Charaxes brutus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Charaxes brutus
Charaxes brutus natalensis.jpg
Charaxes brutus natalensis
fotografata a Dar es Salaam in Tanzania
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Nymphalidae
Sottofamiglia Charaxinae
Tribù Charaxini
Genere Charaxes
Specie C. brutus
Nomenclatura binomiale
Charaxes brutus
(Cramer, [1779])

Charaxes brutus (Cramer, [1779]) è una farfalla appartenente alla famiglia Nymphalidae, diffusa nelle zone tropicali dell'Africa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'apertura alare varia tra gli 8 e i 10 centimetri. La parte superiore delle ali è di colore scuro, mentre la pagina inferiore presenta disegni notevolmente colorati.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Le larve si nutrono di Grewia spp, Entandrophagma delevoi, Trichelia dregeana, Blighia unifugata e Ekebergia capensis.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Descritta da Cramer nel 1779, ne vengo oggi riconosciute 4 sottospecie:

  • Charaxes brutus alcyone (Stoneham, 1943)
  • Charaxes brutus angustus (Rothschild, 1900)
  • Charaxes brutus natalensis (Staudinger & Schatz, 1886)
  • Charaxes brutus roberti (Turlin, 1987)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi