Cascata del Marmarico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cascata del Marmarico
Cascata del Marmarico
Stato Italia Italia
Regione Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria
Comune Bivongi
Coordinate 38°30′06.84″N 16°23′51″E / 38.5019°N 16.3975°E38.5019; 16.3975Coordinate: 38°30′06.84″N 16°23′51″E / 38.5019°N 16.3975°E38.5019; 16.3975
Fiume Stilaro
Altezza 114 m
Numero di salti 3
Mappa di localizzazione: Italia
Cascata del Marmarico
Cascata del Marmarico e laghetto

La cascata del Marmàrico (/mar'mariko/, in dialetto calabrese Cascata du Marmaricu) è la cascata più alta della Calabria e dell'Appennino meridionale, è alta 114 metri.[1] Si trova nell'alto corso della fiumara Stilaro, al vallone Folea. Il luogo circostante ha l'omonimo nome della cascata, al di sotto di essa si trova un piccolo laghetto. Si trova nel territorio del comune di Bivongi (RC)

Dal 6 settembre 2011 è stata inserita tra le "meraviglie italiane" del progetto omonimo, nato in occasione del 150° dell'Unità d'Italia, di carattere turistico-culturale del Forum Nazionale dei Giovani[2][3].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Marmarico", è una parola di origine dialettale e significa "lento" o "pesante", probabilmente dall'impressione che l'acqua, seppure in perenne caduta, sembri apparentemente formare dei filamenti immobili. La parola Folèa invece deriva dal greco φωλεὰ e significa nido.

Possibili Itinerari[modifica | modifica wikitesto]

Vallone Folea

La Cascata si può raggiungere da Bivongi nel primo tratto con un fuoristrada in 20 minuti. Successivamente, arrivati al punto di confluenza tra il Vallone Folea e Ruggiero, si prosegue per il secondo tratto a piedi per 20 minuti seguendo il percorso del Folea. Per completare l'intero percorso a piedi sono necessarie 2 ore di cammino.

Ogni anno, dal 2008, il club MedAmbiente Bivongi a fine luglio propone questo itinerario per la pulizia e mantenimento del percorso.

Si può effettuare un secondo itinerario dalla località Ferdinandea con circa 2 ore di cammino. Si parte dal sentiero alla sinistra della Villa Ferdinandea segnalato dal G.E.A. che all'inizio costeggia il vallone Folea per poi allontanarsi e a questo punto bisogna seguire il percorso dell'antica condotta forzata, quando questa si ricongiunge con un'altra si intraprende il sentiero che scende a valle e attraverso uno stretto sentiero sempre segnalato si scorgerà in più passaggi la visuale della cascata dall'alto. A fondo valle ci si troverà nei pressi del Folea e da lì si proseguirà a piedi per 10 minuti seguendo il primo itinerario che costeggia il torrente e si giungerà ai piedi della Cascata del Marmarico.

Poco a valle delle Cascate del Marmarico passa il "Sentiero del Brigante", itinerario per escursionisti di lunga percorrenza, individuato e realizzato dal G.E.A. - Gruppo Escursionisti d'Aspromonte nel 1989.

Una volta giunti ai piedi della cascata sulla sinistra è percorribile un breve sentiero per giungere alla seconda balza, e da lì alla terza balza arrampicandosi sulla destra per un brevissimo tratto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://books.google.it/books?id=iUWonXd_QVcC&pg=PA49&dq=pazzano&lr=&ei=uxn0R4CgM4WwzgSGgvnIAQ&sig=xlzf-ED6w9RPLNZBGA8W_r7fQKw#PPA51,M1 Calabria. Dal Pollino all'Aspromonte le spiagge dei due mari le città, i borghi arroccati. di Touring Club Italiano
  2. ^ http://www.meravigliaitaliana.it/index.php?action=index&p=14&meraviglia=123 Cascata del Marmarico, Meravigliaitaliana.it
  3. ^ http://www.soveratoweb.it/Articoli/120.htm a “Cascata del Marmarico” di Bivongi diventa “Meraviglia Italiana”,Soveratoweb

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calabria