Tremors 2: Aftershocks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tremors 2: Aftershocks
Tremors 2.jpg
Lo Shrieker in una scena del film
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1996
Durata95 min
Genereorrore, fantascienza, commedia, azione
RegiaS.S. Wilson
SoggettoS.S. Wilson, Brent Maddock, Ron Underwood
SceneggiaturaS.S. Wilson, Brent Maddock
FotografiaVirgil L. Harper
MontaggioBob Ducsay
MusicheJay Ferguson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tremors 2: Aftershocks (traduzione letterale Tremors 2: Scosse di assestamento) è un film del 1996, scritto e diretto da S.S. Wilson, sequel di Tremors e secondo capitolo dell'omonima serie cinematografica. Ha come protagonisti Fred Ward e Michael Gross, di ritorno dal primo film, con la partecipazione di Christopher Gartin e Helen Shaver.

Le recensioni per il film sono state per lo più positive, con alcuni critici che lo hanno etichettato come uno dei migliori sequel direct-to-video mai realizzati.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Grady Hoover e l'industriale Ortega rintracciano Earl Bassett (protagonista del primo film), che dopo i precedenti avvenimenti si è ritirato in un ranch e gestisce un allevamento di struzzi. Grady convince Earl ad accettare l'incarico di Ortega, che vorrebbe assoldarlo per eliminare dei Graboid che recentemente hanno causato problemi alla sua raffineria in Messico. Earl, inizialmente riluttante, accetta e Grady decide di unirsi a lui nella missione.

Dopo aver raggiunto la raffineria e aver fatto la conoscenza di Kate Reilly e del suo assistente Julio, i due iniziano il lavoro, eliminando facilmente molti Graboid tramite auto radiocomandate equipaggiate con dinamite, usate come esca per attirare le creature, fatte esplodere una volta ingoiata l'auto-esca. I Graboid, però, sono presenti in gran numero e, quando molti di loro si dirigono contemporaneamente verso il loro furgone, i due compagni decidono di fuggire e cercare aiuto. Earl contatta così Burt Gummer, mettendolo al corrente della situazione.

Alla raffineria, Kate, grazie a un lungo studio di un reperto fossile di Graboid, scopre che questi sono forme di vita precambriane, cioè risalenti agli organismi unicellulari. Poco dopo alla raffineria giunge Burt, con un camion dell'esercito messicano carico di armi ed esplosivi, e fa capire di aver accettato perché la moglie Heather lo ha lasciato, ragione per cui ora la caccia ai Graboid è l'unica cosa che gli sia rimasta per cui valga la pena di vivere. A questo punto Grady, Earl e Burt riprendono la missione spartendosi il territorio di ricerca.

Durante una battuta di caccia, Earl e Grady hanno un incontro ravvicinato con un Graboid che è apparentemente affaticato e inoffensivo, ma la sorpresa improvvisa fa perdere loro il controllo del furgone, che cade in un piccolo dirupo, senza possibilità di risalire. I due chiedono aiuto a Kate, che manda in loro soccorso Pedro, capo ingegnere della raffineria. Nella notte il Graboid emette latrati di sofferenza: andando a controllare, i due lo trovano completamente sbranato e all'interno vedono tre grosse sacche.

Dopo aver avvistato in lontananza il camion di Pedro, Earl e Grady decidono di raggiungerlo, ma lo trovano distrutto, con Pedro morto al suo interno. Tentano poi di raggiungere il ripetitore in cerca di una radio funzionante, ma lo trovano completamente devastato da mostriciattoli bipedi delle fattezze dei Graboid, ma molto più piccoli: gli Shrieker. I due riescono comunque a fuggire con una macchina dirigendosi alla raffineria. Nello stesso tempo Burt, credendo di essere rimasto isolato per l'impossibilità di usare la radio, decide di rientrare alla base e viene attaccato da un branco dei nuovi mostriciattoli.

Al mattino del giorno seguente, alcune delle nuove creature raggiungono la raffineria, sbranando Julio e costringendo Kate a nascondersi; Earl e Grady sopraggiungono poco dopo. Di lì a poco, arriva anche Burt, che rivela di essere stato attaccato da un branco di almeno una ventina degli stessi mostri, di essere riuscito a ucciderli tutti (alcuni anche a mani nude) e di averne catturato uno tramortito ritenendolo importante da studiare. Il gruppo decide di esaminarlo, scoprendo così che le tre placche che si sollevano sul capo dei mostri contengono un organo che funziona come sensore per rilevare il calore e intuisce che i vermi sono mutati, dando alla luce una nuova forma di vita, lo Shrieker, e che ogni Graboid ne genera tre.

Nel frattempo, però, un altro Shrieker, sopravvissuto allo scontro con Burt e rimasto nascosto sotto il camion a sua insaputa, trova una confezione del particolare cibo super nutriente di Burt (PPC, Pasti Pronti al Consumo). Da quell'unico Shrieker, grazie alle scorte del cibo di Burt, si genera un altro gruppo di mostri, che si moltiplicano per scissione. Dopo essere fuggiti e aver trovato un temporaneo rifugio sopra un edificio della raffineria, Burt, rimasto a terra, riesce a farsi inseguire con uno stratagemma, riuscendo a rinchiudere tutti gli Shrieker nel deposito vicino, contenente però anche notevoli scorte di cibo.

Prima che il numero di mostri degeneri, Earl decide di agire: per non essere localizzato dai sensori termici degli Shrieker, si fa cospargere con la schiuma di un estintore, schermando il proprio calore corporeo, e introducendosi nel magazzino. Raggiunto il camion di Burt, con a bordo oltre due tonnellate di esplosivo, Earl innesca una bomba, fuggendo per un soffio dal magazzino con l'aiuto dei compagni. Il gruppo si allontana di corsa, rifugiandosi in un canalone. Il magazzino e tutta la raffineria circostante vengono rasi al suolo dall'esplosione, che elimina tutti gli Shrieker al suo interno. Earl si fidanzerà poi con Kate.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che il film era stato finito, la sua data di uscita è stata ritardata numerose volte quando le proiezioni di prova sono state accolte con recensioni entusiastiche, che hanno portato i suoi creatori e lo studio a prendere in considerazione la distribuzione nelle sale. Una data di uscita è stata finalmente fissata per il 9 aprile 1996, più di due anni dopo la fine del film.[2] Sebbene un'uscita nelle sale fosse considerata troppo costosa, il film ha avuto una distribuzione molto limitata nei cinema internazionali.

Da marzo 2021, Tremors 2: Aftershocks detiene attualmente una valutazione del 50% su Rotten Tomatoes.[3] TV Guide ha dato al film una recensione positiva, dicendo "questo film è una rarità tra i sequel direct-to-video, uno che non solo è degno del suo predecessore teatrale, ma suggerisce che anche questo appartenga al grande schermo... budget inferiore, i mostri rimangono del tutto convincenti."[4] Ty Burr di Entertainment Weekly ha dato al film un C+ misto, definendolo "sicuramente non così male come molti sequel straight-to-tape" e ha ulteriormente elogiato la recitazione, le scenografie e gli effetti speciali, ma ha criticato negativamente la seconda parte del film, affermando che "il film diventa un'imitazione sfacciata di Jurassic Park".[5] In un saggio sui sequel horror direct-to-video, Gavin Al-Asif per il Houston Chronicle ha dato al film una recensione entusiastica, affermando che "Tremors 2 è probabilmente il miglior sequel direct-to-video mai realizzato... è un passo avanti rispetto a tutti i suoi concorrenti, inclusi alcuni sequel cinematografici".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema