Acer davidii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Acer davidii
Acer davidii leaves.JPG
Foglie di A. davidii
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Sapindales
Famiglia Aceraceae
Genere Acer
Specie A. davidii
Classificazione APG
Ordine Sapindales
Famiglia Sapindaceae
Nomenclatura binomiale
Acer davidii
Franch.
Nomi comuni

Acero di Padre David

L'Acero di Padre David (Acer davidii Franch.) è un piccolo albero deciduo originario della Cina che prende il nome da Armand David, il missionario francese che lo scoprì[1].

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Portamento[modifica | modifica wikitesto]

Alto fino a quattordici metri nella varietà 'George Forrest', meno nella varietà 'Ernest Wilson', ha chioma affusolata[1].

Corteccia[modifica | modifica wikitesto]

La corteccia è di color verde e presenta striature bianche. I giovani rametti della varietà 'George Forrest' sono di color porpora o rosso scuro[1].

Foglie[modifica | modifica wikitesto]

Nella varietà 'George Forrest' le foglie sono piane e di superficie più ampia di quelle degli altri aceri, ma non assumono colorazioni autunnali appariscenti. Nella varietà 'Ernest Wilson' appaiono più strette e ripiegate lungo la nervatura mediana, con colorazione autunnale rosso-arancione[1].

Fiori[modifica | modifica wikitesto]

I fiori sono di colore giallo, riuniti in spighe della lunghezza variabile da cinque a dieci centimetri, sbocciano in maggio e non sono particolarmente appariscenti[1].

Frutti[modifica | modifica wikitesto]

I frutti sono disamare con ali lunghe da due centrimetri e mezzo a poco meno di quattro[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Roger Phillips, riconoscere gli alberi, a cura di Sheila Grant e Tom Wellstead, edizione italiana a cura di Uberto Tosco, Novara, Istituto Geografico De Agostini [1978], 1984, p. 68.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica