Wikipedia:Bar/Discussioni/ItWikiCon 2019 - Aggiornamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

ItWikiCon 2019 - Aggiornamento


Antefatto[modifica wikitesto]

Un doveroso breve aggiornamento, anche per spiegare perché non vi abbiamo aggiornato prima.
Tutto andava meravigliosamente, la primavera scorsa: avevamo una bella sede, pian piano stavamo cominciando a mettere mano a tutti gli aspetti dell'evento, e ad aprile abbiamo fatto i sopralluoghi a Villa Giulia, Museo Etrusco, sede prevista. Molte cose ci legano (tuttora) a Villa Giulia, a partire dagli eventi wiki che già ci avevamo fatto in passato, per finire alle relazioni sviluppate con il Direttore Valentino Nizzo, che due di noi conoscevano bene per ragioni professionali diverse. A giugno, fulmine a ciel sereno, l'allora ministro Bonisoli è intervenuto in modo radicale sulla strutturazione degli enti del suo dicastero, e uno degli effetti del suo intervento è stata la revoca dell'autonomia al Museo. Poiché nulla avrebbe mai fatto prevedere un incidente del genere, l'unica cosa che non avevamo fatto era correre a formalizzare, a mettere nero su bianco; l'avremmo dovuto fare, per necessità del Museo, durante l'estate. Ma nessuno va a pensare a uno stravolgimento come questo, e nessuno va a pensare che - per qualsiasi ragione restando senza direttore - si dovesse ritrovarci senza un sostituto, un facente funzioni, un qualsiasi altro responsabile ancorché in funzione supplente. Invece in questo caso è stato proprio così: siamo rimasti per un po' senza che nessuno sapesse interpretare il decreto, ma quello che era certo da subito è che anche volendo correre non si sarebbe potuto formalizzare con Nizzo. Non eravamo i soli danneggiati dal provvedimento. E non era il solo museo coinvolto. Forse avremmo potuto aggiungere i nomi delle Associazioni del mondo wiki, ai tanti che hanno richiesto ufficialmente e pubblicamente un ripensamento, e l'avremmo fatto anche rinunciando alla sede per evitare che potesse apparire interessato; ma noi abbiamo stretti vincoli sull'ingerenza in materie politiche.
Dunque, a giugno, abbiamo ricevuto la scossa tellurica e tutto lo sciame sismico di un provvedimento che per l'ItWikiCon ci era criticamente centrale, ma che ben più che noi ha messo sossopra tutto il sistema culturale romano (colpita allo stesso modo anche l'Appia Antica). A giugno dunque ci siamo dati una deadline per la sede, fissandola all'11 luglio. Senonché, nel marasma "ministeriale", qualcuno nel frattempo ha ritenuto di ricontattarci per farci sapere che c'era tutta l'intenzione di ospitarci come previsto e il problema semmai era verificare se nella Villa Poniatowski ci fosse lo spazio fisico per la plenaria. Un po' il grande interesse per quella sede, un po' la fiducia negli interlocutori, ha sopravanzato le legittime perplessità circa la situazione. L'ottimismo della volontà che soffoca il pessimismo della ragione, se volete. Insomma abbiamo atteso. Tanto, per altre strade, il nostro "piano B" prevedeva dei locali presso l'Università La Sapienza, per i quali ci si riferiva la più completa assenza di qualsiasi problema. Per sussulto di scrupolo abbiamo richiesto a chi se ne incaricava di formalizzare il prima possibile qualcosa, qualunque cosa, qualsiasi cosa di formale con l'ateneo. Ma è giunta l'estate, il conseguente stop, io per una volta dopo davvero tanti anni mi son fatto una vacanza estiva e già che c'ero l'ho prolungata, ho addirittura incontrato altri del Team in vacanza, e ad agosto mi sono gustato la crisi di governo in tutta la sua leggera teatralità. A parte gli inconsueti aspetti comici, la crisi si chiudeva con il ministero che tornava in mano al ministro precedente, Franceschini, contro le cui riforme andava a impattare il provvedimento di Bonisoli. Indipendentemente da altre considerazioni, il fatto poteva aprire forse uno spiraglio, tant'è che poi la prima sortita pubblica del ri-ministro in questo ruolo, già nota a Roma ufficiosamente, si è rivelata praticamente una beffa... Al ritorno, all'inizio di settembre, dal Museo ci è stato messo nero su bianco che la confusione era tale da non consentire l'ulteriore prosecuzione di discorsi concreti, perché tradotto suona come "non sappiamo chi firma".
A questo punto, per sovrammercato, abbiamo anche dovuto prender atto che, per cause che accerteremo, è contemporaneamente saltato anche il Piano B (La Sapienza).
Ecco perché sino ad oggi non è stato condiviso nulla sull'appuntamento che tutti attendiamo.
Situazione:
Abbiamo in tutta fretta ottenuto di poter verificare la disponibilità di una sede presso un altro importantissimo Ente culturale della Città. I sopralluoghi sono domani. A brevissimo è decisamente assai probabile vi confermeremo l'invito per le date fissate, 15-17 novembre a Roma. Non a Villa Giulia, in un'altra sede che contiamo non vi dispiaccia. Ma lo faremo solo sulla base di certezze certe.
Credo che insieme a me l'intero Team intenda scusarsi per quanto di nostra responsabilità inevitabilmente vi sia stato nell'accaduto. Crediamo che oggettivamente non potesse mai prevedersi una situazione come quella che abbiamo visto succedere, tuttavia forse avremmo dovuto essere un po' meno wiki e riposare un po' meno sulla fiducia. Ma siamo gente wiki... E come tali stiamo lavorando a ritmi serrati per fare tutto quanto è possibile per un risultato cui per mille ragioni teniamo in modo passionale.
Stay tuned e grazie per la comprensione :-)
-- g · ℵ → Gianfranco (msg) 16:35, 30 set 2019 (CEST)

vabbe', manco fosse colpa vostra.. scusarsi de che, uaglio'?? --188.15.239.111 (msg) 16:42, 30 set 2019 (CEST)
Non è colpa vostra! Grazie per tutto quello che avete fatto e state facendo. --Adert (msg) 16:48, 30 set 2019 (CEST)
Nulla di cui scusarsi, magari per il prossimo anno occorrerà cercare una sede in una delle altre realtà italofone che danno maggiori garanzie di resilienza nell'arco di un anno: San Marino, Canton Ticino, Vaticano o Principato di Seborga.--Bramfab Discorriamo 17:21, 30 set 2019 (CEST)
Però "L'ottimismo della volontà che soffoca il pessimismo della ragione" è troppo bella, me la segno :-) --Lepido (msg) 14:59, 1 ott 2019 (CEST)

Aggiornamento - 2[modifica wikitesto]

Il 6 ottobre è appena terminato e il 6 ottobre era la deadline stabilita (principalmente da WMCH, ma condivisa anche da WMI e dal Team) per la presentazione di proposte di location con almeno un principio di formalizzazione con chi ce la dovesse mettere a disposizione. Il crudo fatto è che non è stato possibile presentarne entro il 6 ottobre, almeno per quanto ne so io.
Come accennato in precedenza, visto che sedi non ce n'erano eppure nessuno voleva arrendersi, è stato fatto un ultimo tentativo. Con entusiasmo e forza di volontà. Posso parlare per ciò che mi ha riguardato più direttamente, io ho esaminato diversi tipi di disponibilità, privilegiando il criterio della gratuità della concessione degli spazi, o dell'esiguità del canone, o ad estremo della sua ragionevolezza: ne ho trovato tramite privati, agenzie della Regione, e del Polo Museale Lazio. Il Comune non è stato interessato perché, mentre noi preparavamo l'evento wiki, una vasta Community digitale preparava parallelamente una 'settimana del software libero' patrocinata dal Comune e curata da un'assessora al mondo wiki ben nota, che però proprio a fine settembre è stata "vittima" di un rimpasto con cui di fatto quell'evento è saltato; anche lì ora non si sa (visto che le deleghe di interesse sono state raccolte dalla sindaca) a chi eventualmente proporre discorsi fattibili.
Per i teatri contattati non c'era mai una capienza davvero compatibile (troppo piccola o troppo grande, e in quel caso troppo cara) o c'erano altri problemi logistici o economici (in particolare canoni superiori al budget complessivo wikicon). Ho esaminato, su tutte, l'ipotesi di un palazzo a Trastevere (scartato per condizioni di cessione), del Polo tecnologico sulla Tiburtina (collegamenti impossibili), di altre location universitarie (tempi per la formalizzazione incompatibili) e poi ho incontrato la Direttrice del Polo Museale che, mostrando vivo interesse e desiderio di aiutarci, ha fatto tutto quanto possibile, con impegno personale di alcuni fra i suoi dirigenti più importanti, per consentirci l'uso di Castel Sant'Angelo, in cui ho fatto il sopralluogo. Parallelamente un ente semi-privato ci segnalava la volontà di mettere a disposizione un palazzo prestigioso in Corso Vittorio, alle spalle di piazza Navona, ma abbiamo naturalmente privilegiato l'ipotesi più famosa. Infine, proprio per prevedere esigenze di imprevedibile eccezionalità, roba da invasione delle cavallette o straripamenti del Tevere o altri estri di ministri, restava l'opzione Rieti, a 70 km da Roma, città che attualmente "risponde" al wiki in modo superiore alle aspettative e che avrebbe meritato appieno un evento suo e nostro. Purtroppo le burocrazie sono le burocrazie, e i tempi non hanno consentito di giungere a definire le condizioni di cessione del castello entro il 6 ottobre. Ci si è provato con tutta l'intenzione, ma non sono pervenute certezze certe in tempo utile.
Perché il 6 ottobre. Nel fissare una data per esigenze contabili di uno dei finanziatori, si è comunque centrato un punto di feroce realismo. Per un evento che deve tenersi il 15 novembre, il 6 novembre è l'ultima data utile per chiudere le preparazioni logistiche, formali, finanziarie e negoziali; dal 7 novembre è solo trasporto di casse o manovre legate alla mera materialità, pinze e cacciaviti, dunque tutto deve essere completato almeno dieci giorni prima dell'evento. Perciò resta solo un mese per negoziare la sede e in dipendenza di questa gli alloggi e il catering, i trasporti e gli accessori. Che io sappia, sinora non si è reso necessario fare nemmeno una telefonata per i posti letto, il che è sanamente ortodosso quando non si sa dove davvero servono. Ma se servisse, avremmo un mese perché i nostri volontari possano recarsi a visionare la struttura, vederne altre per un doveroso confronto, mediare fra la prescelta e i Chapter finanziatori, curare il buon fine delle trattative e completare tutto il restante ad ogni livello. I nostri volontari: non siamo staff, il tempo che occorre per fare tutto è tempo di volontari, pertanto non si può non considerare che un mese è poco, molto poco, per fare ciò che ci eravamo dati 6 mesi di tempo per fare. Con solo due volontari su Roma. Troppo poco per fare promesse serie di efficienza (io per esempio fra oggi e il 6 dicembre starò fuori 4 giorni per altre cose wiki e 3 per lavoro, e nei restanti devo recuperare). Troppe variabili che possono impazzire. Con gli effetti che, ove impazzissero, potete immaginare. Dunque il 6 ottobre è davvero una deadline.
Invero, per alcuni giorni, e cioè quando iniziavo a contattare gli Enti con cui ho approfondito, si è ventilata l'ipotesi di uno slittamento - inizialmente per il ponte dell'Immacolata (8 dicembre), poi per quello precedente (!° dicembre); anche la durata stessa dell'evento è stata ridotta a un giorno e mezzo anziché i previsti due e mezzo. Comprendendo nel giorno e mezzo anche l'assemblea di Wikimedia Italia, appuntamento che stricto sensu non ha relazione con l'evento di cui parliamo.
Poi si è tornati alle date inizialmente previste, per un giorno e mezzo compresa assemblea. Il team sa che eventi come questo, anche per caratteri che possiedono sin dai primi casi, devono essere eventi aperti a tutte le anime del mondo wiki, dalle Community online alle Associazioni IRL, dai gruppi spontanei alle altre possibili entità che condividono lo spirito del sapere libero; e che tutte queste anime lavorano insieme per la buona riuscita. Il Team ha perciò sempre inteso la relazione con i Chapter finanziatori come doverosamente costruttiva, aperta al dialogo e alla discussione; di fatto il Team deve tener conto degli input che riceve da chi gliene invia, presumendo wikipedianamente sempre buona fede e condivisione degli intenti. L'autonomia che un team come questo potrebbe ritagliarsi dipende dalle altre fonti di finanziamento, e non per un discorso di assoggettamento per dipendenza economica, bensì di rispetto per chi dà fiducia all'organizzazione dell'evento; purtroppo il Professionista incaricato di verificare altri possibili supporti, scopertamente pessimista sin dal primo momento, non ci ha mai dato in tutti questi mesi notizie di possibili partner né tecnici né di cassa, il budget si basa quindi esclusivamente sull'impegno assunto dai Chapter e su una (irrisoria) quota di partecipazione che verrebbe richiesta ai partecipanti. La ristabilita rigidità di data è stata registrata, e ha escluso Corso Vittorio. Il castello non ha fatto a tempo.
Su questo, sul mancato successo di una scelta così tanto "umanistica", ci è stato espresso anche del sollievo in quanto in certe visioni parrebbe che questi eventi debbano tenersi in luoghi di più pronta semplicità "tecnologica"; personalmente continuo a considerare più che benvenuta la componente "scienze umane" nel sapere libero che produciamo e mi spiace non si possa incontrarci in un luogo che avrebbe dato un meritatissimo bonus di immagine internazionale alla Comunità wiki italofona tutta, anche ai ciao-tech. Del resto, se non era per fare wiki dentro le peculiarità di Roma, non c'era motivo di fissare l'evento qui: sarebbe bastata una qualsiasi delle tante zone industriali intorno alla Capitale, a costi esigui, servizi completi e collegamenti eccellenti. La ricerca di sedi "importanti" è stata invece sempre confermata da tutti gli interessati cui è stato chiesto, e lo hanno confermato ex ante.
Ultimo fatto di interesse, il 4 ottobre, a due giorni dalla deadline, è stata manifestata la possibile resurrezione di una disponibilità all'università La Sapienza, con 4 sale per due giorni, esclusa la domenica. Nel Team si è provveduto a correggere velocissimamente, a tempo di record, la bozza di programma per tener conto di questo schema. Ma si tratta solo di una ipotesi di sede. Oggi lunedì 7 chi se ne incarica chiederebbe formalmente il preventivo; al 6 ottobre non c'era. Chi se ne incarica potrà ragguagliare in dettaglio, oggi e in seguito. Immagino che davanti a evidenze concrete e certe sicuramente si vedrà se c'è lo spazio per valutare l'opportunità di provarci.
Mi corre l'obbligo, per completezza di informazione, di precisare che le tariffe de La Sapienza che forse verranno preventivate, io le conosco da settembre, quando ho chiesto a un caro amico che opera principalmente in aula magna, come la si poteva ottenere, visto che ci si diceva che si stava lavorando per averla; ho appreso che l'aula magna ha prenotazioni con anticipo medio superiore a un anno, pressoché per tutte le date, e che i tariffari dal 2017 sono qui insieme alle condizioni. Ma questo non esclude che fuori tempo massimo possa pervenire un preventivo atteso da solo 6 mesi.
Questa è una storia con tante pieghe negative. Le riflessioni del 18 novembre, che l'evento si sia nel frattempo tenuto oppure no, evidenzieranno gli errori nel valutare con fiducia rassicurazioni che non dovevano rassicurare e che hanno semplicemente ritardato la ripartenza alla ricerca della sede. Da tutte le negatività desidero escludere i membri del Team che hanno fatto tutto quanto loro richiesto con eccellente solerzia e precisione. In particolare desidero che sia chiaro che la maggior parte di essi, in particolare Ferdi, non hanno avuto responsabilità alcuna in questa successione di incidenti ed errori, e hanno anzi lavorato nonostante gli incidenti e malgrado i nostri errori con encomiabile linearità e voglia di regalare il miglior evento possibile.
L'evento di Roma è stato dedicato dal team ad Anna Magnani, in omaggio allo spirito essenzialmente popolano di questa Città e del wikimondo, perché il sapere libero lo facciamo per chi ne ha bisogno - per usare una frase di Nannarella - "fra una lacrima di troppo e una carezza di meno". Peccato per lo scarso gradimento, ma il wiki è un sistema che coltiva la biodiversità intellettuale: molti lo fanno per l'utilità sociale, alcuni per la vanità personale, c'è spazio per tutti e funziona lo stesso. Se non è oggi, o prima o poi verrà occasione; tutte le strade portano qui, anche quelle del sapere libero. -- g · ℵ → Gianfranco (msg) 22:04, 7 ott 2019 (CEST)

Aggiornamento - 3[modifica wikitesto]

Scusate se uso poche parole ma ci eravamo dati come termine il 6 di ottobre come termine per decidere. Sentiti i membri del team (quello locale e quello remoto) si è deciso che la itWikicon 2019 viene annullata. Dopo la notizia che la sede definita all'inizio era saltata per vicende indipendenti dalla volontà del team, si è fatto il possibile per trovare un'alternativa ma i tempi si sono comunque allungati. Quindi, senza correre molti rischi, si è pensato che sia meglio annullare e iniziare a pensare da subito all'edizione 2020 dando anche maggiore disponibilità di tempo agli organizzatori. Ringraziamo comunque tutte le persone che ci hanno lavorato ed hanno dato il massimo. --Ilario (msg) 00:29, 8 ott 2019 (CEST)

vabbe', pazienza, capita. Ci vediamo tutti l'anno prossimo e recuperiamo :)! --188.15.239.111 (msg) 09:18, 8 ott 2019 (CEST)
Già, cose che capitano. Grazie comunque a tutti quelli che ci hanno provato! Buona giornata! --Adert (msg) 09:30, 8 ott 2019 (CEST)
[@ Ilario] non ho capito: è rimandata al prossimo anno quella di Roma, oppure è tutto annullato e bisogna ri-scegliere il luogo? --Lombres (msg) 10:53, 8 ott 2019 (CEST)
Continuo a pensare che gli eventi li fanno i team, non le singole persone. Lì dove c'è un gruppo affiatato, una condivisione vera, un lavoro di squadra ed una capacità di risolvere i problemi, i risultati si ottengono. Qui come altrove, a livello internazionale. Mi dispiace, e chiedo scusa a chi avrebbe voluto presentare delle proposte (e avrebbe voluto vederle nel programma) davanti alla comunità. --Camelia (msg) 11:19, 8 ott 2019 (CEST)
sì, vabbe', scusa de che?? --188.15.239.111 (msg) 11:20, 8 ott 2019 (CEST)
Abito a Roma e mi è stato chiesto da qualcuno, impossibilitato a partecipare, di presentare alla comunità una sua proposta per questa edizione di itWikiCon. Ecco, io mi sento responsabile davanti a questo utente di non poterlo fare. Le scuse sono per questo motivo. --Camelia (msg) 11:30, 8 ott 2019 (CEST)
mamma mia, che sarà mai ;), ne discutiamo eventualmente qui :)!! Se però volete scontare qualcosa ditelo che così ne posso approfittare :p!! --188.15.239.111 (msg) 11:33, 8 ott 2019 (CEST)
Scusate sono stato poco chiaro. Non bastano 10 parole. Ci sarà una nuova selezione per il 2020 con parametri più dettagliati. Un annullamento butta giù il morale di tutti per cui ci saranno un po' più di difficoltà alla selezione. Ilario (msg)
@Camelia hai ragione. Si tratta della terza edizione e possono esserci incidenti di percorso. La comunità cresce se sa gestire bene problemi come questi. Ilario (msg)
Grazie a tutti·e per avere provato di fare questa edizione. Scriverò una pagina per riassumere la mia presentazione prevista se ci sono persone interessate.
È sempre più facile da dire che da fare, ma penso che è importante di prendere il tempo, nell’organizzazione. Forse selezionare due città, la prima per l’anno prossimo e la seconda per l’anno dopo. È così che hanno fatto la Wikicon francofona. Permetterebbe di lasciarsi il tempo di creare la team… Otourly (msg) 20:02, 8 ott 2019 (CEST)
m'interessa la tua presentazione, scrivila.. --188.15.239.111 (msg) 08:48, 9 ott 2019 (CEST)
Ho scritto la pagina wikt:Utente:Otourly/Wiktionnaire : Ragioni del successo ITWikiCon. Otourly (msg) 16:58, 16 ott 2019 (CEST)
Grazie[@ Otourly]. Credo che ci siano già candidature per il 2020 che volevano presentare nel 2019 ma hanno atteso. Il 2019 purtroppo è stato pessimo perché abbiamo lasciato Como senza avere le idee in chiaro sulla prossima itWikicon, cosa che spero non accada più. --Ilario (msg) 15:24, 9 ott 2019 (CEST)

Parole, opere e omissioni[modifica wikitesto]

Come è ovvio, ci sono errori e responsabilità nell'accaduto. Un fattore del tutto non prevedibile come la "sparizione" di Villa Giulia non è e non poteva essere la sola causa del fallimento dell'iniziativa. Ciascuno dirà ciò che ritiene, qui ora parlo, come anche sopra, per me solo. Personalmente mi riconosco (soprattutto, ma non solo) l'errore di non aver seguito le regole che impongo a me stesso quando di cose simili me ne occupo per lavoro. In particolare, forse il fatto di trovarmi in un ambiente wiki, che funziona con quelle peculiarità che ce lo fanno adorare, mi ha trattenuto dal richiedere ciò che lavorativamente non avrei mai omesso di richiedere a me stesso, e cioè la concretezza del bottegaio che sa che ha merce da vendere solo quando ce l'ha negli stigli. Non ho dunque insistito per formalizzare con Villa Giulia (oggi l'avremmo, ministri o non ministri) quando eravamo in tempo per farlo. La speciale confidenza che avevamo con quel luogo (io per lavoro ci facevo eventi di musica classica, Saverio di archeologia) non ci ha messo fretta, ed è stato un gravissimo errore non mettersela. Si dirà: ma vai a pensare tu che succede un Bonisoli, però guarda caso è successo. Sempre perché non ho seguito regole che sul lavoro sarebbero ovvie, non ho preteso che le rassicurazioni successive fossero provate da fatti concreti, e senza fatti concreti non c'è nessun ragionamento da sviluppare; soprattutto, fra gente perbene, non si tengono in sospeso i terzi interessati e non si rischia di far fare ai terzi progetti sul nulla, perché nulla è quanto si era sino ad allora concretamente acquisito. Anche a settembre, davanti alla inconsueta ammissione di impotenza del museo, una regola lavorativa avrebbe dovuto dirmi "ora si corre" e invece non mi sono messo a correre subito, né mi sono subito arreso, e su questo c'era chi diceva "non succede niente, spieghiamo l'impensabile incidente, non ci crocifiggeranno". In realtà un evento come questo non è un'attività IRL consueta come quelle delle associazioni, è soprattutto il mondo online che si affaccia nella realtà fisica; non si può affacciarcisi dando per scontato che sia come il nostro piccolo paradiso virtuale, come fanno gli inglesi che quando vanno all'estero continuano a chiamare foreigners tutti quelli che incontrano. Il mondo reale ha regole che sono le stesse per il bravo wikipediano come per il perfido imprenditore, per il cattivo poeta e per il buon farmacista: si parla di fatti, solo di fatti. Solo fatti. E noi non ne abbiamo raccolto non essendoci organizzati per raccoglierne. Organizzativamente non c'era una scaletta di date alle quali riscontrare gli stati di avanzamento lavori. La scaletta logica, fatta di sequenze di passaggi successivi, era chiara; ma non aveva scadenze. Alle scadenze, nell'ottica del bottegaio, la merce è sugli scaffali oppure non c'è. Lungi da me, fresco di cocente insuccesso, eccedere oltre l'analisi soggettiva di quanto è successo, ma con il senno del poi ammetto che non c'era una sola buona ragione per non organizzarsi come un qualsiasi gruppo di lavoro avrebbe dovuto organizzarsi nell'approcciarsi al mondo esterno: con mentalità - se volete - d'azienda, perché eravamo lì per ottenere dei risultati, esattamente come una qualsiasi azienda. Da cui ci distingueva, in peius, che non contavamo su una forza lavoro regolare, ma su volontari disponibili con tempi e quantità di apporti operativi di volontario (qualcuno pure azzoppato). In quel caso avremo potuto evitare confusioni di ruoli con chi non era del Team, avremmo potuto operare con linearità e poter rispondere a legittime domande verso le quali ci siamo talora trovati senza risposte. Nel mio caso, avrei anche avuto una maggiore serenità nel non anteporre i lati spigolosi del mio carattere a una sicuramente preferibile linea più diplomatica anche e soprattutto nei confronti di chi aveva tutto il diritto di riporre aspettative nell'evento (anche se qualche pur giustificata parolina è ugualmente rimasta in tasca). Addirittura col mio sgarbo sono riuscito a indispettire anche quelli del Team, e non una volta sola. Prendendo via via coscienza del grave errore di scegliere IRL una strada wiki di volemose bene. Insomma, credo che un evento simile vada interpretato in maniera professionale; non ricorrendo a professionisti, ma adottando una mentalità professionale nell'interpretarlo. Il wiki va bene online, il resto è un mondo esterno in cui lo spirito wiki va sì inserito, ma non facendo finta che sia il migliore dei mondi possibili. Abbiamo fatto come la cavalleria polacca che fiera delle sue tradizioni sfidava a testa alta i carri armati tedeschi; cosa che fecero anche i finlandesi, ma i polacchi erano convinti di vincere. Fatti, solo fatti, crudamente fatti. Non ce n'erano eppure non mi sono imposto di fare il bottegaio, e avrei dovuto. Ci sono altre cose che ho sbagliato, ma vorrei cominciare a scusarmi di questa. Comunque vorrei rassicurare sul fatto che MAI avrei fatto spostare gente senza una sufficiente sicurezza, questo non è mai stato in discussione.
I fatti sono che parole ne sono volate tante. E l'evento non si tiene. Era meglio concentrarsi professionalmente sul perseguimento degli obiettivi. Spero che una perversa utilità possa trarsi dall'analisi degli errori nostri affinché non siano replicati, e su questo credo che tutto il Team sia disponibile a una serena e civile discussione. -- g · ℵ → Gianfranco (msg) 12:31, 8 ott 2019 (CEST)

uaglio', simmo volontari, mica pagati, cca' tenimm' a ffa' in RL, che potevi sapere che succedeva il macello, sei Nostradamus?? Se sì, mi servono i numeri del superenalotto È successo, amen, se proprio vuoi la prossima volta offri da bere a noi che ci eravamo preparati ;)!! --188.15.239.111 (msg) 12:38, 8 ott 2019 (CEST) Per un attimo avevo pensato a punizioni peggiori ma m'è venuto un notevole attacco di bontà..

Per gli anni a venire[modifica wikitesto]

Premetto che non sono molto informato su itWikiCon e ho letto solo di sfuggita qualche parte della discussione qui sopra, da cui mi sembra di capire che ci sono state delle difficoltà a trovare una sede opportuna.
A tale proposito segnalo, se potesse esservi utile per le prossime edizioni di itWikiCon o altre iniziative, che nella città di Alcamo si trovano delle strutture che probabilmente il Comune (o chi altri le gestisce) potrebbe fornire gratuitamente. Si tratta di:

  • Castello dei conti di Modica (Alcamo): è un castello medioevale, a volte viene usato per delle mostre all'interno. Ci sono spazi sia al chiuso sia all'aperto che potrebbero essere utilizzati. Non essendo utilizzato tutto l'anno, è possibile che ci sia un'ampia disponibilità di date.
  • Cine-teatro Marconi: struttura di epoca fascista, costruita dove si trovava una volta una chiesa; all'interno si trova uno spazio al piano terra, utilizzato spesso per mostre di quadri o foto, e una sala congressi al primo piano, con centinaia di posti a sedere e uno spazio dirimpetto dove vengono solitamente svolti dei congressi o incontri simili.
  • Ex collegio dei Gesuiti: rispetto alle strutture indicate sopra, questa è utilizzata più frequentemente e gli spazi liberi sono di meno; si trova una piccola cappelletta con antichi dipinti, dove possono sedersi forse fino a un centinaio di persone, mentre lo spazio fuori è piuttosto grande e vicino c'è anche piazza Ciullo, quindi come posto è piuttosto strategico.
  • Cittadella dei giovani: si tratta di una struttura di nuova costruzione, con molti open space disponibili all'interno e all'esterno; nelle vicinanze si trova anche un anfiteatro, anch'esso poco utilizzato, nei pressi di un sito archeologico dove sono stati trovati reperti di elefanti nani e altri fossili.

Trattandosi di una piccola città (45 mila abitanti), ovviamente non si avrebbe la stessa affluenza di città più grandi, comunque penso che rispetto ad altre città un grosso vantaggio è quello di avere così tante strutture utilizzabili. Riguardo all'affluenza, tutto dipende poi da come viene svolta l'organizzazione, dalle attività previste, dalle date e orari scelti, ecc. Per avere maggiori informazioni sulla disponibilità delle strutture, potete contattare la Biblioteca di Alcamo. --Daniele Pugliesi (msg) 21:19, 8 ott 2019 (CEST)

con rispetto parlando, per chi viene da Trieste (ma anche da Napoli) Trapani, per quanto sia bella, non è comodissima da raggiungere e il probabilmente non è una certezza ;).. --188.15.239.111 (msg) 08:48, 9 ott 2019 (CEST)
Non dico "sicuramente", ma diciamo che al 99% una o più delle sedi indicate può essere utilizzata gratuitamente in una data a piacere. --Daniele Pugliesi (msg) 13:02, 9 ott 2019 (CEST)
cmq c'è la difficoltà che i 3/4 dei wikipediani dovrebbero prendere le ferie per partecipare, tra andare e tornare da Alcamo.. --188.15.239.111 (msg) 13:19, 9 ott 2019 (CEST)
Personalmente credo che si debba ragionare sul trovare un posto fisso dove farla tutti gli anni. Cambiare luogo ad ogni edizione è sicuramente molto più bello ma credo che, realisticamente, trovare ogni anno un gruppo diverso che si carichi della non facile organizzazione partendo sempre da zero e una struttura idonea per accoglierci, sia alquanto difficile. Se la facessimo sempre nello stesso luogo sarebbe tutto molto più semplice. --Adert (msg) 14:31, 9 ott 2019 (CEST)
"geograficamente parlando" è difficile, se si organizza al nord i partecipanti del sud vengono penalizzati e viceversa, se si organizza nel centro Italia bisognerebbe farlo in qualsiasi città che non sia Roma e finiamo un po' nei guai perchè andando appena un po' più a nord di Roma già la faccenda del viaggio finirebbe per essere scomoda.. l'idea sarebbe pure buona per carità ma la sede fissa mi sembra tostissima da realizzare.. --188.15.239.111 (msg) 14:49, 9 ott 2019 (CEST)
Me ne rendo conto che non sarebbe comodo ma in quante città d'Italia possiamo contare su un gruppo disposto ad organizzare un simile evento, con le competenze e il tempo per farlo e in grado di trovare una sede idonea? Per la difficoltà nella raggiungibilità aggiungerei che sarebbe necessario predisporre maggiori borse di partecipazione e con un budget sufficiente. --Adert (msg) 14:55, 9 ott 2019 (CEST)
ma infatti in linea molto ma molto teorica sarebbe pure una buona idea, solo che se il gruppo fosse a Bellinzona capirai che da Trapani ed un po' tutta la Sicilia (e viceversa) arrivare per una tre giorni di meeting sarebbe pure una mazzata, fosse pure tutto pagato, andando nel centro Italia Firenze pure, Ancona o Pescara idem, Roma escludiamola pure per principio.. e scordiamoci scendere al sud ogni anno, per carità.. fare lo sbattimento ogni anno vorrebbe dire mezza wiki darsi per malata ogni anno sempre nello stesso periodo, ja'.. il cambiare sede significa più semplicemente che un anno a turno qualcuno soffre e al limite non ci viene causa forza maggiore.. --188.15.239.111 (msg) 15:03, 9 ott 2019 (CEST)

[ Rientro] scusate ma secondo me l'idea della sede fissa non è male: una città del Lazio che non sia Roma è abbastanza collegata con tutta Italia (a parte le isole ma quelle sono un problema sempre) --Lombres (msg) 16:01, 9 ott 2019 (CEST)

Il problema è sempre quello: trovare un gruppo disposto a lavorare (e a prendersi responsabilità) e una sede con le dovute caratteristiche (3-4 aule, 1 aula grande, possibilità di catering,...), a me sembra molto difficile... bravi quelli di Trento e Como che ci sono riusciti ma la vedo non facilmente replicabile tutti gli anni. E me ne dispiace, sono assolutamente favorevole ad organizzare eventi in cui ci si possa trovare dal vivo. --Adert (msg) 17:07, 9 ott 2019 (CEST)
Lombres, il Lazio ha solo 5 province, non possiamo inventarcene altre ;), qualsiasi altra città comporterebbe cmq l'arrivare a Roma e poi cambiare treno con difficoltà annesse per chi arriva da fuori regione (diciamo da più di 200 chilometri, per capirci).. non facile. Fare un anno a turno quello che si becca la scomodità invece ha meno effetti collaterali.. Per capirci, guarda un po' cosa dovrebbero fare chi arriva in treno per esempio da Genova, Torino, Milano, Trieste, Verona, Ancona, Bari e Napoli e poi dimmi cosa ne esce arrivare a Civitavecchia, Formia e compagnia bella.. --188.15.239.111 (msg) 17:16, 9 ott 2019 (CEST)
Scegliere Roma è stato un errore: questi convegni, in Italia, funzionano nelle piccole/medie realtà geografiche, dove è possibile avere un riscontro della stampa locale ed è più semplice il contatto con autorità locali. A Roma, da tre anni, se hai un fascicolo aperto con il Comune e ti rechi al tuo Municipio, non trovi un funzionario che ti metta la firma. Non serve un luogo prestigioso. Se proprio si voleva fare il convegno a Roma, bastava farlo a luglio-agosto e scegliere un liceo romano. Anche in assenza di cortile o di palestra o di aula magna, bastava un televisore a circuito chiuso in ogni classe. Che wiki vada nelle scuole superiori, non nei musei. Ricordo uno straordinario convegno internazionale a Spalato: era appena finita la guerra ed eravamo tutti dentro lo stesso albergo, (a chilometro zero, per spostamenti locali) albergo che sulla facciata aveva ancora i segni della guerra: ma era un momento in cui la ex Jugoslavia ritrovava una sua identità nella nascita di nazioni indipendenti e si sperava nella riconciliazioneː i partecipanti al congresso internazionale furono bene accolti dalle autorità locali. Ricordo un altro convegno internazionale a Brunico, con gli alberghi e alberghetti tutti in centro, a due passi dal luogo del convegno. Ricordo uno straordinario convegno internazionale a Soave, con bella gita alla scoperta dei vini. Un convegno internazionale ancor più straordinario a Gardone Riviera: tutti in alberghi lungo il Lago, e si poteva scegliere da 2 a 5 stelle (la sera ci si ritrovava lungo il Lago e la mattina un pulmino ci portava al Vittoriale). Fuori della casa di d'Annunzio c'erano bar, ristorantini, negozietti. Da Villa Giulia, se vuoi prenderti un caffè fuori, devi fare un chilometro a piedi e l'unico tranvai passa quando gli pare. Che dire degli alberghi? Spalmati nell'intera Roma, lontani da Villa Giulia, perché non si può pensare di ospitare tutta la gente in alberghi ai Parioli. E qui mi fermo per far notare che, quando si tratta, nella biografia di un professore, della curatela degli Atti di un convegno/congresso (come già ampiamente in passato ho fatto notare) c'è sempre qualcuno che storce il naso e che è del parere che le curatele non contano, nell'elenco delle opere di un professore: al contrario l'organizzazione di un convegno/congresso, specie se poi si pubblicano gli Atti, significa due anni di lavoro per un presidente/organizzatore, anche se, sugli Atti, c'è solamente una scarna presentazione, a sua firma. Buona fortuna per il 2020: scegliamo una volta una cittadina al Nord, una volta al Centro e una volta al Sud o Isole e chiediamo ospitalità alle scuole superiori (anche per coinvolgere gli insegnanti), in periodi estivi, quando le suole sono chiuse e molti dei nostri utenti possono contare sulle ferie. Il problema non è tanto arrivare sul posto con macchina/treno/pulmanː il problema sono gli spostamenti nel corso del convegno e la possibilità di scegliere un albergo a seconda delle proprie esigenze economiche. Organizzatori non ci si improvvisa.--Fausta Samaritani (msg) 13:49, 10 ott 2019 (CEST)
1) Roma è stato uno "sbaglio" (come sede non era affatto da buttare via, che poi a mettersi a che fare con la politica si rimane solo fregati è un altro discorso) che andava fatto 2) le isole, detto da napoletano, lasciamole stare, per carità!! 3) l'idea della rotazione mi piace molto! --188.15.239.111 (msg) 17:24, 10 ott 2019 (CEST)
Le Isole fanno parte dell'Italia. Con la politica facciamo i conti tutti i giorni, anche con i veloci cambiamenti di poltrone. Dieci anni fa sono stata ad un convegno a Firenzeː a Palazzo Pubblico, ma organizzava l'Università di Firenze; altro convegno di un giorno a Siena, organizzava l'università di Siena; altro convegno a Trieste, organizzava l'università di Trieste; altro di un giorno ai Lincei, ma organizzava Vittore Branca che era accademico dei Lincei; altro alla Fondazione Cini (Venezia) organizzato dai Movimenti femminili; altro a Lucca, organizzato dall'università - una delle ultime volte che Mario Luzi ha parlato in pubblico - altro a Napoli, ma c'era dietro un professore universitario di chiara fama. Un fatto da non sottovalutareː la massima parte degli utenti wiki o è un IP, o si cela dietro uno pseudonimoː ma quando vai a chiedere uno spazio per tre giorni, possibilmente gratis, ti presenti col tuo nome e cognome. In Italia Wikipedia dice pocoː pesano i nomi e cognomi. In un piccolo centro si viene a sapere che dietro quel tale pseudonimo c'è la tale personalità, nota e stimata. Pesano poi le tante, troppe cancellazioni di voci di professori e in ambito universitario la voce corre e se poi bussi alle porte di una università (che ha spazi e magari anche finanziamenti) ti dicono no. Se poi consideri che (faccio un esempio che non corrisponde al reale, ma che è verosimile) alla voce di un professore di astronomia ha votato contro un utente che ha fatto 12 voci di fumetti e 15 su personaggi di video giochi, è chiaro che il professore 'bocciato' su wiki se la lega al dito. Alle cancellazioni dovrebbero partecipare utenti che abbiano un minimo di esperienza su una data materia, utenti selezionati e indicati dai portali (oltre agli amministratori, naturalmente). Oggi al contrario si vedono 'professionisti' delle cancellazioni che intervengono su qualunque materia. E certe cancellazioni le 'paga' tutta Wiki. Comunque - e tolgo il disturbo - scegliere ogni volta un liceo, in una diversa realtà territoriale, mescolarsi a studenti e a professori locali, evitando di trasformare il rendez-vous di Wiki in una scampagnata allegra e a volte in una 'magnata', mi sembra un'idea, per i prossimi anni. Buona serata.--Fausta Samaritani (msg) 18:45, 10 ott 2019 (CEST)
!) le isole sono mal collegate al resto della nazione, metti caso che per un paio di giorni i wikipediani sono bloccati dal maltempo poi guarda che succede.. 2) con la politica facciamo i conti tutti i giorni quindi meno abbiamo a che farci meglio è 3) siamo qui per fare l'enciclopedia, non pubbliche relazioni, se un docente non sa farsi la voce non possiamo prostituirci mica 4) l'enciclopedia serve appunto perchè chi si occupa di fumetti e videogiochi impari chi è il docente, se no facciamo il sito per eletti, dove ognuno fa vedere quanto è sexy e buona notte ai suonatori.. --188.15.239.111 (msg) 09:12, 11 ott 2019 (CEST)

Caro napoletano, a Ischia, che è un'isola e che accoglie ogni anno circa 1 milione e mezzo di turisti, non spaventati dal restar bloccati da un ciclone, ci sono 5 liceiː artistico, classico, scientifico, turistico e alberghiero. Guarda se hai un amico lì che possa tastare il terreno. E mi torna in mente… quando la Raggi era in campagna elettorale fu fatta la sua voce su questa wikipedia, presto cancellata perché non aveva i requisiti di enciclopedicità (anche se, a parer mio, la quantità di interviste rilasciate e delle apparizioni in tivù, anche in prima serata, potevano far propendere per il mantenimento). Poi la Raggi vince le elezioni e tutti i Municipi di Roma passano al suo Movimento. Se oggi si presenta un certo signor g che rappresenta wikipedia e chiede gratis (o quasi) spazi di proprietà del Comune di Romaː è chiaro che nessuno lo riceve. A Roma, se hai moneta, ci sono stupende sale in famosi alberghi, ci sono teatri e cinema, sempre a pagamento salato. Altre sale sono in mano ai pretiː ma su questa wikipedia c'è chi fa la guerra alle voci di vescovi, di arcivescovi, di prelati e di nunzi apostolici. Allora i casi sono dueː o wikipedia si mette in condizione di non chiedere nulla a politici, a preti ecc. oppure deve avere un portavoce che sia autorevole e riconoscibile nel mondo reale e in grado di chiedere e di essere ricevuto da chi gli spazi per un convegno li possiede, oppure li ha in custodia e li gestisce. In alternativa ci riuniamo in salette e facciamo il convegno via skype e rinunciamo alla bella foto di gruppo con fondale panoramico. E infine ho notato che alcuni (pochi) nostri utenti, che qui usano il loro vero nome e cognome (sono soprattutto donne) lo spendono per creare piccole, ma continue e collegate occasioni per portare wikipedia, magari per una mezza giornata, in scuole, biblioteche, musei. Un lavoro certosino e prezioso, un realtà che è presente solo in determinati luoghi, ma che, piano piano, si irrobustisce. Arrotola le maniche in quel di Napoli. Buona giornata. --Fausta Samaritani (msg) 11:39, 11 ott 2019 (CEST)

fondamentalmente qui serve che siano le amministrazioni comunali ad offrirsi per organizzare i nostri eventi, come si fece ad Esino Lario per Wikimania 2016, qualsiasi altra opzione ci fa partire da una posizione di debolezza (siamo decine di persone che finiscono per dipendere dai capricci del politico di turno) ed è rischiosa, mentre valutando candidature sappiamo in partenza quanto il comitato organizzatore ci tiene, se ci tiene davvero al nostro evento.. --188.15.239.111 (msg) 10:44, 14 ott 2019 (CEST)
(fc) esclusivamente per evitare che si perpetuino equivoci che vedo ripetersi: noi coi politici non c'entriamo nulla. E nulla ci porterebbe a dipendere dal politico, in ciò che facciamo, se fosse per noi. In una faccenda completamente "tranquilla" come Villa Giulia è piombato da chissà dove un provvedimento di un ministro che non ce l'aveva con noi, ce l'aveva col suo ministero; il politico non ci cercava e noi non stavamo cercando il politico, di quel provvedimento risultiamo solo un effetto collaterale, ma intanto ce lo dobbiamo patire. E quando poi abbiamo cercato dell'altro, io ho chiesto per Wikipedia "gratis (o quasi)" spazi non del Comune ma di un altro Ente (non politico), e se non li abbiamo avuti è perché non c'era (per noi) il tempo della burocrazia, altrimenti li avremmo avuti. Al comune non li abbiamo chiesti perché c'era una socia WMI che del comune faceva parte e gli spazi li aveva trovati per altre iniziative; quando a noi è riemersa l'esigenza lei non era più al comune, e non si poteva chiedere ad altri perché al comune non c'è più una delega pertinente (darla alla sindaca, che di mestiere passa da una fosse ardeatine a un incendio di inceneritore, da uno sgombero politico a emergenze di viabilità, da una visita di stato a una palazzina crollata - mica è una critica ma un qualsiasi sindaco di Roma questo fa - è come annullare la delega stessa). Comunque questo sarebbe diventato sì, un chiedere alla politica. Non abbiamo chiesto.
Dovunque abbiamo chiesto, pur senza che alcuno fosse "autorevole e riconoscibile nel mondo reale", se si sa chiedere la porta a Wikipedia la aprono: ce l'hanno aperta, ci hanno invitato a sede al tavolo e a discutere i dettagli. Senza politici, né piccoli né grandi. "mettersi a che fare con la politica" non è ciò che è successo e non è nulla che sia in programma.
Quando invece sono i politici o altre entità a mostrare interesse alla relazione, ovviamente siamo aperti a chiunque si presenti con il dono di buoni ragionamenti coincidenti coi nostri scopi. Nello stesso Lazio abbiamo recentissimi esempi di successo. -- g · ℵ → Gianfranco (msg) 13:30, 14 ott 2019 (CEST)
Per gli anni a venire, preparate la vostra proposta ma una proposta concreta. Spero che per fine anno escano le linee guida per la selezione e tra queste sicuramente ci sarà una sede chiara e definita da avere per essere selezionati. --Ilario (msg) 12:45, 14 ott 2019 (CEST)
La butto là. Si potrebbe chiedere alla Treccani, ché da wiki in italiano piovano sulle sue pagine biografiche decine di migliaia di link (se non centinaia di migliaia), sulle sue pagine di biografie, cariche di pubblicità. Ha spazi e una bella sala per conferenze. Un aiutino per spazi può darlo la dirimpettaia biblioteca 'Giustino Fortunato', ospitata nel palazzetto di proprietà di FdI, cui questa biblioteca paga l'affitto: si traversa la piazzetta e sei arrivato: la biblioteca è pubblica. Per gita culturale proporrei questa: a cinquanta metri c'è via della Botteghe Oscure. Se giri a destra e prendi la prima a destra sei a via Caetani - qui ritrovato il corpo di Aldo Moro. Se su Botteghe Oscure giri a sinistra e prendi la seconda a sinistra sei al Ghetto - retata del 16 ottobre 1943. Se traversi Botteghe Oscure e fai cinquanta passi sul marciapiede di largo Argentina sei sui resti di un edificio romano - qui pugnalato a morte Caio Giulio Cesare. Un concentrato di odio, violenza, tradimenti, sangue. Vale la pena di riflettere.--Fausta Samaritani (msg) 13:52, 14 ott 2019 (CEST)

ːː Qualcuno ha corretto quello che avevo scritto e questo non è tollerabile. Io avevo scritto testualmente [omissis]. Nono chi sia stato. Grazie della comprensione.--Fausta Samaritani (msg) 17:54, 14 ott 2019 (CEST)

proviamo semmai, per la singola edizione (per esempio) del 2021 a vedere se in qualche paesino del Lazio c'è qualche amministrazione locale che vuol fare qualcosa tipo Esino.. Viterbo, Rieti, qualche centro dei Castelli.. poi dovendo fare l'edizione del (per esempio) 2022 al nord gli svizzeri potrebbero organizzare qualcosa tipo a Bellinzona.. --188.15.239.111 (msg) 17:55, 14 ott 2019 (CEST)

Per quanto riguarda quest'anno..[modifica wikitesto]

perchè non intensifichiamo i wikiraduni nei prossimi mesi, per affrontare le discussioni che volevamo fare e che ahinoi dobbiamo altrimenti rimandare? Eventualmente possiamo risolvere qualche piccolo problemino, evitiamo di discuterne chissà quando, vediamo di organizzare la prossima manifestazione e intanto ci facciamo una bella pizza in compagnia.. --188.15.239.111 (msg) 09:35, 15 ott 2019 (CEST)

Mr IP, facciamo la solita birra/coca cola natalizia? [@ Uomovariabile] sicuramente ci raggiungerà. Potremo parlare della fenomenale Wikisource in napoletano! --Ruthven (msg) 17:45, 15 ott 2019 (CEST)
ci sto senz'altro, che abbiamo parecchie cose da discutere :).. se qualche "non napoletano" vuole unirsi non ci facciamo problemi, ovviamente! --188.15.239.111 (msg) 17:48, 15 ott 2019 (CEST)
+1 ovviamente :) Non possono mancare anche [@ Retaggio, Mess]. --Uomovariabile (Parla con me) 18:09, 15 ott 2019 (CEST)
+1 --Retaggio (msg) 09:48, 16 ott 2019 (CEST)
Fatemi sapere precisamente date e orari disponibili, così mi regolo di conseguenza. -- Mess playin' chess... 20:20, 17 ott 2019 (CEST)