Cervalces scotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cervalces scotti
ROM - Stag-moose.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Cervidae
Genere Cervalces
Specie C. scotti
Nomenclatura binomiale
Cervalces scotti
Scott, 1885
Le dimensioni dell'animale in vita, comparate a quelle di un uomo.

Cervalces scotti è una specie estinta di cervide vissuta in America del Nord durante il Pleistocene[1]

Somigliava ad un grande alce dalla testa di cervo, con lunghe zampe e grandiose corna palmate e provviste di ramificazioni. Si estinse alla fine dell'ultima era glaciale, attorno agli 11.000 anni fa[2][3].

I primi resti fossili di questi animali sono stati trovati in Kentucky, nel 1805: successivamente, fu ritrovato uno scheletro quasi del tutto completo in New Jersey, nel 1885.

Si trattava di un animale che viveva nelle zone acquitrinose dell'America settentrionale, occupando un'area corrispondente grossomodo all'area fra Canada meridionale ed Arkansas e fra Iowa e New Jersey. Quando, con la fine dell'era glaciale, i ghiacciai si ritirarono, questi animali si trovarono in competizione per il cibo con gli alci (arrivati dall'Asia attraverso la Beringia)[4][5]: nella lotta per il cibo, resa più difficile dalla presenza dell'uomo (che probabilmente predava questi animali, pur non minacciandone seriamente la consistenza numerica), questi animali ebbero la peggio[6]. Altre correnti di pensiero ne vorrebbero l'estinzione causata dalle malattie portate dagli animali domestici, arrivati in America al seguito dei primi uomini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stag Moose (Cervalces scotti), The Academy of Natural Sciences. URL consultato il 3 marzo 2007.
  2. ^ Stag-moose, Illinois State Museum. URL consultato il 3 marzo 2007.
  3. ^ William K. Stevens, Disease Is New Suspect in Ancient Extinctions in The New York Times, 29. URL consultato il 4 marzo 2007.
  4. ^ George A. Feldhamer, Joseph A. Chapman, Bruce Carlyle Thompson, Moose in Wild Mammals of North America: Biology, Management, and Conservation, Johns Hopkins University Press, 1982, pp. 931. URL consultato il 4 marzo 2007.
  5. ^ Stag-Moose in Bestiary, American Museum of Natural History. URL consultato il 3 marzo 2007.
  6. ^ Sharon Levy, Mammoth Mystery, Natural Resources Defense Council, 2006. URL consultato il 4 marzo 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi