Antonio Schinella Conti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Schinella Conti (Padova, 22 gennaio 1677Padova, 6 aprile 1749) è stato un fisico, matematico, storico e filosofo italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Noto come Abate Conti e famoso per essere stato arbitro nella controversia tra Leibniz e Newton, circa l'invenzione del calcolo infinitesimale, nel 1715 in Inghilterra

Fu a lungo a Parigi dove si legò in amicizia con Charles Francois Du Fay, noto per gli esperimenti fisici che conduceva all'Accademia delle Scienze.

Una volta tornato in Italia, si ritirò a vita sedentaria tra Padova e Venezia. Morì nel 1749. Di lui esiste una statua a Padova, opera dello scultore padovano Felice Chiereghin, che venne eretta nel 1781 da Carolina de' Conti.

Scrisse trattati riguardanti la struttura della tragedia, e nel caso del Trattato dei fantasmi poetici, discusse la funzione dei cori. Tra le sue tragedie, la più significativa fu il Giulio Cesare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanna Scianatico, Il secolo neoclassico. Antonio Conti e la lezione di Gian Vincenzo Gravina, in "Esperienze Letterarie", a. XXXVI, 2011, n. 2, pp. 3-21.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39448641 LCCN: no96007058 SBN: IT\ICCU\MILV\082625