Black Eagles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Black Eagles
La formazione delle Black Eagles con i 6 Cessna A-37B Dragonfly in una esibizione dell'ottobre 2007
La formazione delle Black Eagles con i 6 Cessna A-37B Dragonfly in una esibizione dell'ottobre 2007
Descrizione generale
Attiva 12 dicembre 1994 - oggi
Nazione Corea del Sud Corea del Sud
Forza armata Daehan Minguk Gonggun
Sede Wonju
Sito internet http://blackeagles2.airforce.kr:8088/layout.php
Componenti
Comandante T.Col. Chul Hee Lee
Aereo da attacco al suolo 6 Cessna A-37B Dragonfly (fino al 2007)
Aereo da addestramento 8 KAI T-50B Golden Eagle (dal 2011)

[senza fonte]

voci di pattuglie acrobatiche presenti su Wikipedia

Le Black Eagles sono la pattuglia acrobatica nazionale della Daehan Minguk Gonggun, l'aeronautica militare della Corea del Sud.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dal 12 dicembre 1994 la pattuglia acrobatica della Repubblica di Corea ebbe in dotazione 6 velivoli Cessna A-37B Dragonfly da attacco leggero biposto, bimotore a getto.

In realtà già in precedenza più volte fu costituita una pattuglia acrobatica in seno alla ROKAF (Republic of Korea Air Force).

Negli anni 1953 e 1954 con 4 velivoli North American P-51D Mustang.

Nel 1956 il T33A Show flight team fu invece dotato dei Lockheed T-33 Shooting Star.

Dal 1959 al 1966 i Blue Sabres con 4 velivoli North American F-86 Sabre e dal 1966 al 1978 con 7 velivoli Northrop F-5A Freedom Fighter quando assunsero il nome di Black Eagles.

Dal 2007 hanno sospeso l'attività in attesa di ricominciare dal 2011 con i nuovi 8 velivoli KAI T-50B Golden Eagle in consegna entro dicembre 2010.

I T-50B sono velivoli specifici per la pattuglia acrobatica, derivati dal T-50 Golden Eagle che è un addestratore avanzato monomotore sviluppato da una joint venture tra Corea del Sud e Stati Uniti, progettato dalla K.A.I. (Korean Aerospace Industries) in collaborazione con la Lockheed Martin.

Il team di piloti, nelle stagioni fino al 2010, si è addestrato utilizzando gli aerei T-50 Golden Eagle dell'unità di addestramento del 1st Fighter Wing della ROKAF che li ha messi a disposizione della pattuglia acrobatica.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Volare" Mensile di aviazione - n°320 anno XXVIII - agosto 2010 - pagg. 12-18.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]