Caratteristiche dei materiali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le caratteristiche dei materiali sono quelle che si riferiscono all'intima struttura degli stessi (ad esempio il colore, la forma, la struttura, la deformazione, l'elasticità e la propagazione) come anche alla loro capacità di resistenza alle sollecitazioni esterne (proprietà meccaniche), o al comportamento nelle varie fasi della loro lavorazione (proprietà tecnologiche).

Le caratteristiche dei materiali possono essere suddivise in:[1]

  • proprietà chimico-fisiche
  • proprietà meccaniche
  • proprietà tecnologiche.


Proprietà chimico-fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Le proprietà chimico-fisiche caratterizzano il comportamento di un materiale durante trasformazioni chimiche o fisiche. Sono la conseguenza della struttura e della composizione chimica del materiale. Le più ricorrenti sono:

Proprietà meccaniche[modifica | modifica wikitesto]

Riguardano le capacità di resistere ad impatti. Tra le proprietà meccaniche si annoverano:[1]

  • resistenza a trazione
  • Resistenza a lacerazione o strappo
  • Resistenza a piegatura
  • Resistenza allo scoppio
  • Resistenza all' allungamento
  • Durezza
  • Resistenza alla fatica

Proprietà tecnologiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra le proprietà tecnologiche si hanno:[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Arduino, pp. 314-315

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Arduino, Renata Moggi, Educazione tecnica, 1ª ed., Lattes, 1990.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]