Bonaventura Berlinghieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bonaventura Berlinghieri o Bonaventura di Berlinghiero (Lucca, 1210 circa – 1287 circa) è stato un pittore italiano. Figlio di Berlinghiero Berlinghieri operò probabilmente assieme al padre. I documenti sulla sua attività vanno dal 1228 al 1274[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La sua attività artistica giovanile è segnata dalla figura di san Francesco, di cui il pittore realizza ben tre effigi, due eseguite nel 1235, uno per Pescia e l'altro per la chiesa di Guiglia, a Modena.[2] Tra le opere da citare il San Francesco e storie della sua vita, firmata e datata 1235, dossale d'altare su tavola lignea conservato nella chiesa di San Francesco a Pescia. Si tratta forse della prima tavola agiografica a noi pervenuta dedicata al santo di Assisi, che viene raffigurato in piedi al centro della tavola, in una posa rigidamente ieratica e frontale, affiancato da sei episodi della sua vita[3]. Una seconda tavola a lui attribuita e dipinta nel 1228 si trovava nella chiesa pisana di San Miniato al Tedesco: la tavola, che recava la medesima struttura e riportava la stessa scelta degli episodi,è nota solo per la copia del cappuccino Zaccaria Boveri (1568-1638).[4] Le due tavole, più antiche di quella, di Giunta Pisano conservata a Pisa nel Museo Nazionale di San Matteo, presentante la stessa struttura e la medesima scelta di episodi,[5] ne fornirono il modello.

A lui è assegnato anche il Dittico della Crocifissione e della Madonna col Bambino e santi agli Uffizi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aa.vv., Dizionario Larousse della pittura italiana: dalle origini ai nostri giorni, Roma, Gremese Editore, 1998, p.63
  2. ^ A. CALECA, "Bonaventura Berlinghiero da Lucca", in "La pittura in Italia. Il Duecento e il Trecento", Milano 1986, pp. 557-558.
  3. ^ San Francesco e sei episodi della sua vita. URL consultato il 03-12-2008.
  4. ^ C. FRUGONI, "Francesco e l'invenzione delle stimmate. Una storia per parole e immagini da Bonaventura fino a Giotto", Torino 1993, p. 321.
  5. ^ W. R. COOK, Images of St. Francis of Assisi In painting, stone and glass from the earliest images to ca. 1320 in Italy. A catalogue, Firenze 1999, p. 169.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aa.vv., Dizionario Larousse della pittura italiana: dalle origini ai nostri giorni, Roma, Gremese Editore, 1998, p.63
  • Mattia Reiche, Gloria Fossi, Marco Bussagli, L'arte italiana: Pittura, scultura, architettura dalle origini a oggi, Firenze, Giunti, 2003, p. 40

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 63865035 LCCN: nr91030834