Adrenalina blu - La leggenda di Michel Vaillant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adrenalina blu - La leggenda di Michel Vaillant
Titolo originale Michel Vaillant
Paese di produzione Francia
Anno 2003
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere sportivo, azione
Regia Louis-Pascal Couvelaire
Sceneggiatura Luc Besson
Gilles Malençon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Adrenalina blu - La leggenda di Michel Vaillant è un film francese diretto da Louis-Pascal Couvelaire e sceneggiato da Luc Besson e Gilles Malençon, liberamente tratto dal fumetto Michel Vaillant di Jean e Philippe Graton.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Michel Vaillant (interpretato da Sagamore Stévenin) è un pilota automobilistico francese che vince a ripetizione sui circuiti di tutto il mondo e in varie competizioni, dalla F1 ai rally, assieme ai suoi compagni di squadra Steve Warson (Peter Youngblood Hills), Giulio Cavallo (Stefano Cassetti) e David Dougherty (Scott Thrun).

Alla vigilia del Rally del 50º Parallelo Nord, che si disputa in Canada, Elisabeth (Beatrice Agenin), madre di Michel, ha un incubo durante il quale vede la morte del figlio in un incidente alla 24 Ore di Le Mans, conseguenza di un duello esasperato con una vettura del Team Leader, contrassegnata col numero 13; circostanza questa pressoché impossibile, visto che il Team Leader è fuori dall'ambiente delle corse da cinque anni e che abitualmente il numero 13, negli sport automobilistici, non viene impiegato.

Il Team Vaillante, di proprietà di Henri Vaillant (Jean-Pierre Cassel), si iscrive alla gara francese, completando la squadra con Gabrièle Spangenberg (pilota di rally e "fiamma" di Steve, interpretata da Agathe de La Boulaye) e Akira Kadokawa (Kentaro Yuji Yamashita).

Durante il Rally dei Cinque Colli, che si svolge in Italia, David e Giulio rimangono coinvolti in un incidente. Giulio riesce ad uscire subito dalla vettura semidistrutta, ma David, pur illeso, rimane intrappolato. Proprio mentre sopraggiungono anche Michel e Steve la Vaillante inspiegabilmente si incendia, uccidendo David. In seguito, si saprà che l'incendio è stato causato da un sabotaggio operato dal pilota rivale Bob Cramer (François Levantal). A questo punto Julie (Diane Kruger), pilota di rally e vedova di David, chiede ed ottiene di prenderne il posto a Le Mans, dopo aver persuaso lo scettico manager Jean-Pierre Vaillant (Philippe Bas) durante un test grazie all'aiuto di Michel.

A Le Mans i Vaillant trovano una sorpresa: tra gli iscritti, infatti, figurano anche i loro eterni rivali del team Leader, capitanato da Ruth Wong (Lisa Barbuscia), figlia dello scomparso Mr.Wong. L'incubo di Elisabeth quindi, inizia a materializzarsi, anche perché ad una delle Leader è stato assegnato come numero di gara il 13. Durante la conferenza stampa di presentazione Ruth annuncia di aver assunto la guida del team e di essere, in quanto a testardaggine, "degna figlia di suo padre". Alle parole seguono i fatti: Ruth ricorre ad ogni mezzo per ostacolare il team Vaillant e spingendosi al punto di far rapire Henri, padre di Michel, poco prima della partenza della 24 ore. Quando la corsa prende il via Michel è costretto, suo malgrado, a rimaner dietro alla Leader guidata da Cramer, ma, durante la notte, si fa sostituire da Julie alla guida e si mette in cerca del padre. Durante la sua ricerca, Michel si introduce nel retrobox del Team Leader e riesce a scoprire il nascondiglio dei rapitori, ma viene catturato e costretto a pilotare la Leader al posto di Cramer, infortunatosi in gara. Frattanto Julie viene a sapere la verità sulla morte del marito da un compagno di squadra di Cramer, presente al tragico Rally d'Italia come navigatore del pilota americano. Al momento di salire in macchina Julie ha un solo pensiero: vendicare il marito. Raggiunge la Leader pilotata da Michel e ingaggia un duello fatto di scorrettezze a ripetizione, credendo che sulla vettura avversaria ci sia proprio Cramer. Il risultato è l'incidente sognato da Elisabeth, ma Michel, sceso dalla vettura, salva Julie, rimasta intrappolata sulla Vaillante, un attimo prima che questa esploda. A questo punto Michel, Julie e Steve si mettono in cerca di Henri, in una vera e propria corsa contro il tempo...

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Alcune scene del film sono state girate durante la 24 Ore di Le Mans 2002. Le vetture Vaillante e Leader sono state rappresentate rispettivamente da una Lola B98/10 e da una Panoz LMP1 Roadster S. Entrambe le macchine sono state gestite dal Team DAMS, e hanno regolarmente preso parte alla gara rispettivamente con gli equipaggi Emmanuel Clerico-Michel Neugarten-Philippe Gache e Perry McCarthy-Marc Duez-Jerome Policand.

Le Vaillante da rally sono in realtà Peugeot 206 WRC, a cui sono state applicate carrozzerie posticce.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]