Anders Thomas Jensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior cortometraggio 1999

Anders Thomas Jensen (Frederiksværk, 6 aprile 1972) è uno sceneggiatore e regista danese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua carriera cinematografica ha inizio nella seconda metà degli anni novanta.

In qualità di sceneggiatore partecipa ai principali film danesi di quegli anni, ricevendo regolarmente nomination al Premio Robert, il maggior riconoscimento cinematografico nazionale insieme al Premio Bodil. Scrive tre film Dogma, il n. 3 (Mifune - Dogma 3), il n. 4 (Il re è vivo) e il n. 28 (Open Hearts). Quest'ultimo segna l'inizio della fortunata collaborazione con la regista Susanne Bier, che prosegue con Non desiderare la donna d'altri (Brødre) (2004), che gli vale il primo Premio Robert per la migliore sceneggiatura originale, e Dopo il matrimonio (Efter brylluppet) (2006).

Dopo aver diretto tre cortometraggi ed essere arrivato per tre anni consecutivi, fra il 1997 e il 1999, nella cinquina dei candidati al Premio Oscar per il miglior cortometraggio, vincendo il premio alla terza occasione, con Valgaften, esordisce con successo alla regia di un lungometraggio nel 2000, con Luci intermittenti (Blinkende lygter), a cui seguono De grønne slagtere (2003) e Le mele di Adamo (Adams æbler) (2005). Quest'ultimo vince i Premi Robert per il miglior film e la migliore sceneggiatura originale e svariati premi in festival internazionali.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regia[modifica | modifica sorgente]

Cortometraggi[modifica | modifica sorgente]

Lungometraggi[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 81464240