Umberto Carpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Carpi
Umberto Carpi.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XII, XIII
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista, poi Democratici di Sinistra
Circoscrizione Toscana
Collegio Valdera e Pisa
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Rifondazione Comunista, poi Pds
Professione docente universitario

Umberto Carpi (Bolzano, 21 maggio 1941Pisa, 6 agosto 2013[1]) è stato un politico e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bolzano, visse gran parte della sua vita Pisa. Fu uno degli uomini più rappresentativi del Sessantotto pisano, collaborando alla stesura delle celebri Tesi della Sapienza nel 1967, e fu sempre vicino agli ambienti del PCI ed alla cultura del marxismo italiano, gramsciana. Per molti anni è stato professore universitario di letteratura italiana presso l'Università di Pisa[2]. Viene eletto per la prima volta senatore nel marzo del 1994 con Rifondazione Comunista[3]. Sarà rieletto anche nella successiva legislatura, ma in quest'ultima si iscriverà al gruppo di Sinistra democratica al Senato.

Nel 2002 è stato eletto Sindaco di Crespina nelle file de L'Ulivo, ottenendo il 65,9% dei consensi[4].

Incarichi parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della commissione parlamentare Industria, commercio e turismo e della commissione per l'Indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Sottosegretario di Stato[modifica | modifica wikitesto]

È stato sottosegretario di Stato per l'industria, il commercio e l'artigianato nel primo governo di Romano Prodi (dal 22 maggio 1996 al 20 ottobre 1998) e nel primo governo di Massimo D'Alema (dal 22 ottobre 1998 al 21 dicembre 1999).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il poeta e la politica. Belli, Leopardi, Montale, Liguori, 1978, ISBN 978-88-207-0114-7.
  • Giornali vociani, Bonacci, 1979, ISBN 978-88-7573-123-6.
  • Bolscevico immaginista. Comunismo e avanguardie artistiche nell'Italia degli anni Venti, Liguori, 1981, ISBN 978-88-207-1053-8.
  • L'estrema avanguardia del Novecento, Editori Riuniti, 1985, ISBN 978-88-359-2799-0.
  • La Voce. Letteratura e primato degli intellettuali, Pensa multimedia, 2003, ISBN 978-88-8232-234-2.
  • La nobiltà di Dante, Polistampa, 2004, ISBN 978-88-8304-753-4.
  • Carducci. Politica e poesia, Scuola Normale Superiore, 2011, ISBN 978-88-7642-402-1.[5]
  • Patrioti e napoleonici. Alle origini dell'identità nazionale, Scuola Normale Superiore, Pisa 2013
  • L'inferno dei guelfi e i principi del Purgatorio, Franco Angeli, Milano 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN90119183 · ISNI: (EN0000 0000 8276 3618 · SBN: IT\ICCU\CFIV\014164 · LCCN: (ENn81106844 · GND: (DE119354853 · BNF: (FRcb12019661p (data)