Tour della Nazionale di rugby a 15 dell'Irlanda 1997

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Irlanda
in tour 1997
Incontri del tour 1997
Allenatore Inghilterra Brian Ashton
Capitano Gabriel Fulcher
Destinazione Nuova Zelanda
G V N P
Totali 7 1 0 6
Incontri del tour 1997
Allenatore Inghilterra Brian Ashton
Destinazione Italia
G V N P
Totali 1 0 0 1
Test match 1 0 0 1
Avversari nei test match
Nazionale G V N P
Italia Italia 1 0 0 1

La Nazionale d'Irlanda di rugby a 15 effettuò, nel 1997, un tour che si svolse tra Oceania (a metà anno) e Italia (a dicembre).

Essendo i migliori elementi irlandesi impegnati nel tour dei British Lions in Sudafrica, la Federazione irlandese battezzò la spedizione in Oceania Irish A developmental tour[1] e la Nazionale impegnata, l'Irlanda A, non concesse test match e presenze internazionali.

La spedizione oceaniana, che prevedeva cinque incontri di club in Nuova Zelanda più l'incontro con i New Zealand Māori nonché un ulteriore incontro in casa delle Samoa Occidentali, si risolse in una vittoria contro sei sconfitte complessive.

Il C.T. inglese dell'Irlanda, Brian Ashton, dovette forzosamente assemblare una formazione rimaneggiata e piena di molti giovani, dal carattere spiccatamente sperimentale[2]; le prime tre partite furono pesanti sconfitte, 16-69 contro Northland, 15-74 contro New Zealand Academy (una sorta di Nazionale A) e 39-52 contro Bay of Plenty[2]; la prima e unica vittoria giunse contro Thames Valley per 38-12. Quando l'Irlanda perse 10-41 contro i New Zealand Māori[3] Ashton parlò di progresso in quanto risultato ottenuto contro la più forte selezione del tour[2].

L'ultimo impegno del tour oceaniano fu ad Apia contro le Samoa Occidentali[4] con una formazione che allineava solo tre elementi con test match al loro attivo (Conor O'Shea, Brian O'Meara e il capitano della spedizione Gabriel Fulcher[4]).

Nonostante la sconfitta per 25-57 la prestazione fu giudicata positivamente in ragione della maggiore esperienza internazionale degli avversari e la temperatura proibitiva (sopra i trenta gradi) in cui la partita si tenne[5]; fu anche vista come un punto di ripartenza dopo le carenti prestazioni dell'Irlanda maggiore[5].

A fine anno l'Irlanda fu in Italia per restituire la visita degli Azzurri che, a gennaio, avevano vinto a Dublino 37-29; il test match si svolse al "Dall'Ara" di Bologna e fu di nuovo una vittoria italiana, per 37-22, anche se fino al 55' il risultato era ancora in bilico sul 12-12[6][7]; furono Diego Domínguez, Corrado Pilat e Cristian Stoica, in meno di dieci minuti, a scavare il solco tra le due squadre e ad assicurare la vittoria all'Italia[7].

La sconfitta in Italia fu vista come preludio a un inverno foriero di preoccupazioni in vista del Cinque Nazioni 1998[8] che, in effetti, fu chiuso con il whitewash irlandese.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Whängärei
22 maggio 1997
Northland 69 – 16 Irlanda A Lowe Walker Stadium

Albany
26 maggio 1997
NZ Academy Flag of New Zealand.svg 74 – 15 Irlanda A North Harbour Stadium

Rotorua
29 maggio 1997
Bay of Plenty 52 – 39 Irlanda A Rotorua International Stadium

Paeroa
1º giugno 1997
Thames Valley 12 – 38 Irlanda A Paeroa Domain

Taupo
6 giugno 1997
King County 32 – 26 Irlanda A Owen Delany Park

Palmerston North
10 giugno 1997, ore 19:30 UTC+11
NZ Māori 41 – 10 Irlanda A Arena Manawatu

Apia
14 giugno 1997, ore 16 UTC+12
Samoa Occidentali Samoa Occidentali 57 – 25 Irlanda A Apia Park (12 000 spett.)
Arbitro Nuova Zelanda Glenn Wahlstrom

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Bologna
20 dicembre 1997
Italia Italia 37 – 22
referto
Irlanda Irlanda Stadio Renato Dall'Ara
Arbitro Francia Didier Mené

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ O'Reilly, pag. 162
  2. ^ a b c (EN) Gerry Thornley, Irish tackling to face another major test, in Irish Times, 9 giugno 1997. URL consultato il 30 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2015).
  3. ^ (EN) Gerry Thornley, Hope restored as Irish stem black tide, in Irish Times, 11 giugno 2015. URL consultato il 30 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2015).
  4. ^ a b (EN) Gerry Thornley, Daunting end of tour task for Ireland, in Irish Times, 14 giugno 1997. URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2015).
  5. ^ a b (EN) Gerry Thornley, Samoans witness start of Irish rugby revolution, in Irish Times, 16 giugno 1997. URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2015).
  6. ^ (EN) Backs to the wall after shocking Irish display, in Irish Independent, 22 dicembre 1997. URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2015).
  7. ^ a b Corrado Sannucci, L'Italia supera le sue paure, in la Repubblica, 21 dicembre 1997. URL consultato il 31 agosto 2015.
  8. ^ (EN) Italian defeat suggests long winter of discontent, in Irish Independent, 22 dicembre 1997. URL consultato il 31 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby