Battaglia di Tinian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Tinian
LST-1048 sbarcato a Tinian, settembre 1944
LST-1048 sbarcato a Tinian, settembre 1944
Data 24 luglio 1944 – 1º agosto 1944
Luogo Tinian, Isole Marianne
Esito Vittoria statunitense
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2 divisioni di Marines 4.700 soldati
4.110 marine
Perdite
290 morti[1]
1.816 feriti
6.050 morti[2]
236 prigionieri
2.500 evacuati
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Tinian è una battaglia della guerra del Pacifico che si svolse durante la seconda guerra mondiale. La battaglia venne combattuta dal 24 luglio al 1º agosto 1944.

Questa battaglia seguì la conquista dell'isola di Saipan da parte degli americani. Tinian si trova molto vicino a Saipan e questo la rese il successivo obiettivo della campagna delle Marianne.

Il 24 luglio la 2ª e la 4ª Divisione dei Marines sbarcarono sull'isola. Erano appoggiati oltre che dal fuoco navale anche dall'artigleria terrestre che sparava attraverso lo stretto che separa Saipan da Tinian. Durante il bombardamento iniziale vennero usate, per la prima volta, delle bombe al napalm.

Con un inganno i marines fecero credere che avrebbero attaccato il principale insediamento dell'isola, Tinian Town, costringendo quindi le forze dell'Impero giapponese ad allontanarsi dalla parte settentrionale dell'isola dove invece avvenne lo sbarco.

I giapponesi riproposero nuovamente la tenace tattica che avevano sperimentato a Saipan: si ritiravano di giorno per poi attaccare la notte. Il terreno di Tinian era più adatto di quello di Saipan, in gran parte montuoso, all'impiego dei carri armati e dell'artiglieria che quindi furono estesamente utilizzati dagli attaccanti. L'isola venne conquistata nove giorni dopo. Il 31 luglio i giapponesi lanciarono la loro ultima carica suicida. Molti giapponesi però si nascosero nella giungla di Tinian dove rimasero per molti mesi. Addirittura la guarnigione dell'isola di Aguijan a sud-ovest di Tinian, comandata dal tenente Kinichi Yamada, si arrese solo alla fine del conflitto il 4 settembre 1945. L'ultimo soldato giapponese, Murata Susumu, venne catturato solo nel 1953.

Dopo la conquista di Tinian l'isola divenne una importantissima base per le operazioni successive dotata di alloggiamenti per 50.000 soldati e di un gigantesco aeroporto. A questa trasformazione lavorarono 15.000 Seabees (genieri dell'US Navy) e da qui partivano i bombardieri che colpivano le Filippine, le isole Ryukyu e il Giappone. Da Tinian partirono anche i bombardieri che sganciarono le due bombe atomiche sulle città di Hiroshima e Nagasaki (Little Boy e Fat Man) che posero fine al conflitto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gilbert 1989, p. 645
  2. ^ Gilbert 1989, p. 645

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Gilbert, La grande storia della seconda guerra mondiale, 1989.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]