Venerdì 13 (superstizione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Venerdì 13 segnato su un calendario

Venerdì 13 è considerato una data sfortunata nella cultura occidentale. Ricorre quando il 13° giorno del mese del calendario gregoriano cade di venerdì, il che avviene almeno una volta l'anno, e fino a tre volte nello stesso anno. Ad esempio, il 2015 ha un venerdì 13 in febbraio, marzo e novembre; dal 2017 al 2020 capita due volte l'anno; 2016, 2021 e 2022 hanno un'occorrenza per ciascuno; 2023 e 2024 contemplano due ricorrenze per ciascuno.[1]

Venerdì 13 compare in ogni mese che inizia con una domenica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sfortuna del "13"[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Triscaidecafobia.

Secondo lo storico del folklore Donald Dossey, la natura sfortunata del numero "13" nascerebbe da un mito norreno circa un pranzo fra 12 dei nel Valhalla. Il dio truffaldino Loki, che non era stato invitato, giunse come 13° ospite e fece in modo che Höðr colpisse Baldr con una freccia dalla punta di vischio. Dossey: "Baldr morì e tutta la Terra si oscurò. Tutta la Terra era in lutto. Fu un giorno brutto e sfortunato." Questo decisivo evento della mitologia norrena indusse a considerare sfortunato il numero 13.[2][3] [4]

Associazioni cristiane[modifica | modifica wikitesto]

L'ultima cena di Leonardo da Vinci

La superstizione sembra legata a varie cose, come la storia dell'Ultima Cena, e la successiva crocifissione, di Gesù in cui i commensali al cenacolo erano 13 il giorno 13 di nisan Giovedì santo, la sera prima della sua morte Venerdì santo.[5][6][7]

In congiunzione al venerdì[modifica | modifica wikitesto]

Non si registrano casi in cui "venerdì" e "13" siano associati come fonte di sfortuna prima del XIX secolo.[8][9]

XIX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Gioachino Rossini, ritratto di Henri Grevedon

In Francia, venerdì 13 potrebbe essere stato associato con la sfortuna già dalla prima metà del XIX secolo. Un personaggio della commedia del 1834 Les Finesses des Gribouilles dichiara "Sono nato venerdì 13 dicembre del 1813, dal che provengono tutte le mie sfortune".[10]

Uno dei primi riferimenti in un testo inglese si trova nella biografia di Gioachino Rossini (morto un venerdì 13) composta da H. S. Edwards:

"Rossini fu circondato fino all'ultimo da amici ammiratori; e se è vero che, come molti italiani, considerava il venerdì un giorno sfortunato e il tredici un numero sfortunato, è notevole che sia morto un venerdì 13 novembre."[11]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

È possibile che la pubblicazione nel 1907 del fortunato romanzo Friday, the Thirteenth,[12] di T. W. Lawson, abbia contribuito a diffondere la superstizione. Nel libro, un intermediario senza scrupoli approfitta della superstizione per creare un panico a Wall Street un venerdì 13.[8]

Date simili[modifica | modifica wikitesto]

Date simili sono prevalenti in altre culture, ma non è chiaro se queste somiglianze siano storicamente correlate o frutto di pura coincidenza.

Martedì 13 nelle culture greca e ispanica[modifica | modifica wikitesto]

Nei Paesi ispanofoni, al posto di venerdì, è martedì 13 (martes trece) che viene ritenuto iettatorio.[13]

Anche i greci considerano martedì (specialmente se cade il 13) un giorno infausto.[14] Martedì sarebbe dominato dall'influenza di Ares, il dio della guerra (o Marte, l'equivalente nell'Antica Roma). La caduta di Costantinopoli in concomitanza della Quarta crociata avvenne martedì 13 aprile 1204, e la successiva (e "definitiva") Caduta di Costantinopoli per opera degli Ottomani accadde martedì 29 maggio 1453; queste coincidenze comprensibilmente alimentarono la superstizione collegata al martedì. Oltre tutto, in greco il nome del giorno è Triti (Τρίτη) che significa "terzo" [giorno della settimana], il che contribuisce alla superstizione, giacché si dice che la sfortuna "viene in tre".[14]

Martedì 13 compare nei mesi che iniziano di giovedì.

Venerdì 17 in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Un aereo Alitalia senza la fila 17

Nella cultura di massa italiana, si considera sfortunato più venerdì 17 che venerdì 13.[15] L'origine di questa credenza può farsi risalire alla scrittura del "17" in numeri romani: XVII. Considerando i caratteri come lettere, si possono anagrammare ottenendo VIXI (in latino: "vissi", implicando che attualmente io sia morto), un presagio di sventura.[16] In realtà, in Italia, il 13 è talora considerato un numero fortunato.[17] Comunque, per effetto dell'americanizzazione, i giovani considerano sfortunato anche venerdì 13.[senza fonte][18]

Il film parodistico del 2000 originariamente intitolato Shriek if You Know What I Did Last Friday the Thirteenth (letteralmente "Grida se sai cos'ho fatto lo scorso venerdì 13") in Italia fu diffuso con il titolo Shriek - Hai impegni per venerdì 17?.

Venerdì 17 compare nei mesi che iniziano di mercoledì.

Impatto sociale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo Stress Management Center and Phobia Institute di Asheville (Carolina del Nord), si stima che 17–21 milioni di persone negli Stati Uniti abbiano paura di questo giorno, facendone la data più temuta della storia. Alcune persone sono così prese dal panico che evitano di fare ciò che farebbero normalmente nel lavoro, nel prendere un aereo e perfino nello scendere dal letto.

"Si è calcolato che l'economia perda dagli 800 ai 900 milioni di dollari in questa data".[19]

Malgrado questo, esponenti di Delta Air Lines e Continental Airlines (quest'ultima ora fusa in United Airlines) hanno dichiarato che le rispettive compagnie non soffrono alcuna perdita rilevante in quei venerdì.[20]

In Finlandia, un consorzio di organizzazioni governative e non, guidato dal Ministero degli affari sociali e della salute promuove la Giornata nazionale degli incidenti (kansallinen tapaturmapäivä) per accrescere la consapevolezza a proposito della sicurezza stradale, e tale giornata ricorre sempre un venerdì 13.[21] L'evento è coordinato dalla Croce Rossa finlandese e si svolge dal 1995.[22]

Tasso di incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio di Scanlon, Luben, Scanlon, & Singleton (1993)[23] attirò l'attenzione della letteratura di divulgazione scientifica, poiché concludeva che "il rischio di ricovero ospedaliero in conseguenza di incidente stradale può aumentare fino al 52 percento il giorno 13";[24] però gli autori affermavano chiaramente che "i numeri di ricoveri da incidenti sono troppo piccoli per consentire analisi significative".[23] Studi successivi hanno confutato ogni correlazione tra venerdì 13 e la frequenza di incidenti.[25][26]

Il 12 giugno 2008 il Centro olandese per la statistica assicurativa affermò al contrario che "si verificano meno incidenti o segnalazioni di incendio o furto quando è venerdì 13 rispetto agli altri venerdì, perché le persone sono preventivamente più attente o stanno semplicemente a casa. In termini statistici, circolare per strada è un po' più sicuro il venerdì 13, almeno nei Paesi Bassi; negli ultimi due anni, gli assicuratori olandesi hanno ricevuto mediamente 7 800 denunce di incidenti stradali ogni venerdì; ma la cifra media dei venerdì 13 è appena 7 500."[27][28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Months and years having Friday the 13th, su Time and Date (timeanddate.com).
  2. ^ Friday the 13th Superstitions Rooted in Bible and More, su National Geographic.
  3. ^ Why is Friday the 13th Considered Unlucky?, in Mental Floss, 13 luglio 2018.
  4. ^ Hartston, Willam (2007). Encyclopedia of Useless Information. Sourcebooks, Inc. p. 365. ISBN 978-1402248382.
  5. ^ A tavola (nell'Ultima Cena) c'erano 13 persone e la tredicesima era Gesù. L'Ultima Cena era di giovedì e il giorno successivo era il venerdì, giorno della crocifissione. Quando "13" e venerdì si uniscono, è un doppio colpo (di sfortuna).
  6. ^ Nella tradizione cristiana, la paura del venerdì 13 deriva dal giorno della Crocifissione (venerdì) e dal numero dei presenti alla tavola dell'Ultima Cena (13 uomini). Nonostante queste origini, la superstizione del venerdì 13 risale solo al Medioevo.
  7. ^ John Della Contrada, Fear of "Friday the 13th may likely have originated from Jesus' last supper and crucifixion", says U.B. anthropologist, su buffalo.edu, Buffalo, NY, U. Buffalo / SUNY, 9 febbraio 2004. URL consultato il 13 luglio 2014.
  8. ^ a b Nathaniel Lachenmeyer, 5, in 13: The Story of the World's Most Popular Superstition, 2004, ISBN 9780452284968.
  9. ^ Mimi Clar, Friday the 13th, in Western Folklore, vol. 16, n. 1, 1957, pp. 62–63, DOI:10.2307/1497075, JSTOR 1497075.
  10. ^ Who's Afraid of Friday the Thirteenth? | Folklife Today, su blogs.loc.gov, 12 gennaio 2017.
  11. ^ H. S. Edwards, The Life of Rossini, Blackett, 1869, p. 340.
  12. ^ T. W. Lawson, Friday, the Thirteenth, in Everybody's Magazine, serie originale a puntate, 1907. URL consultato il 13 maggio 2011. Ospitato su Gutenberg.org.
  13. ^ Rafael Falcón e Christine Yoder Falcón, Salsa: A taste of Hispanic culture, Praeger, 1998, p. 64, ISBN 0-275-96121-4.
  14. ^ a b Philip Chrysopoulos, Why superstitious Greeks fear Tuesday the 13th, su Greek Reporter, 13 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  15. ^ Carlo Grande, Venerdì 17 porta davvero sfortuna?, in La Stampa, 17 febbraio 2012. URL consultato il 31 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2012).
  16. ^ Nick Harris, Bad omen for Italy as their unlucky number comes up, su The Independent, 15 novembre 2007. URL consultato il 15 febbraio 2015.
  17. ^ Venerdì 13 porta (s)fortuna? Non in Italia, su cafebabel.com. URL consultato il 31 marzo 2012 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2013).
  18. ^ Venerdì 13 è un giorno che porta sfortuna – Mara rimanda le nozze con Mezzaroma, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it, Corriere del Mezzogiorno, 1º febbraio 2011. URL consultato il 31 marzo 2012.
  19. ^ Roach, John, Friday the 13th phobia rooted in ancient history, su National Geographic News, 12 agosto 2004. URL consultato il 29 ottobre 2008.
  20. ^ Josh Sens, Friday the 13th: Lucky or unlucky, in Via Magazine, American Automobile Association, gennaio–febbraio 2004. URL consultato il 13 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2010).
    «When the 13th of the month falls on a Friday, do you join the 21 million Americans who suffer paraskevidekatriaphobia?»
  21. ^ Tapaturmapäivä 13.9.2013: erityisteemana työpaikkojen turvallisuustyö, su tyosuojelu.fi, 27 Jun 2013. URL consultato il 28 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2014).
  22. ^ Mikä on Tapaturmapäivä?, su kotitapaturma.fi. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  23. ^ a b T.J. Scanlon, R.N. Luben, F.L. Scanlon e N. Singleton, Is Friday the 13th bad for your health?, in British Medical Journal, vol. 307, n. 6919, 18 dicembre 1993, pp. 1584–1586, DOI:10.1136/bmj.307.6919.1584, ISSN 0959-8138 (WC · ACNP), PMC 1697765, PMID 8292946.
  24. ^ Remy Melina, Statistically speaking, is Friday the 13th really unlucky?, su Live Science, 13 gennaio 2012. URL consultato il 13 aprile 2018.
  25. ^ Bruce M. Lo, Catherine M. Visintainer, Heidi A. Best e Hind A. Beydoun, 6, in Answering the myth: Use of emergency services on Friday the 13th, The American Journal of Emergency Medicine, vol. 30, luglio 2012, pp. 886–889, DOI:10.1016/j.ajem.2011.06.008, PMID 21855260.
  26. ^ Jochen Schuld, Jan E. Slotta, Simone Schuld, Otto Kollmar, Martin K. Schilling e Sven Richter, Popular belief meets surgical reality: Impact of Lunar phases, Friday the 13th, and Zodiac signs on emergency operations and intraoperative blood loss, in World Journal of Surgery, vol. 35, n. 9, 1º settembre 2011, pp. 1945–1949, DOI:10.1007/s00268-011-1166-8, ISSN 0364-2313 (WC · ACNP), PMID 21713579.
  27. ^ Friday 13th is no longer unlucky, su Mirror (mirror.co.uk), Daily Mirror, 4 febbraio 2012 [13 giugno 2008].
  28. ^ Friday 13th not more unlucky, Dutch study shows, in Reuters, 13 giugno 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh97006425 · J9U (ENHE987007537245905171