Too Fast for Love

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Too Fast for Love
ArtistaMötley Crüe
Tipo albumStudio
Pubblicazione10 novembre 1981 (Leathür)
20 agosto 1982 (Elektra)
Durata38:24 (1981)
34:03 (1982)
Dischi1
Tracce10 (1981)
9 (1982)
GenereHeavy metal
Hair metal
Hard rock
Sleaze metal
EtichettaLeathür (1981)
Elektra (1982)
ProduttoreMötley Crüe
Registrazione1981, Hit City West, Hollywood, California
FormatiLP, CD, MC
Certificazioni
Dischi di platino  Stati Uniti[1]
(vendite: 1 000 000+)
Mötley Crüe - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1983)
Singoli
  1. Live Wire
    Pubblicato: 16 agosto 1982
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[2]

Too Fast for Love è il primo album in studio del gruppo musicale statunitense Mötley Crüe. Le prime 900 copie in vinile furono pubblicate il 10 novembre 1981 dall'etichetta originale del gruppo, la Leathür Records, per poi essere remixato sotto la supervisione di Roy Thomas Baker l'anno seguente, quando il gruppo firmò per la Elektra Records. Questa nuova edizione presenta una tracklist diversa, che non include il brano Stick to Your Guns, in seguito reinserito come traccia bonus nella ristampa del 2003. Il mix originale dell'album è rimasto inedito su compact disc fino a quando è stato incluso nel cofanetto Music to Crash Your Car to: Vol. 1.

Musicalmente l'album mescola elementi punk rock, glam rock e heavy metal. La copertina prende spunto dall'album dei Rolling Stones Sticky Fingers (1971).

Mentre l'album raggiunse solo il 77º posto nella classifica statunitense Billboard 200,[3] con il passare degli anni avrebbe conquistato la certificazione di disco di platino dalla RIAA per le vendite di oltre un milione di copie.[1] Nel giugno del 2017 la rivista Rolling Stone ha collocato l'album alla ventiduesima posizione dei 100 migliori album metal di tutti i tempi.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Leathür Records (1981)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Live Wire – 3:14 (Nikki Sixx)
  2. Public Enemy #1 – 4:21 (Sixx, Lizzie Grey)
  3. Take Me to the Top – 3:43 (Sixx)
  4. Merry-Go-Round – 3:22 (Sixx)
  5. Piece of Your Action – 4:39 (Sixx, Vince Neil)
  6. Starry Eyes – 4:28 (Sixx)
  7. Stick to Your Guns – 4:21 (Sixx)
  8. Come on and Dance – 2:47 (Sixx)
  9. Too Fast for Love – 3:22 (Sixx)
  10. On with the Show – 4:07 (Sixx, Neil)

Edizione Elektra Records (1982)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Live Wire – 3:14 (Sixx)
  2. Come on and Dance – 2:47 (Sixx)
  3. Public Enemy #1 – 4:21 (Sixx, Grey)
  4. Merry-Go-Round – 3:22 (Sixx)
  5. Take Me to the Top – 3:43 (Sixx)
  6. Piece of Your Action – 4:39 (Sixx, Neil)
  7. Starry Eyes – 4:28 (Sixx)
  8. Too Fast for Love – 3:22 (Sixx)
  9. On with the Show – 4:07 (Sixx, Neil)

Tracce bonus edizione rimasterizzata (2003)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Toast of the Town – 3:35 (Sixx, Mick Mars)
  2. Tonight (cover dei Raspberries) – 4:27 (Eric Carmen)
  3. Too Fast for Love (alternate intro) – 4:19 (Sixx)
  4. Stick to Your Guns – 4:23 (Sixx)
  5. Merry-Go-Round (live in San Antonio, TX) – 3:56 (Sixx)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Mötley Crüe - Too Fast for Love – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 25 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Steve Huey, Too Fast for Love, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 14 marzo 2015.
  3. ^ (EN) 312021 – Chart history, su Billboard. URL consultato il 10 novembre 2016. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.
  4. ^ (EN) Christopher R. Weingarten, Tom Beaujour, Hank Shteamer, Kim Kelly, Steve Smith, Brittany Spanos, Suzy Exposito, Richard Bienstock, Kory Grow, Dan Epstein, J.D. Considine, Andy Greene, Rob Sheffield, Adrien Begrand, Ian Christe, The 100 Greatest Metal Albums of All Time, su rollingstone.com, Rolling Stone, 21 giugno 2017. URL consultato il 13 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]