Bernardo II di Sassonia-Jena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ducato di Sassonia-Jena
Wettin
Banner of Saxony (1^1).svg

Bernardo II
Giovanni Guglielmo
Modifica

Bernardo di Sassonia-Jena (Weimar, 14 ottobre 1638Jena, 3 maggio 1678) fu duca di Sassonia-Jena.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il sesto figlio del duca Guglielmo di Sassonia-Weimar e di Eleonora Dorotea di Anhalt-Dessau.

Frequentò l'Università di Jena dal febbraio del 1654 fino al novembre del 1657.

Successivamente entrò a far parte degli affari politici del padre quando gli venne scelta come consorte una nobile francese, Marie Charlotte de La Trémoille, per rafforzare l'unione tra la dinastia Wettin e il re Luigi XIV di Francia. Dopo anni di trattative, il matrimonio venne celebrato a Parigi il 10 giugno 1662[1]. Un mese prima era morto il duca Guglielmo il cui ducato iniziò ad essere diviso tra i suoi due figli maggiori, Giovanni Ernesto II di Sassonia-Weimar e Adolfo Guglielmo di Sassonia-Eisenach, fratelli quindi Bernardo.

Nel 1672 Giovanni Ernesto II spartì ulteriormente il proprio ducato tra i fratelli maschi sopravvissuti: a Bernardo spettò la Sassonia-Jena. A Jena già risiedeva con la moglie subito dopo il matrimonio e lì nacquero i quattro figli della nuova coppia ducale[1]:

Il matrimonio tra Bernardo e Marie Charlotte, dettato dalla ragion si stato, fu molto infelice. Bernardo cercò infatti di divorziare dalla moglie per sposare la dama di corte Emilie Eleonore von Kospoth da cui aveva avuto una figlia poi legittimata nel 1676;

Nessun teologo o giurista gli concesse l'annullamento ma volle ugualmente trattare l'amante alla stregua di una duchessa consorte versandole una rendita annuale di 1000 Taler. Arrivò inoltre a sposarla in segreto nel 1674 dinanzi un prete gesuita.

Alla morte di Bernardo nel 1678 venne a succedergli suo figlio legittimo Giovanni Guglielmo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Wettin 4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Sassonia-Jena Successore
Titolo creato nel 1672 1672-1678 Giovanni Guglielmo di Sassonia-Jena

Controllo di autorità VIAF: 64393748