Beretta M35

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beretta M35
Beretta M1935.JPG
Tipo Pistola semiautomatica
Origine bandiera Regno d'Italia
Impiego
Utilizzatori Italia Italia e Germania Germania nazista
Conflitti Seconda guerra mondiale
Produzione
Date di produzione 1937 - 1967
Numero prodotto 525.000 pezzi
Varianti nessuno
Descrizione
Calibro 7,65 mm
Munizioni .32 ACP (7,65 × 17 mm Browning)
Azionamento Chiusura labile
Velocità alla volata 290 m/s
Tiro utile utile 20-40m
Alimentazione Caricatore a scatola rimuovibile da 8 colpi
Organi di mira fisse

[senza fonte]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Beretta M35 è una pistola semiautomatica.

La M35 altro non è che una variante della Beretta M34. La M35 fu costruita per far fuoco con il calibro 7,65 mm Browning (.32-ACP), anziché col 9 mm Corto (9 × 17 mm cioè .380-ACP). Il motivo principale per cui fu prodotta fu l'ampia popolarità di cui godeva il calibro .32 anche tra i civili, giacché in Italia la Beretta Mod. 34 rimase proibita per lungo tempo in quanto "arma da guerra".

Questa pistola fu adottata dalla Marina Militare Italiana, dall'Aeronautica Militare italiana e dal Regio Corpo Guardie di Pubblica Sicurezza. Fu venduta anche alla Finlandia e, durante l'occupazione dell'Italia da parte dei tedeschi (1943-1945), fu in produzione sia per le esigenze delle loro forze armate, sia per quelle della R.S.I.

La M35 rimase in produzione per circa trent'anni (fino al 1967), raggiungendo un totale di circa 525.000 esemplari.

Altri modelli[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra