Bersaglio umano (film 1949)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bersaglio umano
Titolo originale The Clay Pigeon
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1949
Durata 63 min
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,37 : 1
Genere thriller
Regia Richard Fleischer
Sceneggiatura Carl Foreman
Produttore Herman Schlom
Fotografia Robert De Grasse
Montaggio Samuel E. Beetley
Effetti speciali Clifford Stine
Musiche Paul Sawtell
Scenografia Albert S. D'Agostino, Walter E. Keller
Interpreti e personaggi

Bersaglio umano (The Clay Pigeon), noto anche come Il piccione d'argilla, è un film del 1949 diretto da Richard Fleischer.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Al termine della seconda guerra mondiale, Jim Fletcher, un soldato della United States Navy, si risveglia dal coma mentre un veterano, divenuto cieco in battaglia, tenta di strangolarlo, accusandolo di essere un traditore. Il medico e un'infermiera intervengono per salvarlo, spiegandogli con freddezza che è davvero considerato un traditore e che la corte marziale intende giustiziarlo.

Fletcher, che soffre di amnesia e non ricorda le ore precedenti al suo incidente, fugge dall'ospedale e raggiunge l'abitazione del suo migliore amico sotto le armi, Mark Gregory. Qui scopre che Mark è stato torturato e ucciso, e che proprio lui è accusato di aver commesso il misfatto. Martha, la vedova di Mark, tenta di chiamare la polizia, ma viene fermata da Fletcher, che telefona a Ted, un altro suo fidato ex-commilitone, annunciandogli che lo raggiungerà a Los Angeles con Martha per farsi aiutare da lui.

Durante il tragitto, un'automobile affianca quella di Martha, guidata da Fletcher, facendola deviare fuori strada. Fletcher si convince così di essere vittima di un complotto ed anche Martha inizia a credere nella sua buona fede. Giunto con lei a Los Angeles, Fletcher incontra per caso Tokoyama, un feroce giapponese che lo aveva frustato a sangue nel campo di prigionia. Tokoyama, che probabilmente sa cos'è effettivamente successo, fa perdere le proprie tracce, ma Ted offre a Fletcher un'occasione per acciuffarlo, comunicandogli su quale treno «La donnola» intende lasciare la città.

Recatosi all'appuntamento, Fletcher scopre che il traditore che ha ucciso Mark è Ted, in combutta con Tokoyama. Grazie all'intervento di Martha, Fletcher viene salvato prima di essere lanciato dal treno in corsa, e i due cospiratori vengono arrestati. Jim e Martha, terminata la brutta avventura, decidono di sposarsi.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Tratto da una storia vera, sceneggiata da Carl Foreman, il film fu girato a basso costo per doppio programma.[1]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Il Morandini gli conferisce un punteggio di 2 su 5 sia come giudizio critico sia come successo di pubblico, e lo definisce «sobriamente efficace».[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini: dizionario dei film 2001, Zanichelli, Bologna, 2000, p. 162. ISBN 88-08-03105-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema