Anne-Aymone Giscard d'Estaing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anne-Aymone Giscard d'Estaing

Première dame di Francia
Predecessore Claude Pompidou
Successore Danielle Mitterrand

Anne-Aymone Giscard d'Estaing, (nata Anne-Aymone Marie Josèphe Christiane Sauvage de Brantes) (Parigi, 10 aprile 1933), è la moglie dell'ex presidente della Francia Valéry Giscard d'Estaing[1] il cui mandato è durato dal 27 maggio 1974 al 21 maggio 1981.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anne-Aymone Giscard d'Estaing sposa Valéry Giscard d'Estaing il 17 dicembre 1952. Hanno quattro figli: Valérie-Anne (1953), Henri (1956), Louis (1958) e Jacinte (1960).

Anne-Aymone è figlia di François Sauvage de Brantes, tenente-colonnello di cavalleria e membro della Resistenza, morto nel Campo di concentramento di Mauthausen-Gusen l'8 maggio 1944, e della principessa Aymone-Marie-Sylvie-Renée de Faucigny-Lucinge et Coligny, discendente di Charlotte di Borbone, figlia di Carlo di Borbone-Francia e di Amy Brown, la donna che l'erede al trono di Francia avrebbe sposato nel 1806 in Inghilterra.[2] Anne-Aymone è anche imparentata con il designer ed architetto di origini cubana Emilio Terry|José Emilio Terry y Dorticos.

Al padre François era attribuito il titolo di cortesia di conte,[3] in quanto secondogenito del marchese Paul Sauvage de Brantes, quest'ultimo nobilitato per breve pontificia del 19 maggio 1898 di Leone XIII.

Pur essendo di natura timida e riservata, Anne-Aymone Giscard d'Estaing ha svolto il compito di première dame in maniera più incisiva rispetto a Claude Pompidou e soprattutto a Yvonne De Gaulle. Ad esempio, assecondando lo stile inaugurato da Valéry Giscard d'Estaing, Anne-Aymone si è prestata ad accompagnare il marito agli inviti a pranzo che pervenivano da cittadini qualunque, e perfino a porgere gli auguri ai telespettatori in occasione del messaggio presidenziale di capodanno del 31 dicembre 1975, con l'effetto di attirarsi anche qualche critica.[4]

Dal 1983 al 1995, Anne-Aymone Giscard d'Estaing è consigliere comunale di Chanonat (Puy-de-Dôme) il comune dove suo suocero, Edmond Giscard d'Estaing, era stato sindaco dal 1932 al 1947. A Chanonat la coppia Giscard d'Estaing risiedeva presso castello di Varves, messo poi in vendita nell'estate 2008.

Anne-Aymone Giscard d'Estaing organizza ogni anno un ricevimento di beneficenza al Palazzo di Versailles, a beneficio della fondazione per l'infanzia che lei stessa ha fondato nel 1977. Questo evento è stato presieduto in passato da diversi membri di famiglie reali, come Diana del Galles, Rania di Giordania, Paola del Belgio, Silvia, Vittoria di Svezia e Bernadette Chirac. Numerose personalità del mondo della politica, dell'arte, del giornalismo, della moda sono invitate ogni anno, ed i fondi raccolti sono destinati alla fondazione.

Per la sua azione nel campo umanitario, il 14 luglio 2003 Anne-Aymone Giscard d'Estaing è stata nominata cavaliere della Legion d'onore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anne-Aymone Giscard d'Estaing - Les premières dames de France de la Ve République. URL consultato il 6 giugno 2010.
  2. ^ In ogni modo Charlotte, come anche la sorella minore Louise, fu considerata legittima, tanto che nel 1820 Luigi XVIII le accordò il titolo di contessa di Issoudun.
  3. ^ In realtà, la dizione giuridicamente corretta è "nobile dei marchesi", estensibile anche alla figlia Anne-Aymone.
  4. ^ Sabine Seggelke. Politische Kommunikation in Frankreich. Die Première Dame auf dem Weg zur eigenständigen Kommunikationsakteurin 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 7584612