Topazia Alliata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Topazia Alliata (Palermo, 5 settembre 1913Roma, 23 novembre 2015) è stata una pittrice, scrittrice e gallerista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Palermo il 5 settembre 1913, figlia del principe Enrico Alliata di Villafranca (5 luglio 1879 - 14 dicembre 1946), membro di una nota famiglia aristocratica siciliana di origine toscana, gli Alliata, proprietario dei vini "Corvo" e ultimo signore delle cantine di Casteldaccia.

La madre era l'aristocratica Oria Sonia Maria Amelia de Ortuzar Ovalle de Olivarez (11 giugno 1892 - 11 agosto 1981), figlia di un diplomatico cileno. Nata e cresciuta a Parigi, Oria Sonia Ortuzar fu da giovane una promettente cantante lirica, allieva di Enrico Caruso.

Topazia cresce così in un ambiente familiare ricco di stimoli culturali, in quella che allora era una delle più grandi famiglie dell'aristocrazia siciliana. Nonostante il nome e la cultura, sceglie tuttavia di percorrere una strada del tutto diversa: giovanissima aderisce infatti ad un movimento pittorico d'avanguardia ed espone quadri, non senza dare scandalo alla buona società palermitana dell'epoca. I suoi amici vengono dal popolo, e si chiamano Nino Franchina e Renato Guttuso.

La famiglia aveva scelto per lei un conte inglese, ma Topazia preferisce un allora sconosciuto intellettuale fiorentino che sarebbe diventato uno dei più grandi antropologi del Novecento: Fosco Maraini, e lo sposa a Firenze nel 1935. Insieme al marito e alla prima figlia, la futura scrittrice Dacia Maraini, si trasferisce in Giappone. A Sapporo nasce Yuki nel 1939. A Tokio nasce Antonella detta Toni nel 1941. A seguito dei fatti dell'8 settembre 1943, in quanto non aderente alla Repubblica Sociale Italiana, Topazia, con l'intera famiglia, è internata in un campo di prigionia.

Dopo la guerra, nel 1946, torna in Sicilia, a Bagheria, e con la famiglia si trasferisce nella monumentale Villa Valguarnera. Lo stesso anno muore il padre e Topazia gli succede alla guida delle cantine di Casteldaccia. È stata la creatrice del vino "Colomba platino", un bianco ancora oggi prodotto con il marchio "Corvo". In un momento estremamente difficile, nella Sicilia del dopoguerra, fa di tutto per risollevare le sorti dell'azienda ma nulla vale a impedirne la vendita, avvenuta alcuni anni dopo, nel 1959. Con lei finisce la storia secolare che legava la famiglia Alliata alle cantine di Casteldaccia.

In quegli anni Topazia Alliata è vicina a Danilo Dolci, padre della nonviolenza e della lotta alla mafia, tuttavia senza mai aderire ufficialmente a nessun partito politico.

Nel 1959 apre una galleria d'arte a Trastevere, la "Galleria Topazia Alliata", dove espone pittori dell'avanguardia.

Ha preso parte alla fondazione del Museo Guttuso di Bagheria.

Muore a Roma il 23 novembre 2015 all'età di centodue anni.[1]

Il suo corpo è sepolto accanto a quello del padre Enrico, nel cimitero di Casteldaccia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dacia Maraini, Bagheria, Rizzoli, 1996.
  • Orietta Guaita, Giovanni Guaita, L'isola perduta, Rizzoli, 2003.
  • Toni Maraini, Ricordi d'arte e prigionia di Topazia Alliata, Sellerio editore, 2003.
  • Toni Maraini, La lettera da Benares, Sellerio editore, 2007.
  • Fosco Maraini e Topazia Alliata, Love Holidays. Quaderni d'amore e di viaggi, Rizzoli, 2014.
  • Fosco Maraini e Topazia Alliata, Love Holidays. Quaderni d'amore e di viaggi, Rizzoli, 2014.
  • Anna Maria Ruta, Topazia Alliata. Una vita per l'arte, Fondazione Santelia, 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35520497 · ISNI (EN0000 0000 5543 9548 · SBN IT\ICCU\BVEV\028384 · LCCN (ENn2004043207 · GND (DE12889766X