Candis Cayne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Candis Cayne

Candis Cayne, nata Brendan McDaniel (Maui, 1971), è un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Candis Cayne, conosciuta con il nome Brendan McDaniel prima della transizione, ha vissuto assieme alla sua famiglia a Maui. I suoi genitori insegnavano alla scuola Waldorf e, con il fratello gemello Dylan, ha abitato in un campus. Candis si è diplomata alla scuola cittadina di Baldwin nel 1989 e successivamente ha trascorso un anno a Los Angeles, dove si è formata come ballerina.

Negli anni novanta del XX secolo ha iniziato a lavorare nel mondo dello spettacolo come coreografa e drag queen nei nightclub di New York[1]. Nel 1995 è apparsa nel film documentario Wigstock: The Movie, the comedy-drama film Stonewall e nella commedia edita dagli Universal Studios A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar (To Wong Foo, Thanks for Everything! Julie Newmar) per la quale è stata anche coreografa.

Nel 1998 ha recitato come protagonista nel film indipendente Mob Queen e nel 2001 ha vinto il premio Miss Continental, l'annuale concorso di bellezza transgender organizzato a partire dal 1980 dal fondatore del Baton Show Lounge di Chicago[2][3]. Nel 2007 è stata nel cast di Starrbooty il film a basso costo realizzato da RuPaul, con il nome di Annaka Manners. È divenuta nota al grande pubblico recitando nella serie televisiva Dirty Sexy Money nel quale ha interpretato il ruolo di transessuale.[4][5][6] In seguito ha avuto un ruolo nella sesta stagione di Nip/Tuck.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Piepenburg, Keep Your Eye on the Road (If You Can) in The New York Times, 6 novembre 2004.
  2. ^ Miss Continental 2001 in TheBatonShowLounge.com, 20 febbraio 2009.
  3. ^ Miss Continental Pageant Throughout the Years in Vickirene.net, 20 febbraio 2009.
  4. ^ Victoria A. Brownworth, October Surprises in Bay Area Reporter, 18 ottobre 2007.
  5. ^ I Advocate ... in The Advocate, Issue #1024, marzo 2009, p. 80.
  6. ^ Transsexual beauty makes TV history in Metro.co.uk, 13 marzo 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]