Allier (fiume)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Allier
Allier
Ponte sul fiume Allier a Brioude
Stato Francia Francia
Regioni Alvernia Alvernia
Borgogna Borgogna
Centro Centro
Linguadoca-Rossiglione Linguadoca-Rossiglione
Lunghezza 410 km
Portata media 147 m³/s
Bacino idrografico 14310 km²
Altitudine sorgente 1503 m s.l.m.
Nasce Cevenne
Sfocia Loira
L'Allier presso Pont-du-Château nel Puy-de-Dôme

L'Allier (in occitano Alèir) è un fiume del centro della Francia, principale affluente della Loira per lunghezza, che ha dato il proprio nome al dipartimento dell'Allier.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Anticamente Elaver, il nome viene dal ligure el (albero) + ar (fiume al cui valle è in forma di pianura), con il significato di fiume degli alberi, senza dubbio perché utilizzato nella fluitazione del legname.

Idrografia[modifica | modifica sorgente]

Il fiume sorge nelle Cevenne sul Moure de la Gardille (1 423 m), in Lozère, e sfocia nella Loira a ovest della città di Nevers, presso il bec d'Allier, al confine tra i dipartimenti di Cher e Nièvre. È uno dei pochi fiumi ancora selvaggi d'Europa e ospita una fauna unica, con particolare riguardo all'avifauna.

Idrologia[modifica | modifica sorgente]

Il regime idrologico dell'Allier è pluviale sottomesso al clima oceanico. Si osserva in genere un massimo in febbraio (245 m³.s−1 di media mensile) e un minimo in agosto(circa 50 m³.s−1). In periodo di magra, la portata può scendere sotto i 20 m³.s−1 e passare i 2 000 m³.s−1 in piena. Le piene si formano all'epoca dei lunghi eventi pluviali che si manifestano generalmente da novembre ad aprile, provenienti più frequentemente dall'Oceano Atlantico. Tuttavia, l'episodio proveniente dal mediterraneo del 6 dicembre 2003 ha anch'esso provocato una forte piena, forse la più forte dal dopo guerra.

Portata media mensile (in m³/s)
Stazione idrometrica : Cuffy (1955 - 2008)

Fonte : Banque Hydro - Station K3650810

Fauna[modifica | modifica sorgente]

L'Allier con il ponte-canale di Le Guétin

Nutrie e castori sono alcune delle specie che si possono osservare sul fiume Allier. Particolarmente varia è la fauna ittica, che comprende trote, temoli, lucci. Tuttavia, la presenza di moltissimi sbarramenti sulla Loira ha comportato la quasi totale sparizione del salmone di Allier per l'assenza o inidoneità delle scale per pesci, insieme ad una serie di fattori: calo del della portata, distruzione dei luoghi di deposizione, calo del tasso dell'ossigeno disciolto, aumento della temperatura media.. Fortunatamente, sono stati compiuti validi sforzi per tentare, dopo anni, la reintroduzione di questo pesce mitico, all'origine di una tradizione culturale millenaria.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]