UEFA Futsal Champions League

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da UEFA Futsal Cup)
Jump to navigation Jump to search
UEFA Futsal Champions League
SportFutsal pictogram.svg Calcio a 5
TipoSquadre di club
ContinenteEuropa
OrganizzatoreUEFA
CadenzaAnnuale
Aperturaautunno
Partecipanti59
Sito Internetuefa.com
Storia
Fondazione2001
Numero edizioni19 al 2019-2020
DetentoreBarcellona
Record vittorieInter (5)
Edizione in corso2020-2021
Icon UEFA Futsal Champions League.svg
Trofeo o riconoscimento

La UEFA Futsal Champions League è l'unica competizione continentale di calcio a 5 per club organizzata dalla UEFA. Istituita nel 2001 come Coppa UEFA (UEFA Futsal Cup), è stata riservata fino al 2017 alle squadre vincitrici dei rispettivi campionati nazionali. Dall'edizione 2017-18 i campionati che occupano le prime tre posizioni del ranking sono rappresentati da due formazioni ciascuno[1]. L'anno seguente la competizione ha assunto l'attuale denominazione, mantenendo sostanzialmente invariata la formula.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La coppa viene considerata come il massimo alloro continentale per le formazioni europee di club; nelle sue edizioni vi è stato uno schiacciante predominio delle squadre spagnole che hanno conquistato il titolo di squadra Campione d'Europa ben otto volte su sedici edizioni.

Le prime due edizioni della coppa hanno rappresentato una continuazione del dominio continentale del Castellón, già vincitore dell'European Champions Tournament nel 2001, le due finali vinte ai danni dei belgi dell'Action 21 Charleroi pongono la squadra spagnola nell'olimpo dei club europei assieme all'Inter Fútbol Sala.

Dall'edizione 2004 la Coppa ha cambiato ogni anno padrone: dopo gli spagnoli dell'Inter che hanno battuto in finale il Benfica, è stata la volta della formazione belga del Charleroi giunta alla sua terza finale. Dopo una nuova vittoria degli spagnoli dell'Inter nel 2006, nel corso del 2007 i russi dell'MFK Dinamo Moskva hanno trionfato per la prima volta nella manifestazione.

Alla breve parentesi russa (due titoli in due anni con Dinamo e Sinara) è succeduto un nuovo dominio della penisola iberica: dopo il terzo titolo degli spagnoli dell'Inter, nella stagione 2009-2010 i portoghesi del Benfica hanno inaspettatamente battuto i campioni uscenti nella finale di Lisbona. Sempre nel 2009-2010 per la prima volta una squadra italiana è riuscita ad approdare alla final four; la Luparense che però è stata battuta dai futuri campioni del Benfica in semifinale e poi è giunta infine quarta dopo aver perso la finale per il terzo posto solamente ai rigori. Nell'edizione successiva giunge la prima affermazione italiana, è infatti il Montesilvano ad aggiudicarsi lo storico successo (primo per un team italiano).

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Sono ammesse alla Coppa le vincitrici dei rispettivi campionati nazionali, dopo una prima fase di prequalificazione, le formazioni sono divise in 8 gironi che si disputano su campo neutro. Fino alla stagione 2005-2006 le 8 vincenti si qualificavano ai due gironi di semifinale che decidevano le due squadre finaliste. La finale si svolgeva in due gare al termine delle quali si passava ai tempi supplementari ed eventuali rigori se il risultato permaneva in parità.

Dalla stagione 2006-07 la formula è mutata con la qualificazione di 16 formazioni a quello che è stato definito "turno élite": quattro gironi di quattro squadre ciascuno, da disputarsi nel campo di una delle quattro partecipanti al girone. Le quattro vincitrici accedono alla final four che decide la vincitrice.

Trofeo[modifica | modifica wikitesto]

Il trofeo della Coppa UEFA consiste di una base di metallo con una sfera di plexiglas che richiama il logo della competizione. Pesa 7,5 kg ed è alto 40 cm. Il trofeo è custodito dai vincitori della coppa per un anno e devono restituirlo alla UEFA due mesi prima dell'inizio della fase finale successiva. Una replica in scala del trofeo rimaneva permanentemente ai vincitori. Il trofeo originale veniva lasciato solamente ai club che hanno vinto la competizione tre volte consecutivamente o cinque volte in totale.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Sede Campione Risultato Secondo posto Semifinaliste
2001-02 Portogallo Lisbona Playas de Castellón 5 - 1 Action 21 Sporting CP
Spalato
Edizione Sedi Campione Risultato Finalista
2002-03 Belgio Charleroi
Spagna Castellón
Playas de Castellón 7 - 5 (1-1, 6-4) Action 21
2003-04 Spagna Torrejón
Portogallo Lisbona
Interviú 7 - 5 (4-1, 3-4) Benfica
2004-05 Belgio Charleroi
Russia Mosca
Action 21 10 - 9 (4-3, 6-6) Dinamo Mosca
Edizione Sede Campione Risultato Secondo posto Semifinaliste
2005-06 Spagna Alcalà
Russia Mosca
Interviú 9 - 7 (6-3, 3-4) Dinamo Mosca Kairat
Šachtar
Edizione Sede Campione Risultato Secondo posto Terzo posto Risultato Quarto posto
2006-07 Spagna Murcia Dinamo Mosca 2 - 1 Interviú ElPozo Murcia 1 - 1 (4-3 dcr) Action 21
2007-08 Russia Mosca Sinara 4 - 4 (3-2 dcr) ElPozo Murcia Dinamo Mosca 5 - 0 Kairat
2008-09 Russia Ekaterinburg Inter 5 - 1 Sinara Kairat 1 - 0 Dinamo Mosca
2009-10 Portogallo Lisbona Benfica 3 - 2 (dts) Inter Araz Naxçıvan 2 - 2 (5-4 dcr) Luparense
2010-11 Kazakistan Almaty Montesilvano 5 - 2 Sporting CP Kairat 3 - 3 (5-3 dcr) Benfica
2011-12 Spagna Lleida Barcellona 3 - 1 Dinamo Mosca Marca 3 - 3 (4-3 dcr) Sporting CP
2012-13 Georgia Tbilisi Kairat 4 - 3 Dinamo Mosca Barcellona 4 - 1 Iberia Star
2013-14 Azerbaigian Baku Barcellona 5 - 2 (dts) Dinamo Mosca Araz Naxçıvan 6 - 4 Kairat
2014-15 Portogallo Lisbona Kairat 3 - 2 Barcellona Sporting CP 8 - 3 Dina Mosca
2015-16 Spagna Guadalajara Gazprom Jugra 4 - 3 Inter Benfica 2 - 2 (2-0 dcr) Pescara
2016-17 Kazakistan Almaty Inter 7 - 0 Sporting CP Kairat 5 - 5 (3-2 dcr) Gazprom Jugra
2017-18 Spagna Saragozza Inter 5 - 2 Sporting CP Barcellona 7 - 1 Győri ETO
UEFA Futsal Champions League
2018-19 Kazakistan Almaty Sporting CP 2 - 1 Kairat Barcellona 3 - 1 Inter
2019-20 Spagna Barcellona Barcellona 2 - 1 ElPozo Murcia KPRF 2 - 2 (3-1 dcr) Tjumen'
2020-21 Bielorussia Minsk - -

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni vinte e secondi posti per squadra[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Vittorie Secondi posti Anni vittorie Anni secondi posti
Inter 5 3 2004, 2006, 2009, 2017, 2018 2007, 2010, 2016
Barcellona 3 1 2012, 2014, 2020 2015
Kairat 2 1 2013, 2015 2019
Playas de Castellón 2 0 2002, 2003 -
Dinamo Mosca 1 5 2007 2005, 2006, 2012, 2013, 2014
Sporting CP 1 3 2019 2011, 2017, 2018
Action 21 1 2 2005 2002, 2003
Sinara 1 1 2008 2009
Benfica 1 1 2010 2004
Montesilvano 1 0 2011 -
Gazprom Jugra 1 0 2016 -
ElPozo Murcia 0 2 - 2008, 2020

Edizioni vinte e secondi posti per nazione[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Vittorie Secondi posti Anni vittorie Anni secondi posti
Spagna Spagna 10 6 Inter (5), Barcellona (3), Playas de Castellón (2) Inter (3), ElPozo Murcia (2), Barcellona (1)
Russia Russia 3 6 Dinamo Mosca (1), Sinara (1), Gazprom Jugra (1) Dinamo Mosca (5), Sinara (1)
Portogallo Portogallo 2 4 Benfica (1), Sporting CP (1) Benfica (1), Sporting CP (3)
Kazakistan Kazakistan 2 1 Kairat (2) Kairat (1)
Belgio Belgio 1 2 Action 21 (1) Action 21 (2)
Italia Italia 1 0 Montesilvano (1) -

Capocannonieri[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Giocatore Squadra Reti
2001-02 Spagna Joan Linares Spagna Playas de Castellón
13
2002-03 Brasile André Vanderlei Belgio Action 21
15
2003-04 Brasile André Vanderlei Belgio Action 21
19
2004-05 Russia Sergej Ivanov Russia Dinamo Mosca
14
2005-06 Serbia Predrag Rajić Serbia KMF Marbo Beograd
12
2006-07 Ucraina Serhij Sytin Ucraina Šachtar
10
2007-08 Belgio Karim Bali Belgio Topsport Anversa
13
2008-09 Paesi Bassi Samir Makhoukhi Paesi Bassi FC Blok Beverwijk
9
'2009-10 Portogallo Joel Queirós Portogallo Benfica
12
2010-11 Francia Chimel Vita Nzaka Francia Kremlin Bicêtre
16
2011-12 Romania Ion Al-Ioani Ungheria Győri ETO
13
2012-13 Brasile Betinho
Slovenia Alen Fetić
Brasile Lucas Pinheiro
Belgio Amar Zouggaghi
Francia Sporting Parigi
Slovenia Litija
Francia Sporting Parigi
Belgio Topsport Anversa
10
2013-14 Brasile Betinho Francia Sporting Parigi
11
2014-15 Brasile Cafe
Guinea Equatoriale Roberto Tobe
Russia Dmitrij Prudnikov
Francia Sporting Parigi
Inghilterra Baku United
Russia Dina Mosca
10
2015-16 Russia Éder Lima Russia Gazprom Jugra
13
2016-17 Azerbaigian Bolinha
Slovenia Alen Fetić
Brasile Nenê
Finlandia Rami Tirkkonen
Slovenia Denis Totošković
Azerbaigian Araz Naxçivan
Slovenia Brezje Maribor
Cipro APOEL Nicosia
Finlandia FC YPA
Slovenia Brezje Maribor
9
2017-18 Marocco Halim Selmanaj Kosovo Liburni Gjakovë
12
2018-19 Polonia Michał Kubik Polonia Rekord Bielsko-Biała
10
2019-20 Brasile Renan Mantelli Cipro Omonia
16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) FutsalFeed, The story of the rebranded UEFA Futsal Champions League, su futsalfeed.com. URL consultato il 7 ottobre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio