Awamori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Una bottiglia di Awamori della distilleria Kikunotsuyu.

L'Awamori (泡盛) è una bevanda alcolica che si può trovare a Okinawa in Giappone.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È il risultato della distillazione di una soluzione idroalcolica (sake) ottenuta dalla fermentazione di riso in acqua con lievito precedentemente trattato con colonie di aspergillus noto localmente come kōji kin.

Contiene circa il 30% d'alcool. Il titolo alcolometrico del liquore aumenta con l'età di invecchiamento. Gli abitanti di Okinawa lo bevono allungato con acqua e ghiaccio, ma i più vecchi distillati Awamori si possono bere anche, "on the rocks" (con ghiaccio) o in cocktail party.

Un altro nome usato per Awamori a Okinawa è Sake dell'isola (島酒 shima-zake), o abbreviato Shima.

All'inizio del 2005, l'Awamori è venduto a 350 Yen per una tazza e 50.000 Yen per un vasetto di argilla invecchiato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Awamori era precedentemente considerato come un Shōchū (un distillato molto popolare in Giappone). Ma il Shōchū (焼酎) è generalmente distillato con riso e grano giapponese, contrariamente all'Awamori che utilizza riso thailandese e grano Indica. Inoltre, lo Awamori utilizza per la fermentazione il fungo nero kōji specifico per Okinawa, mentre il Shōchū utilizza un kōji bianco.

La tecnica di distillazione raggiunge Okinawa nel XV secolo, dalla Thailandia e questa tecnica con il riso thailandese è usato ancora oggi nella relativa produzione. Gli abitanti di Okinawa hanno raffinato la tecnica per renderla più adattata al clima subtropicale ed all'utilizzo del kōji.

Koshu (vecchio liquore)[modifica | modifica wikitesto]

Varie bottiglie di Awamori in un negozio a Ginza, Tokyo

Un Awamori più vecchio di oltre tre anni ottiene la denominazione di koshu (古酒, vecchio liquore). È invecchiato in vasi di terra in cantine ad una temperatura bassa e costante. Prima della Battaglia di Okinawa durante la seconda guerra mondiale, esistevano koshu con più di 200 o anche 300 anni d'età, ma tutti sono stati persi. Si stanno facendo parecchi tentativi per produrre ancora questo il koshu.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Awamori si pensa che venga dalle bolle (泡 awa) con l'aggiunta di (盛 mori), durante la relativa distillazione. Ci sono altre teorie sull'origine del nome, malgrado che comunemente la scrittura usa il carattere di kanji (泡, che sono i caratteri cinesi che sono usati nel sistema logografico giapponese nella scrittura moderna). Uno di questi è che il nome deriva da 粟 (anche pronunciato awa), che significa miglio, una materia che veniva usata secoli fa per fare l'Awamori, ora completamente sostituito con il riso.

Sorgente[modifica | modifica wikitesto]

  • Okinawa Prefectural Government, Awamori, Okinawa: Cultural Promotion Division, Okinawa Tourism and Cultural Affairs Bureau, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici