Braccio (unità di misura)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il braccio, fathom in inglese (simbolo fm), (apertura tra le braccia distese; in Italia corrispondeva alla tesa, misura ancora in uso in Val d'Aosta: 1,872 m), è un'unità di misura di lunghezza originariamente utilizzata in marineria per misurare i fondali con lo scandaglio.

Equivale a 2 iarde, cioè a sei piedi o a 72 pollici, quindi a 1,8288 metri.

Le braccia vengono ancora oggi utilizzate anche in Italia per la misura delle profondità marine nonostante la tecnica sia cambiata.

In epoca medievale e moderna, in Campania, il braccio era anche un'unità di misurazione terrena.

Braccio (da panno)[modifica | modifica wikitesto]

Lunghezza di un [avam-]braccio: la distanza fra il gomito e l'estremità del dito medio. Da una unità di misura (El: 68,6 cm) con cui si importavano stoffe, tessuti, arazzi dalle Fiandre; aveva lunghezza diversa a seconda delle regioni Italiane ed era in uso prima dell'adozione del sistema metrico decimale:

  • Braccio, Firenze: 58,32 cm
  • Braccio, Pistoia: 61,28 cm
    Tabella conversione metrica 1860, Toscana. 1 braccio = 58,4 cm
  • Braccio, Bologna: 64 cm
    • braccio da seta: 59,5 cm
    • braccio da tela: 51,9 cm
  • Braccio (da lana), Venezia: 68,3 cm
    • braccio da seta: 63,8 cm
  • Braccio, Torino (= 1 raso): 59,94 cm
  • Braccio, Milano: 59,49 cm
    • era diviso in 12 once (di circa 5 cm), ciascuna formata da 12 punti, e aveva come multipli l'oncia (12 braccia), il piede di 12 once, il trabucco di 6 piedi, e il miglio lombardo di 3000 braccia (circa 1784,809 m)[1]
  • Braccio da lana, Milano, Bergamo: 67,9 cm
  • Braccio, Napoli: 66,13735 cm (editto del 6 aprile 1480, in seguito fu usata la canna: 264,6 cm);
  • Braccio capuano: 68,02721 cm (IX - XV secolo)[2]
  • Braccio (d'ara/altare), Stato Pontificio: 74 cm
    • braccio da mercante: 67 cm
    • braccio per le tele: 63,5 cm
  • Braccio, Parma: 54 cm
  • Brassio da panno, Ferrara: 67,4 cm
  • Brassio da seta, Ferrara: 63,4 cm
  • Brassio longo, Verona: 64,8 cm
  • Brassio corto, Verona: 64,2 cm

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda la tabella VII in: Giuseppe Guidi, Ragguaglio delle monete, dei pesi, e delle misure attualmente in uso negli stati italiani e nelle principali piazze commerciali d'Europa, Firenze, Giovan-Gualberto Guidi e Ulisse Pratesi, 1855 (2a ed.), p. 24.
  2. ^ Vincenzo De Rosa, Tavole di ragguaglio delle misure napoletane comuni e delle consuetudinarie capuane con il sistema metrico decimale, Di Bernardo editore, Cassino 1977 (Quaderni della Gazzetta di Gaeta n. 14)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

metrologia Portale Metrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metrologia