Richmond giocò due partite contro i Gage's XI e un'altra partita contro i Surrey XI promossi da Mr Andrews di Sunbury. Il duca di Richmond perse solo contro Andrews.[13] Il secondo match contro i Gage, dal momento che venne giocato al The Dripping Pan, presso Lewes, venne "venne presieduto da Waymark in quanto il duca si trovava ammalato".[14]

Nel 1731, il duca di Richmond venne coinvolto in una delle partite più discusse che siano mai state registrate dagli storici del cricket. Il 16 agosto, la sua squadra del Sussex giocò contro i Middlesex XI capitanati da Mr Chambers a Chichester. La squadra di Mr Chambers vinse questo match, che aveva in palio la vincita di 100 ghinee, e venne predisposta una rivincita a Richmond Green il 23 agosto di quell'anno.[15]

La partita di rivincita venne giocata per 200 ghinee e fu uno dei primi match ove vennero riportati ufficialmente dalla cronaca anche i punti delle due squadre: duca di Richmond 79, Mr Chambers 119; duca di Richmond 72, Mr Chambers 23–5 (circa.). Il gioco si concluse con la vittoria della squadra del duca, anche se questo provocò non poche proteste da parte del pubblico e dei giocatori in quanto oltre ad alcune scorrettezze riportate, la squadra di Richmond era arrivata in ritardo ed aveva ritardato l'inizio del gioco.[16] Per sedare le numerose proteste, ad ogni modo, alla fine il duca di Richmond concesse il risultato ai Chambers.[17]

Il duca non venne menzionato nelle fonti della storia del cricket per i successivi dieci anni. Questa pausa può essere dovuta al fatto che nel 1733 il duca si ruppe una gamba e non poté giocare personalmente alle partite della sua squadra.[18] Questi anni furono solo la preparazione per una nuova squadra, incentrata sul piccolo villaggio di Slindon, sul confine con la sua residenza di Goodwood.[18]

Slindon[modifica | modifica wikitesto]

La presa di posizione del Slindon Cricket Club nella storia del cricket inglese è basata sul gioco di Richard Newland e sul patronato che il duca di Richmond ebbe sulla squadra. Martedì 9 luglio 1741, in una lettera al marito, la duchessa di Richmond fa menzione di una conversazione con John Newland relativa ad una partita tra gli Slindon e gli East Dean a Long Down, presso Eartham, avvenuta una settimana prima.[19] Poi il 28 luglio successivo, il duca di Richmond inviò due lettere al duca di Newcastle per parlargli a proposito del gioco all'epoca. La partita a cui si fa riferimento in questa lettera si svolse a Portslade tra gli Slindon, che vinsreo, ed una squadrea non nominata.[20]

Lunedì 7 settembre 1741, gli Slindon giocarono a Merrow Down, presso Guildford. Il duca di Richmond, in a lettera inviata al duca di Newcastle prima del gioco, parlò dei "poveri piccoli Slyndon contro la vostra intera contea del Surrey". Il giorno successivo egli scrisse ancora annunciando "abbiamo battuto il Surrey".[21]

La duchressa Sarah gli scrisse venerdì 9 settembre dicendo "avevo tanto sperato [...] che il Sussex battesse il Surrey [...], un cruccio che mi portavo appresso da quando quei compagni avevano battuto voi" (riferendosi apparentemente al fiasco di Richmond Green dell'agosto del 1731).[22]

Nel 1744, il duca di Richmond creò quello che oggi è il più antico sistema di punteggio di cricket conosciuto per una partita tra la squadra di Londra e gli Slindon all'Artillery Ground il 2 giugno di quell'anno. Slindon vinse 55 turni ed il carteggio dei punteggi è ancora oggi conservato presso il West Sussex Records Office.[23]

Nell'agosto del 1745, il duca di Richmond capitanò i Sussex XI nuovamente contro il Surrey in un match a Berry Hill, presso Arundel. I Surrey vinsero lo scontro come appare dalle parole di Lord John Philip Sackville in una lettera inviata al duca sabato 14 settembre: "Speravo avreste lasciato giocare Ridgeway invece che il vostro stopper che ha segnato un punto a nostro favore".[24]

Il Single wicket[modifica | modifica wikitesto]

Quando lo stile del single wicket divenne dominante come forma di cricket sul finire degli anni '40 del Settecento, il duca di Richmond entrò in un gran numero di squadre centrate su Stephen Dingate, che era a quel tempo da lui supportato. Ad esempio un gran numero di partite vennero combattute nel campo alberato di Dingate, Joseph Rudd e Pye. Il duca di Richmond solitamente si trovò opposto a Thomas Waymark, che era cresciuto all'interno delle sue squadre.[25]

Il duca di Richmond morì l'8 agosto 1750 a Godalming e venne sepolto nella Cattedrale di Chichester. Egli rimase nella memoria di tutti come uno dei primi sostenitori e giocatori professionisti del cricket in Inghilterra, dando particolare impulso al Slindon club ed al Sussex cricket. Con la sua scomparsa, anche il cricket entrò in crisi per un breve tempo sino alla comparsa del Brighton Cricket Club sul finire del secolo.[26]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il duca di Richmond sposò lady Sarah Cadogan (1705–1751), figlia di William Cadogan, I conte Cadogan, il 4 dicembre 1719 a Le Hague, nei Paesi Bassi. La coppia ebbe dodici figli:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'ordine della Giarrettiera
Cavaliere commendatore dell'ordine del Bagno - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere commendatore dell'ordine del Bagno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marshall, p.1.
  2. ^ Marshall, pp.7–17.
  3. ^ Marshall, pp.18–20.
  4. ^ Marshall, pp.24–25.
  5. ^ Underdown, p.53.
  6. ^ Birley, p.18.
  7. ^ McCann, p.4
  8. ^ Marshall, p.41.
  9. ^ McCann, pp.6–7.
  10. ^ Birley, pp.18–19.
  11. ^ Birley, p.19.
  12. ^ Waghorn, p.7.
  13. ^ Waghorn, p.1.
  14. ^ Waghorn, pp.1–2.
  15. ^ Buckley, p.6.
  16. ^ McCann, pp.12–13.
  17. ^ Buckley, p.7.
  18. ^ a b McCann, p.lxi.
  19. ^ McCann, p.19.
  20. ^ McCann, p.20.
  21. ^ McCann, pp.20–21.
  22. ^ McCann, p.21.
  23. ^ London v. Slindon in 1744, CricketArchive. URL consultato il 22 giugno 2012.
  24. ^ McCann, pp.34–35.
  25. ^ Ashley-Cooper, At the Sign of the Wicket, p.52.
  26. ^ Classification of cricket matches from 1697 to 1825, John Leach, 2008. URL consultato il 22 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 2011-06-29).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Altham, H. S. (1962). A History of Cricket, Volume 1 (to 1914). George Allen & Unwin.
  • Ashley-Cooper, F. S. (1900). At the Sign of the Wicket: Cricket 1742–1751. Cricket magazine.
  • Birley, Derek (1999). A Social History of English Cricket. Aurum.
  • Bowen, Rowland (1970). Cricket: A History of its Growth and Development. Eyre & Spottiswoode.
  • Buckley, G. B. (1935). Fresh Light on 18th Century Cricket. Cotterell.
  • Marshall, John (1961). The Duke who was Cricket. Muller.
  • Maun, Ian (2009). From Commons to Lord's, Volume One: 1700 to 1750. Roger Heavens. ISBN 978-1-900592-52-9.
  • McCann, Tim (2004). Sussex Cricket in the Eighteenth Century. Sussex Record Society.
  • Nicholls, R. H. & Wray, F. A. (1935). The History of the Foundling Hospital. London: Oxford University Press.
  • Tillyard, Stella (1994). Aristocrats: Caroline, Emily, Louisa, and Sarah Lennox, 1740-1832. Farrar, Straus & Giroux.
  • Underdown, David (2000). Start of Play. Allen Lane.
  • Waghorn, H. T. (1906). The Dawn of Cricket. Electric Press
Predecessore Deputato del Parlamento di Gran Bretagna per Chichester Successore Union flag 1606 (Kings Colors).svg
Sir Thomas Miller
Henry Kelsall
17221723
con Sir Thomas Miller
Sir Thomas Miller
Lord William Beauclerk
Predecessore Colonnello delle Royal Horse Guards Successore Union flag 1606 (Kings Colors).svg
Algernon Seymour, VII duca di Somerset 1701-1705 Sir John Ligonier
Predecessore Gran maestro della Prima gran loggia d'Inghilterra Successore Square compasses.svg
Francis Scott, II duca di Buccleuch 1724-1725 James Hamilton, lord Paisley
Predecessore Master of the Horse Successore Union flag 1606 (Kings Colors).svg
Richard Lumley, II conte di Scarbrough 1735-1750 Vacante
Predecessore Duca di Richmond Successore Flag of England.svg
Charles Lennox, I duca di Richmond 1723-1750 Charles Lennox, III duca di Richmond
Predecessore Duca di Lennox Successore Flag of Scotland.svg
Charles Lennox, I duca di Richmond 1723-1750 Charles Lennox, III duca di Richmond
Predecessore Duca di Aubigny Successore Royal Standard of the King of France.svg
Charles Lennox, I duca di Richmond 1723-1734 Charles Lennox, III duca di Richmond

Controllo di autorità VIAF: 51680456