Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Valzer con Bashir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valzer con Bashir
Una scena del film
Una scena del film
Titolo originale Vals Im Bashir
Lingua originale ebraico, inglese, tedesco
Paese di produzione Israele, Germania, Francia
Anno 2008
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere animazione, guerra, documentario, drammatico
Regia Ari Folman
Soggetto Ari Folman
Sceneggiatura Ari Folman
Produttore Ari Folman, Serge Lalou, Gerhard Meixner, Yael Nahlieli, Roman Paul
Distribuzione (Italia) Lucky Red
Fotografia Declan Quinn
Montaggio Feller Nili
Musiche Max Richter
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi

Valzer con Bashir (in inglese: Waltz with Bashir, in ebraico: ואלס עם באשיר) è un film d'animazione del 2008 scritto e diretto da Ari Folman. Il titolo del film si riferisce alla "danza" di un soldato, che spara all'impazzata con il suo mitra sotto un poster di Bashir Gemayel, politico libanese ucciso nel 1982.

Nonostante la tecnica d'animazione, il film si colloca nel genere documentaristico, ripercorrendo con estrema crudezza e drammaticità i conflitti che coinvolsero il Libano nei primi anni ottanta e il massacro di Sabra e Shatila del 1982.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Israele, gennaio 2006. In un bar, il regista Ari Folman, ex-fante dell'esercito israeliano, ascolta il racconto di Boaz Rein-Buskila, un suo ex-commilitone, che gli riferisce di un incubo ricorrente: ventisei cani lo inseguono nella notte, onirici testimoni di quei ventisei cani che l'amico stesso uccise durante varie operazioni di pattugliamento notturne, compiute nei campi profughi palestinesi durante la guerra in Libano del 1982. Folman si rende conto, con stupore, che lui non conserva nessun ricordo di quella guerra, pur avendovi partecipato direttamente come soldato. Più tardi, Folman ha una visione della notte dell'eccidio di Sabra e Shatila, ricordando un episodio di quando si faceva un bagno notturno sulla spiaggia di Beirut con i suoi commilitoni, sotto la luce di alcuni razzi al fosforo che scendevano sulla città.

Si reca allora dal suo amico d'infanzia Ori Sivan, esperto di psicologia, che gli rivela un esperimento di memoria su di un falso luna park, facendo intuire a Folman che i suoi ricordi legati all'eccidio è probabilmente frutto della sua immaginazione. Per capire cosa è davvero successo la notte del genocidio, Folman si reca così in Olanda per far visita al suo ex-commilitone Carmi Cna'an. Carmi racconta di essersi imbarcato durante la guerra su di uno yacht assieme agli altri militari, quando ad un certo punto, dopo aver avuto uno strano sogno, sbarca sulle coste della città di Sidone dove abbatte una Mercedes con all'interno un'intera famiglia innocente. Folman rivela inoltre della presunta visione del massacro, ma Carmi, pur ricordando la guerra, non ricorda però il massacro. Mentre si reca con un taxi all'aeroporto di Amsterdam, ha poi una visione del suo primo giorno di guerra, quando aveva ricevuto da un ufficiale l'ordine di scaricare con un veicolo trasporto truppe M113 alcuni morti e feriti su di una spiaggia.

Comincia così ad intervistare altri suoi amici e altri soldati che hanno prestato servizio in guerra, oltre ad una psicologa militare e al reporter televisivo Ron Ben-Yishai. Il racconto di ognuno di essi diventa un flashback, che presenta un frammento sempre nuovo del conflitto.

Questo susseguirsi di testimonianze fa emergere dalla memoria di Folman i suoi ricordi, che diventano sempre più definiti, fino ad arrivare ai giorni cruciali del massacro di Sabra e Shatila ad opera dei falangi libanesi, di cui è stato testimone oculare. Si rende così conto che la sua amnesia derivava dai sensi di colpa.

Le ultime immagini del film non sono più in animazione, ma sono filmati d'archivio, che ritraggono i cadaveri del massacro in mezzo alle macerie del campo profughi: queste immagini reali, al termine di un film di animazione, colpiscono lo spettatore con una crudezza particolare e nuova.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

È una co-produzione internazionale, che coinvolge paesi come Israele, Germania e Francia, per la cui realizzazione ci sono voluti quattro anni. Prodotto dalla casa di produzione Bridgit Folman Film Gang su oltre 2000 tavole disegnate. Il film miscela musica classica e musica rock anni ottanta, grafica realistica e surreale con illustrazioni simili ai fumetti. Quasi tutto il film è stato realizzato con la tecnica d'animazione, fatta eccezione per il breve segmento conclusivo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Italia il 9 gennaio 2009.

Accoglienza e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in concorso al 61º Festival di Cannes[1] e ha vinto il Golden Globe 2009 per il miglior film straniero.

Inoltre è stato inserito dal The Guardian al primo posto nella classifica dei migliori film d'animazione della storia del cinema.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2008, festival-cannes.fr. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  2. ^ I 10 migliori film di animazione secondo il Guardian, ilpost.it, 21 novembre 2013. URL consultato il 1º febbraio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN216869418 · GND: (DE7703490-9
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema