Antonio Rodotà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Rodotà (ESA)

Antonio Rodotà (Cosenza, 24 dicembre 1935Roma, 23 febbraio 2006) è stato un ingegnere e dirigente d'azienda italiano di etnia albanese (arbëreshë), impegnato nel settore spaziale italiano ed europeo ed ex direttore dell'ESA.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cosenza da una famiglia arbëreshë, a soli 17 anni si trasferì a Roma, dove si iscrisse alla facoltà di Ingegneria elettrotecnica dell'università La Sapienza. Terminati gli studi nel 1957, iniziò subito la sua carriera nell’industria, lavorando alla Sispre (nel 1959) come progettista elettronico e occupandosi precocemente di satelliti, per passare in seguito alla Selenia (1966).

Dal 1965 al '66 è stato delegato italiano alla NATO per i sistemi di elaborazione elettronica. Ha diretto la Divisione Spazio della Alenia Aerospazio, inoltre è stato responsabile del coordinamento tra le altre aziende spaziali di Finmeccanica (Laben e Space Software Italia) e presidente di Quadrics Supercomputer World. È stato anche vicepresidente del Gruppo Difesa e Spazio dell'Anie, membro del Comitato di gestione dell'Associazione Industrie Aerospaziali, del gruppo del Ministero per la Ricerca sui supercomputer, del comitato di gestione della Space Systems Loral e dei consigli di amministrazione di Arianespace, SSI e Marconi/Alenia Communications.

Dal giugno 1997 al giugno 2003 ha ricoperto la carica di direttore generale dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). Fu tra i padri del sistema satellitare globale di navigazione Galileo.

È morto il 23 febbraio 2006, all'età di 70 anni. Era il fratello dell’ex garante delle privacy, Stefano.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore generale dell'ESA Successore Logo-Esa.png
Jean-Marie Luton 1997 - 2003 Jean-Jacques Dordain