Cabasite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

La cabasite, conosciuta anche come acadialite, è un tectosilicato minerale di una zeolite, con formula: (Ca,Na2,K2,Mg)Al2Si4O12·6H2O.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome di questo minerale è stato inizialmente trascritto come chabasie nel Journal d'Histoire, vol.II, p.181 da Bosc d'Antic (1780) e fatto derivare dall'autore dal greco χαβάζιος, chabàzios, una delle 20 pietre nominate nella poesia orfica Lithikà, verso 758. Il nome che effettivamente è presente nei manoscritti della poesia è χαλάζιος, chalàzios, per cui il minerale avrebbe dovuto essere ridenominato in chalazite o chalasite, ma si è preferito mantenere il nome originale chabazite che, nelle pubblicazioni in lingua italiana, è divenuto cabasite[1][2].

Minerali della serie[modifica | modifica sorgente]

Dalla prevalenza di un diverso catione all'interno della struttura si ha: Cabasite-Ca, Cabasite-K, Cabasite-Na e Cabasite-Sr per cui in base alla nomenclatura dell'IMA non è più il nome di una specie mineralogica ma di una serie di minerali.

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

Si presenta normalmente nel sistema triclino con cristalli pseudocubici o romboedrici; può essere incolore, bianca, arancione, marrone, rosa, verde e gialla, il colore varia al cambiare del catione prevalente nella struttura cristallina.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica sorgente]

I cristalli sono spesso geminati. La lucentezza è vitrea e la trasparenza è translucida.

Località di rinvenimento[modifica | modifica sorgente]

Si trova prevalentemente in India, Islanda, Isole Fær Øer, Irlanda del Nord, Italia, Boemia in Germania e Stati Uniti d'America.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Albert Huntington Chester, A dictionary of the names of minerals including their history and etymology, 1896, pp. 1-378. URL consultato il 23 marzo 2014.
  2. ^ Robert F. Martin, William H. Blackburn, Encyclopedia of mineral names: first update in The Canadian Mineralogist,, vol. 37, 1999, pp. 1045-1078. URL consultato il 23 marzo 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia