Aereo da collegamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un Fieseler Fi 156 Storch nella livrea quello usato da Erwin Rommel in Nord Africa.
Un britannico Auster AOP.9 del 1957
Vultee L-1A

Un aereo da collegamento è un velivolo militare leggero, normalmente non armato, ideato nel periodo antecedente la seconda guerra mondiale ed utilizzato principalmente come supporto per le batterie di artiglieria, come trasporto veloce di Ufficiali dell'esercito e per il trasporto di dispacci militari. Noto anche come "army-cooperation aircraft", questo tipo di velivolo veniva impiegato anche come normale aereo da ricognizione, per controllare le colonne militari, come aeroambulanza, come piccolo aereo da trasporto ed altre funzioni simili.

Grazie alle sue caratteristiche STOL era possibile utilizzarlo in campi d'aviazione improvvisati o dalle pessime condizioni, diventando un basilare supporto nelle avanzate anche quando il nemico in ritirata riusciva a rendere parzialmente inutilizzabili le strutture militari che era costretto a lasciare. Uno dei più noti velivoli di questo tipo è stato il tedesco Fieseler Fi 156 Storch del quale i feldmarescialli Erwin Rommel e Albert Kesselring ne avevano assegnato uno personale.

La maggior parte di questi velivoli sono stati sviluppati da velivoli leggeri usati in aviazione civile ed alla fine della guerra vennero riutilizzati spesso come aerei da turismo.

Con il rapido sviluppo dell'elicottero il ruolo dell'aereo da collegamento scomparve progressivamente in favore della maggiore versatilità di questi ultimi.

Principali aerei da collegamento per nazionalità[modifica | modifica sorgente]

Francia Francia
Germania Germania
bandiera Regno d'Italia
Polonia Polonia
Regno Unito Regno Unito
Stati Uniti Stati Uniti

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione