Viale Ventuno Aprile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viale Ventuno Aprile
Palazzofederici.jpg
Il Palazzo Federici a Viale XXI Aprile a Roma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Circoscrizione Municipio Roma II
Quartiere Nomentano
Codice postale 00162
Caratteristiche
Tipo Strada carrabile
Lunghezza 870 m circa
Pavimentazione Asfalto
Intitolazione Ricorda la data della fondazione di Roma del 753 a.C.
Collegamenti
Inizio Via Nomentana
Fine Piazza Bologna
Luoghi d'interesse Villa Massimo
Mappa

Coordinate: 41°55′04.81″N 12°31′12.17″E / 41.918004°N 12.520047°E41.918004; 12.520047

Viale Ventuno Aprile (o XXI Aprile) è una strada di Roma che collega via Nomentana e piazza Bologna[1].

Il nome ricorda la leggendaria data di fondazione dell'Urbe, fissata da Marco Terenzio Varrone al 21 aprile 753 a.C. e fu proposto al Consiglio Comunale di Roma con delibera n. 201 del 21 luglio 1920.

Su incarico del Governatorato di Roma, l'impresa Federici realizza i cosiddetti "palazzi Federici", costruiti su progetto dell'architetto Mario De Renzi tra il 1931 e il 1937[2]; all'interno del complesso edilizio si trovava il cinema-teatro XXI Aprile, attivo per soli spettacoli cinematografici e trasformato in supermercato nel 1968[3].
In uno dei palazzi Federici, per gli esterni e parzialmente per gli interni, è stato girato il film Una giornata particolare diretto da Ettore Scola (1977). Nello stesso complesso è stato girato anche il film Romanzo di un giovane povero con Alberto Sordi (1995).[4]

Il viale, inoltre, ospita il comando generale della Guardia di Finanza, la caserma Piave (1913) e il Monumento ai finanzieri caduti per la Patria durante la prima guerra mondiale, opera dello scultore Amleto Cataldi e inaugurato l'8 dicembre del 1930 alla presenza del re Vittorio Emanuele III di Savoia[5]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg È raggiungibile dalle stazioni Bologna e Sant'Agnese/Annibaliano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rendina-Paradisi, 1341.
  2. ^ ArchiDiAP, Schipa, Casa convenzionata (Palazzo Federici).
  3. ^ Rendina-Paradisi, 1342.
  4. ^ Palazzi Federici.
  5. ^ B. Coccia, Il monumento ai Caduti delle Fiamme Gialle.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 3, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0210-5.
  • Benedetto Coccia, Il monumento ai Caduti delle Fiamme Gialle, in Le caserme storiche della guardia di finanza nel Lazio, Roma, Editrice Apes, 2008, pp. 131-136, ISBN 978-88-7233-032-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma