Adonias Filho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il ventunesimo Presidente del Brasile, vedi João Café Filho.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore brasiliano ex centrocampista della Nazionale, vedi Valdo Filho.
Adonias Filho con Gabriel García Márquez (in centro) e Jorge Amado (a sinistra)

Adonias Aguiar Filho (Itajuípe, 27 novembre 1915Itajuípe, 2 agosto 1990) è stato un giornalista, critico letterario, saggista e scrittore brasiliano, a lungo membro dell'Accademia Brasiliana delle Lettere. Iniziò a lavorare come giornalista dal 1936 prima a Salvador de Bahia poi a Rio de Janeiro, dove collaborò con il giornale Correio da Manhã, per il quale scrisse anche articoli di critica letteraria nel 1937; collaborò successivamente anche con altri quotidiani: Hora Presente, A Manhã (1944-1945), Jornal de Letras (1955-1960), Diário de Notícias (1958-1960). Negli ultimi anni scrisse soprattutto per l'O Estado de S. Paulo.

Antonias Filho a Luanda (Angola)
Adonias Filho con gli amici Rachel de Queiroz (al centro) e Gilberto Freyre (a destra)

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Renascimento do homem - saggio (1937)
  • Tasso da Silveira e o tema da poesia eterna - saggio (1940)
  • Memórias de Lázaro - romanzo (1952)
  • Jornal de um escritor (1954)
  • Modernos ficcionistas brasileiros - saggio (1958)
  • Cornélio Pena - critica letteraria (1960)
  • Corpo vivo - romanzo (1962)
  • História da Bahia - saggio (1963)
  • O bloqueio cultural - saggio (1964)
  • O forte - romanzo (1965)
  • Léguas da promissão - raccolta di novelle (1968)
  • O romance brasileiro de crítica - critica letteraria (1969)
  • Luanda Beira Bahia - romanzo (1971)
  • O romance brasileiro de 30 - critica letteraria (1973)
  • Uma nota de cem - racconti per bambini (1973)
  • As velhas - romanzo (1975)
  • Fora da pista - racconti per bambini (1978)
  • O Largo da Palma - raccolta di novelle (1981)
  • Auto de Ilhéus - teatro (1981)
  • Noites sem madrugada - romanzo (1983)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 109152167 LCCN: n50043675