...And His Mother Called Him Bill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
...And His Mother Called Him Bill
Artista Duke Ellington
Tipo album Studio
Pubblicazione 1967
Durata 61:18
Dischi 1
Tracce 12 (LP)
Genere Jazz
Etichetta Bluebird/RCA
Produttore Steve Backer
Brad McCuen
Registrazione 28 agosto 1967 - 15 novembre 1967
Duke Ellington - cronologia
Album successivo
(1967)

...And His Mother Called Him Bill è un album discografico del musicista jazz statunitense Duke Ellington pubblicato nel 1967.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

L'album venne inciso da Ellington come una sorta di omaggio postumo al suo storico partner musicale Billy Strayhorn, all'epoca da poco scomparso. Tutte le composizioni presenti sull'album sono infatti opera di Strayhorn, da lui composte in solitaria o in collaborazione, e il titolo dell'album, traducibile in italiano con le parole ...E sua madre lo chiamava Bill, è anch'esso un affettuoso omaggio al vecchio amico deceduto.

Curiosamente nel disco non venne inclusa la composizione più celebre tra quelle scritte da Strayhorn per la Duke Ellington Orchestra, la celeberrima Take the "A" Train.

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

Originariamente l'album venne pubblicato in vinile nel 1967 dalla RCA Victor, per poi essere ristampato in formato compact disc molte volte nel corso degli anni: nel 1987 dalla RCA Records/Bluebird Records, nel 1993 dalla Flying Dutchman Records, e infine nel 2000 dalla BMG. Sono state pubblicate inoltre due edizioni speciali, una negli Stati Uniti (2002) ed una in Francia (2001), entrambe con la stessa scaletta dei brani.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Versione originale (1967)[modifica | modifica sorgente]

  1. Snibor (Billy Strayhorn) – 4:16
  2. Boo-Dah (Strayhorn) – 3:25
  3. Blood Count (Strayhorn) – 4:16
  4. U.M.M.G. (Upper Manhattan Medical Group) (Strayhorn) – 3:09
  5. Charpoy (Strayhorn) – 3:05
  6. After All (Strayhorn) – 3:28
  7. The Intimacy of the Blues (Strayhorn) – 2:55
  8. Rain Check (Strayhorn) – 4:34
  9. Day Dream (Ellington, John La Touche, Strayhorn) – 4:18
  10. Rock Skippin' at the Blue Note (Ellington, Strayhorn) – 2:59
  11. All Day Long (Strayhorn) – 2:56
  12. Lotus Blossom (Strayhorn) – 3:52

Ristampa CD (1987)[modifica | modifica sorgente]

  1. Boo-Dah (Strayhorn) – 3:32
  2. U.M.M.G. (Strayhorn) – 3:13
  3. Blood Count (Strayhorn) – 4:19
  4. Smada (Ellington, Strayhorn) – 3:20
  5. Rock Skippin' at the Blue Note (Ellington, Strayhorn) – 3:02
  6. Rain Check (Strayhorn) – 4:37
  7. Midriff (Strayhorn) – 4:31
  8. My Little Brown Book (Strayhorn) – 4:13
  9. Lotus Blossom (Strayhorn) – 3:57
  10. Snibor (Strayhorn) – 4:19
  11. After All (Strayhorn) – 3:48
  12. All Day Long (Strayhorn) – 2:57
  13. Lotus Blossom (Strayhorn) – 5:01
  14. Day Dream (Ellington, Latouche, Strayhorn) – 4:20
  15. The Intimacy of the Blues (Strayhorn) – 3:02
  16. Charpoy (Strayhorn) – 3:07

Ristampa Francese (2001) e Americana (2002)[modifica | modifica sorgente]

  1. Snibor (Strayhorn) – 4:16
  2. Boo-Dah (Strayhorn) – 3:28
  3. Blood Count (Strayhorn) – 4:18
  4. U.M.M.G. (Strayhorn) – 3:14
  5. Charpoy (Strayhorn) – 3:07
  6. After All (Strayhorn) – 3:52
  7. The Intimacy of the Blues (Strayhorn) – 2:58
  8. Rain Check (Strayhorn) – 4:37
  9. Day Dream (Ellington, Latouche, Strayhorn) – 4:25
  10. Rock Skippin' at the Blue Note (Ellington, Strayhorn) – 3:02
  11. All Day Long (Strayhorn) – 2:58
  12. Lotus Blossom [Solo Version] (Strayhorn) – 3:54
  13. Acht O'Clock Rock (Ellington) – 2:23
  14. Rain Check [alternate take] (Strayhorn) – 5:22
  15. Smada (Ellington, Strayhorn) – 3:21
  16. Smada [alternate take] (Ellington, Strayhorn) – 3:20
  17. Midriff (Strayhorn) – 4:35
  18. My Little Brown Book (Strayhorn) – 4:13
  19. Lotus Blossom [Trio Version] (Strayhorn) – 4:56

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Artista
Band (basata sulla lista delle tracce nelle ristampe americana e francese)
Produzione
  • Steve Backer – produttore esecutivo
  • Ed Begley – registrazioni originali
  • Ray Hall – remixaggio
  • Daniel Maffia – illustrazioni
  • Brad McCuen – produttore
  • Ed Michel – produttore ristampa
  • Robert Palmer – note interne
  • Neal Pozner, J.J. Stelmach – art direction

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • 1969 Grammy Award – Best Large Jazz Ensemble Performance; Album – Duke Ellington

Note[modifica | modifica sorgente]

jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz