Banda (araldica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banda

Banda è un termine utilizzato in araldica per indicare una pezza onorevole costituita da una striscia, della larghezza normale di due moduli (2/7 della larghezza dello scudo) che scende, dalla destra alla sinistra, diagonalmente. Non deve essere confusa con la sbarra, che discende diagonalmente dalla sinistra alla destra.

Proporzioni[modifica | modifica sorgente]

  • nell'araldica italiana è larga usualmente, nonostante quanto sostenuto dal Manno nella definizione di apertura, un terzo dell'ampiezza dello scudo;
  • nell'araldica francese è larga 2 moduli (2/7 della larghezza dello scudo).

L'origine può essere fatta risalire al balteo, cintura di cuoio portata a tracolla dalla spalla destra al fianco sinistro ed alla quale era abitualmente sospeso lo scudo o, più raramente, la spada.

Riduzioni della banda[modifica | modifica sorgente]

Partizioni, ripartizioni e altre modificazioni[modifica | modifica sorgente]

La banda, come tutte le altre pezze araldiche, può essere sottoposta a partizioni, ripartizioni e tutte le altre modificazioni che possono essere apportate al campo intero dello scudo. Si possono quindi trovare bande scaccate, bordate, losangate, partite, troncate, tagliate, trinciate , etc. È anche possibile trovare le modificazioni tipiche delle pezze, per cui si hanno bande ondate, nebulose, alzate, abbassate e così via.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Vocabolario araldico ufficiale", a cura di Antonio Manno – edito a Roma nel 1907.
  • Dizionario araldico, di Piero Guelfi Camajani - edito a Milano nel 1940

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


araldica Portale Araldica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di araldica