Alessandro Specchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sull'omonimo pianista, vedi Alessandro Specchi (pianista).

Alessandro Specchi (Roma, 1668Roma, 16 novembre 1729) è stato un architetto e incisore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La scalinata di Trinità dei Monti in Piazza di Spagna a Roma.

Allievo di Carlo Fontana, Specchi si specializzò subito anche come incisore, producendo diverse serie di vedute della città di Roma (Nuovo teatro dei palazzi di Roma, 1699). Sue sono anche le incisioni della monumentale opera a stampa del Tempio Vaticano dello stesso Carlo Fontana (1694).

Fin dal principio l'architettura di Specchi si mostrò ricettiva nei confronti degli stimoli dell'arte borrominiana. La sua prima opera fu la sistemazione urbanistica del Porto di Ripetta, caratterizzato da una pittoresca gradinata a linee concave e convesse digradanti verso il Tevere, distrutta per costruire i nuovi argini del fiume dopo l'Unità d'Italia e sostituita dal Ponte Cavour.

Agli inizi del XVIII secolo, lo Specchi fornì il progetto originale per il palazzo del Collegio Raffaello a Urbino, anche se non venne interamente rispettato, perché fu ritenuto eccessivamente oneroso e per questo vennero apportate diverse modifiche.

Accolto nel 1711 all'Accademia di San Luca, Specchi fu coinvolto nel 1723 nel concorso per la Scalinata di Piazza di Spagna, costruita dopo la pace tra la stessa Spagna, la cui ambasciata era nella parte inferiore della piazza, e la chiesa della Trinità dei Monti, una delle chiese francesi di Roma. La scalinata, fatta di rampe diagonali dalle linee assai mosse, fu eseguita da Specchi armonizzando il suo progetto con il coevo disegno di Francesco De Sanctis, a sua volta ispirato a quello del Bosco Parrasio sul Gianicolo di Antonio Canevari.

Altre sue opere sono il Palazzo Pichini-Gallo, in piazza Farnese, caratterizzato da una bella scalinata, il Palazzo De Carolis al Corso, la fontana De Carolis a Frosinone, e la prima sistemazione delle Scuderie del Quirinale, un tempo caratterizzate da una scenografica doppia rampa curvilinea digradante verso la piazza, abolita durante le profonde alterazioni del XIX secolo.

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

La fontana Livio de Carolis in Piazza della Madonna della Neve a Frosinone.

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • T. Manfredi, Specchi, Alessandro, in: In Urbe Architectus, a cura di B. Contardi e G. Curcio, Roma 1991, pp. 445-448.
  • P. Portoghesi, Roma barocca, Bari 1998, pp. 355-364 e 607-608.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 14874774 LCCN: n/90/628304

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie