Veljko Bulajić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Veljko Bulajic

Veljko Bulajic (Vilusi, 22 marzo 1928) è un regista e sceneggiatore montenegrino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere frequentato le scuole a Sarajevo, si trasferisce a Zagabria. Esordisce nella prima metà degli anni Cinquanta con alcuni cortometraggi, il più significativo dei quali è Nella tempesta, con le musiche scritte dal maggiore compositore classico vivente della Jugoslavia, Boris Papandopulo. Quindi si reca a Roma al Centro cinematografico dove oltre a studiare regia collabora con alcuni giovani cineasti italiani.

Nel 1959 gira il suo primo lungometraggio: Il treno senza orario (cosceneggiatore è Elio Petri) e immediatamente conquista un posto di primo piano non solo nella cinematografia jugoslava ma in quella di tutta l'Europa socialista. Seguono La guerra (1960), scritto da Cesare Zavattini; Kozara (1962), Lo sguardo nella pupilla del sole (1966), La battaglia della Neretva (1967), che ha tra i protagonisti, accanto ai migliori attori jugoslavi, gli "Oscar" Orson Welles, Yul Brinner e Sergej Bondarchuk, nonché Franco Nero, Curd Jürgens, Hardy Krüger, Oleg Vidov e Sylva Koscina.

Quindi gira Quel rosso mattino di giugno - attentato a Sarajevo (1975), con Christopher Plummer, Florinda Bolkan e Maximilian Schell; L'uomo che va ucciso (1979), con musiche di Jože Privšek; Alta tensione (1981), colonna sonora di Miljenko Prohaska; Il grande trasporto (1983) con Robert Waughan e James Franciscus; Terra promessa (1986); Il donatore (1989) e Libertas (2006), una coproduzione con la RAI che vede per protagonista femminile Sandra Ceccarelli.

Nel 1963, all'indomani del terrificante terremoto di Skopje in Macedonia (oltre 3.000 morti e la città distrutta), il Maresciallo Tito in persona gli mette a disposizione tutto ciò di cui abbisogna affinché si rechi sul posto per girare un documentario. Skopje 1963, questo il titolo, otterrà numerosissimi premi, tra cui il massimo riconoscimento dell'Unesco e uno Speciale Leone D'Oro a Venezia nel 1964.

I suoi film hanno ottenuto numerosi altri premi. I principali sono stati ottenuti ai festival internazionali di Mosca, San Sebastian, Nuova Delhi, Valladolid, mentre la summenzionata Battaglia della Neretva ottenne la nomination agli Oscar.

Interessante notare che, quale maestro assoluto per i film di guerra, Bulajic ne ha girato uno in ognuna delle ex repubbliche federate jugoslave, con tematica ovviamente legata ad episodi accaduti nelle medesime, tra il 1941 e il 1945.

In anni diversi, è stato membro delle giurie di rassegne cinematografiche, quali la Mostra del Cinema di Venezia, il Festival di Cannes e quelli di Berlino e Mosca.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN78783378 · LCCN: (ENno2005028786 · ISNI: (EN0000 0001 1677 7269 · GND: (DE141509333 · BNF: (FRcb14671487f (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie