Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

The Ninja Warriors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Ninja Warriors
The Ninja Warriors.jpg
Schermata della versione Super Nintendo
Titolo originale ニンジャウォーリアーズ
Sviluppo Taito Corporation, Natsume (SNES), Virgin Mastertronic (altre conversioni)
Pubblicazione Taito Corporation
Data di pubblicazione 1988
Genere Picchiaduro a scorrimento
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Singolo giocatore o 2 alleati
Piattaforma Arcade, Amiga, Atari ST, ZX Spectrum, Commodore 64, Amstrad CPC, TurboGrafx-16, Super Nintendo
Supporto Cartuccia, Floppy disk
Specifiche arcade
CPU due 68000
Processore audio Z80 con YM2610
Schermo raster orizzontale
Risoluzione standard

The Ninja Warriors (ニンジャウォーリアーズ?) è un videogioco picchiaduro a scorrimento per arcade creato dalla Taito e pubblicato nel 1988.

Il cabinato è particolarmente insolito, consiste di tre schermi contigui: uno schermo è quello classico degli arcade da salagioco, mentre gli altri due ai lati dello schermo continuano l'ambiente di quello centrale.[1] Lo stesso cabinato era stato utilizzato in precedenza anche per Darius e Darius II, mentre la Konami aveva utilizzato un sistema simile per il suo titolo X-Men.

Negli anni seguenti il videogioco è stato convertito per le principali console e home computer in circolazione, come Amiga, Atari ST, ZX Spectrum, Commodore 64, Amstrad CPC, TurboGrafx-16 e Super Nintendo. Per quest'ultima piattaforma il videogioco fu sviluppato dalla Natsume con il titolo The Ninja Warriors Again in Giappone, mentre sul mercato europeo il videogioco mantenne il titolo The Ninja Warriors.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia prende vita in un futuro distopico nell'anno 1993, in cui il presidente degli Stati Uniti d'America Bangler ha imposto la legge marziale per risolvere le questioni della nazione, dando ai militari il controllo totale della legge. Un gruppo di scienziati anarchici guidati da un uomo di nome Marc[2] scatenano una rivolta contro il governo. Gli scienziati crearono due prototipi di ninja cibernetici in grado di subire molti danni prima di essere eliminati, avendo più possibilità di successo. Quindi per porre fine una volta per tutte alla tirrania di Bangler gli scienziati affidano la missione ai due ninja-robot (con i nomi in codice di ”Ninja” e ”Kunoichi”).[3]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è formato da cinque livelli[4] al termine dei quali il giocatore dovrà sconfiggere un boss di difficoltà crescente. Durante tutto il videogioco, il giocatore deve sconfiggere le forze del tiranno Bangler[5] fino a giungere allo scontro con quest'ultimo e ucciderlo.

Il giocatore può impersonare due androidi ninja: Ninja e Kunoichi. Nella versione per Super Nintendo fu aggiunto un altro personaggio, Kamaitachi.

  • Il Ninja è il più forte anche se il più lento, nella versione Arcade utilizza, come la Kunoichi, i Kunai mentre nella versione SNES usa il nunchaku nella sua combo semplice. Quando la barra del blaster si riempie questo può usare la combo speciale, che nel suo caso lancia delle bombe dalla mano.
  • La Kunoichi è la più equilibrata e come il Ninja utilizza i Kunai anche se questa li usa anche nella versione del Super Nintendo. Al termine della combo attacca con la katana mentre con il blaster al massimo può effettuare un attacco con la spada molto più potente.
  • Kamaitachi è il più veloce tra i tre robot ed è in grado di attaccare con artigli che ha sulle braccia. Usando il blaster, Kamaitachi esegue un attacco con l'artiglio allungando il braccio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Ninja Warriors (JPG) in Your Sinclair, nº 49, gennaio 90, p. 91, ISSN 0269-6983.
  2. ^ Mulk nella versione SNES
  3. ^ (EN) The Ninja Warriors (JPG) in Crash, nº 72, p. 52, ISSN 0954-8661.
  4. ^ Otto nella versione SNES
  5. ^ Banglar nella versione SNES

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi