Biagio di Antonio Tucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Madonna col Bambino , Museo d'Arte di San Paolo, Brasile
Madonna tra San Francesco e la Maddalena, Chiesa di San Francesco o della Croce

Biagio d'Antonio Tucci (Firenze, 14661515) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Pittore pressoché sconosciuto fino agli anni trenta del XX secolo. La sua figura veniva confusa con quella di altri pittori faentini attivi a Firenze a cavallo tra il XV secolo e il XVI. Venne prima identificato con Andrea Utili poi con Giovanni Battista Bertucci il Vecchio, ma la pittura di Biagio rivela forti influenze del Verrocchio e di Domenico Ghirlandaio.

Soggiornò a Faenza dove dipinse dei quadri per le chiese più importanti del luogo. Nella chiesa di San Michele dipinse la Natività, oggi conservata al Museo dell'Oklahoma. Nel 1481-82 lavorò a Roma dove collaborò con Cosimo Rosselli nella realizzazione degli affreschi della Cappella Sistina: a lui in particolare alcuni attribuiscono la scena del Passaggio del Mar Rosso e alcune delle scene della Passione nell'Ultima Cena. Altre opere sono la predella Temperani a Cortona e la Madonna tra San Francesco e la Maddalena a San Casciano in Val di Pesa.

Opere principali[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV. , La pittura in Italia, Il Quattrocento, Electa, Milano, 1987
  • AA.VV. , La pittura in Italia, Il Cinquecento, Electa, Milano, 1988
  • Antonio Casabianca, Guida storica del Chianti, Multigrafica Editrice, Roma , 1940
  • Roberto Cacciatori, Mesy Bartoli, San Casciano in Val di Pesa - Guida storico artistica, Betti Editrice, Siena, 2006, ISBN 8875760764
  • Roberta Bartoli, "Biagio d’Antonio (Tucci)", Federico Motta Editore, 1999

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 15641155