Take the A Train

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Take the A Train è uno standard jazz composto da Billy Strayhorn.

La linea A della Metropolitana di New York

È ispirato alla linea "A" della metropolitana di New York, che al tempo portava da eastern Brooklyn fino ad Harlem ed alla parte settentrionale di Manhattan. Divenne il pezzo di punta di Duke Ellington e spesso era il primo pezzo eseguito da Ella Fitzgerald nei suoi concerti.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

L'uso della composizione di Strayhorn come sigla si rese necessario quando, nel 1940, la ASCAP (American Society of Composers and Publishers) aumentò le proprie tariffe per le performance radiofoniche (era il modo in cui la maggior parte della musica di Ellington era fruita). Duke si rivolse allora a Strayhorn e a suo figlio Mercer, entrambi membri della BMI, una concorrente della ASCAP, per "Scrivere un nuovo repertorio per l'orchestra". Take the A Train, uno dei molti pezzi di Strayhorn già in repertorio, prese così il posto di Sepia Panorama come sigla.

Un'immagine di Sugar Hill

Stando a Mercer Ellington, fu lui a recuperare il pezzo dall'immondizia, dopo che Strayhorn lo aveva scartato perché gli pareva troppo nello stile di Fletcher Henderson.[1]

La canzone era stata composta nel 1938, e il suo titolo fa riferimento all'espresso 'A' della metropolitana di New York che all'epoca andava dall'estremo est di Brooklyn fino ad Harlem e all'estremo nord di Manhattan, connettendo quelli che al tempo erano i più popolosi quartieri di colore, Bedford Stuyvesant e Harlem.[2]

Con una struttura accordale reminiscente della canzone Exactly like you, questo standard combina lo swing propulsivo degli anni quaranta con la sofisticazione di Ellington: il testo allude all’élite di colore che al tempo abitava Sugar Hill ad Harlem. Il pezzo è nella consueta forma AABA, in tonalità di DO, ed ogni sezione è un distico.

Strayhorn disse di avere anche scritto un testo per il brano, ma questo fu registrato per la prima volta con parole composte da (o per) i Delta Rhythm Boys. L'orchestra di Ellington usò il testo creato da Joya Sherrill, che a 17 anni (nel 1944) inventò le parole nella sua casa di Detroit ascoltando la canzone alla radio. Suo padre, un noto attivista nella comunità afroamericana di Detroit, organizzò un incontro con Ellington, che, favorevolmente impressionato da Joya, l'assunse come cantante e adottò il suo testo per Take the A Train. Nell'orchestra, il cantante che interpretò più spesso questo brano fu il trombettista Ray Nance, che aggiungeva spesso numerosi chorus in stile scat, e che fu anche l'autore dell'assolo nella prima registrazione.

You must take the A Train
To go to Sugar Hill way up in Harlem
If you miss the A Train
You'll find you've missed the quickest way to Harlem
Hurry, get on, now, it's coming
Listen to those rails a-thrumming (All Aboard!)
Get on the A Train
Soon you will be on Sugar Hill in Harlem

Sull’album di Ellington del 1962 con John Coltrane (Duke Ellington & John Coltrane), fu eseguita una composizione che riprendeva il titolo di questo standard, Take The Coltrane, un gioco di parole scherzoso sul titolo del brano e il soprannome di Coltrane, "Trane" appunto.

Esecuzioni Notevoli[modifica | modifica wikitesto]

Un treno A diretto nel Queens

Ella Fitzgerald eseguì molte volte questa canzone: una versione dal vivo, che contiene anche il caratteristico scat della Fitzgerald, è nell'album Verve Ella in Hollywood (1961).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strayhorn era un grande fan di Henderson: nel libro di Stanley Dance, The World Of Duke Ellington, Strayhorn dichiarò "Un giorno stavo pensando al suo stile e al suo modo di usare le trombe e i sassofoni, e pensai di fare qualcosa del genere"
  2. ^ Riguardo al titolo di questo brano, esiste una leggenda. Occorre ricordare che le leggende nel mondo jazzistico si sono così moltiplicate durante gli anni che è difficile dire se corrispondano al vero o meno. Strayhorn aveva già incontrato Duke Ellington nel 1938, cercando di impressionarlo con la propria abilità e gusto musicale durante uno show nella sua città natale, Pittsburgh. Dovette esserci riuscito, in quanto Duke gli riferì che si sarebbero sentiti nel prossimo futuro. Tuttavia, nel Gennaio del 1939, Strayhorn non aveva ancora avuto alcun contatto con Ellington e decise così di rifarsi vivo e di incontrarlo personalmente. Chiamò l’ufficio di Ellington che gli disse che il grande musicista sarebbe stato a suonare ad Harlem nei giorni seguenti. Strayhorn partì da Pittsburgh e giunse a New York. In tasca aveva una composizione già preparata a casa con la quale impressionare favorevolmente il grande Duke. Appena arrivato in città chiamò nuovamente l’ufficio di Ellington per avere indicazioni su come raggiungere il locale dove egli stesse suonando. Giunto ad Harlem, riuscì, alla fine del concerto, a parlare con Ellington e proporgli nuovamente di suonare con lui. In quell’occasione suonò per lui il pezzo che aveva già preparato a casa. Ellington fu favorevolmente colpito dalla canzone e chiese a Strayhorn che titolo avesse, ma Strayhorn era così emozionato che l’unica cosa che gli venne in mente fu la frase che si era ripetuto mentalmente più volte mentre andava là, per paura di prendere la linea sbagliata, cioè le istruzioni che aveva ricevuto per arrivare ad Harlem! Fu così che il pezzo prese il titolo di Take the A train.
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz